Tempo Da Recuperare

Sono una performer. Amo esporre il mio corpo ed esplorare la mia fisicità. Ma purtroppo la vita reale, spesso, ci porta lontani da noi stessi, dalle nostre passioni. Come scrivevo prima, sono stata lontana dalla mia corporeità per troppo tempo. Poi mi sento troppo virtuale, comincio a perdere la confidenza con la mia fisicità, e allora sto cercando di riprendere in mano il mio corpo. Ho ripreso confidenza con le mie pinzette e le mie catene, ho tolto la polvere a collari e candele. Mi sento di nuovo viva finalmente. Sabato scorso, dunque, ho provato un'altra performance. In questa casa di campagna, isolata e lontana dalle frenesie della società industriale, ho fatto allestire una specie di quadrato di legno e ferro, una cornice, alla quale legarmi per i polsi e le caviglie. Prima di farmi legare, ho indossato il mio abbigliamento standard: collare con catene che terminano con pinzette ai capezzoli e grandi labbra. Un corpetto in lattice nero che lascia liberi i seni ma riveste busto e spalle, e delle lunghe cavigliere di pelle nera. E così mi sono fatta legare, i polsi in alto e le gambe allargate, una replica dell'Uomo Vitruviano. Ho fatto disporre attorno a me le mie solite candele, preservativi, mollette, qualche vibratore. Naturalmente non dovevano parlarmi, non dovevo parlare. Mi impongo di ascoltare solo le mie sensazioni, in quei momenti. Già nell'istante in cui vengo introdotta nella stanza la mia eccitazione comincia a crescere. Il mio corpo esposto e vulnerabile mi eccita in maniera parossistica. Come anche il sentire le mani che cominciano a toccarmi, a palparmi, a togliere e rimettere le pinzette, a esplorarmi dentro e fuori, davanti e dietro. Dita e lingue. Le candele potevano anche essere accese, e fatte colare su di me. Cosa che adoro. Adoro sentire la cera sul mio corpo e sulle mie parti già stuzzicate come clitoride e capezzoli. Il tormento si aggiunge al dolore. Poi quando si secca, spero sempre che qualcuno la tolga via con i denti, e che continui a leccare.

La maggior parte delle persone mi accarezzava e schiaffeggiava, mi leccava e mordicchiava, faceva colare cera e oli sul mio corpo. Mi hanno penetrata davanti e dietro con tutto ciò che poteva stare dentro un preservativo, con dita, candele e anche con un paio di carote trovate in giro, come anche con i vibratori. Mi hanno mordicchiato e stuzzicato a i capezzoli, fino a farmi piangere dal piacere e gemere dal dolore. In tutto ciò io sprofondavo nel mio corpo, assaporavo ogni sensazione fino al suo estremo, dagli orgasmi ravvicinati e consequenziali al piacere del lasciarsi andare dopo, e ritrovare la realtà, di nuovo il corpo, di nuovo il dolore, di nuovo la vita.

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!