Sabrina La Vacca (Intervista)

SABRINA LA VACCA (INTERVISTA)

per commenti nessunoitaca@libero.it

INTERVISTATORE: “Intanto dimmi il tuo nome e quanti anni hai”
SABRINA: “Si, Signore. Mi chiamo Sabrina ed ho 19 anni. Come posso servirla?”
I: “Per i nostri lettori, che non possono vederti, descriviti. Intanto devono sapere che sei totalmente nuda seduta su uno sgabello.”
S: “Sono bionda con i capelli lisci. Mi arrivano quasi al culo. Gli uomini dicono che il mio viso sembra quello di una bambolina, ma con labbra carnose ed occhi grandi che mi danno un espressione da vera troia sottomessa. Sono alta solo 1 metro e 50. Il mio corpo è magro, ma con curve molto seducenti, per quel che dicono gli uomini che mi usano. Ho il culo ritto e due gambe ben tornite. Quel che però attira davvero i maschi sono le mie grosse mammelle Ho un…”
I: “Su, Sabrina. Dicci che taglia porti e come sono le tue grosse tettone da vacca. Cosa fai, ti bagni gia ad essere trattata insultata? O Forse è quel dildo che ti apre il culo?”
S: “Mi scusi Signore se sono così sensibile. Porto una sesta. Le mie mammelle sono molto gonfie e morbide. Sono sempre piene di latte caldo che mi esce dai grossi capezzoli da vacca che ho. Si notano le vene sotto la pelle bianca... “
I: “Vedo che hai moltissimi segni sul corpo e sulle tettone.”
S: “Si Signore. Sono usata spesso come animale. Il mio padrone mi prende continuamente a cinghiate su ogni parte del corpo. Le mie tettone devono essere continuamente punite per essere così oscene… Vuole sentire come sono morbide e calde?”
I: “Che troia che sei… racconta come ti hanno usata il Padrone ed i suoi amici l altro giorno…”
S: “Oddio… mi sta tirando i miei capezzoli…. guardi quanto latte perdo… spero siano di suo gradimento… Si. La ltro giorno il mio Padrone ha invitato a cena 10 amici. Dopo averli serviti a tavola mi sono messa sotto ed ho spompinato tutti… la loro sborra era così buona… mi sono riempita il pancino, sa…. qualcuno mi ha anche pisciato in bocca.

Sono stata molto brave perchè sono riuscita a bere tutto senza far sporcare il pavimento. Quando ho finito di svuotare le palle e le loro vesciche mi hanno messa in un angolo con il viso a terra ed il culo ritto. Mi hanno inchiodato le tettone al pavimento di legno e mi hanno lasciata lì per essere montata dai cani.”
I: “Ti è piaciuto?”
S: “ Sono venuta molte volte. Mi hanno lasciata lì per ore. Alla fine ero in una pozza di sborra e piscio. Mi sono anche pisciata addosso. Le mammelle mi facevano tanto male. Credo che avevo 10 chiodi per mammella. Ad ogni di quei grossi cani il mio corpicino sembrava aprirsi in due e le mie povere mammelle sembravano strapparsi, ma ho goduto tanto a pensare che quei cani mi desideravano così tanto.. mi hanno riempito la pancina di sborra…”
I: “Con quanti uomini sei stata?”
S: “Non so in quanti mi hanno usata… tantissimi. Vede Signore… io sono solo un animale da usare… non ho nessun diritto a chiedere. Servo solo per dare piacere e far sfogare le voglie sul mio corpicino da troia. Fin da piccola ho vissuto così…”
I: “Oltre agli unomini ti accoppi anche con gli animali… con chi ti hanno fatto accoppiare?”
S: “Sono stata montata da molti cani, asini e cavalli… sono stata montata anche da un toro… ormai sono completamente sfondata, Signore. I miei buchi non si richiudono più. Più volte sono dovuta essere ricucita… Vuole sentire come sono aperta? Se vuole può infilarmi un braccio nel culo o due mani nella fica per sentire quanto sono aperta e calda dentro… guardi quanto è larga…”
I: “Ti hanno mai messo in cinta?”
S: “Tante volte Signore. La prima volta poco dopo che ho avuto il primo ciclo… sono rimasta incinta dopo essere stata stuprata per giorni da decine di uomini… Sa… gia a quella età avevo questo corpo da troia e portavo una quarta… sono sempre stata usata per le voglie più perverse… sempre…”
I: “Cazzo… ti è entrato metà braccio nel culo… e gemi come una cagna… senti quanto sei calda… adesso ti infilo in culo anche l altro braccio.
.. “
S: “Faccia di me quel che vuole Signore… servo solo a questo. Spero che il mio corpicino da troia possa piacerle… può anche picchiarmi o fare tutto ciò che desidera di me… Oddiooooooo… mi sta squartando in due… no… non si fermi… mi strappi pure… mi ha infilato entrambi i bracci nel mio culo slabbrato ed un piede nella mia fica da troia… spero le piaccia il mio calore…”
I: “Ti fa mai prostituire il tuo Padrone? Racconta metre ti apro, Puttana.”
S: “Mmmmmmhhhhhh…. siiii…. si… avvolte mi fa prostituire portandomi a battere nei parcheggi o nei campi profughi o rom… sono stata a prostituirmi anche al nono mese di gravidanza… può immaginare l effetto del mio corpicino da troia con queste tettone da vacca che perdono latte ed il mio pancino gonfio che sembrava esplodere… battevo completamente nuda… non so… in una notte mi avranno presa una cinquantina di uomini di colore… non solo per essere montata, ma anche per essere picchiata o fatta montare da i loro cani. Il mio padrone mi ha portata a battere ogni giorno in quel periodo perchè faceva molti soldi... “
I: “Quando è successo? Adesso girati ed appoggia le tue mammelle sul tavolo… voglio cinghiarle…”
S: “Si Signoreeeeeee…. oddiooo… mi è uscito il cuolo… guardi che prolasso… mi sta uscendo anche l utero… mi scusi se sono così oscena Signore… ecco le mie tettone… mi fanno male sa… sono tanto sensibili… guardi quanto latte fanno… posso mungermi per favore? Grazie Signore.”
I: “ Allora puttana… quando è successo?”
S: “Tanto tempo fa… non ricordo che età avevo… una volta si è fatto pagare un sacco di soldi per farmi esibire… sono stata brava sa… mi ha fatto partorire su un palco mentre ero stuprata da un gruppo di giganti neri superdotati e dai dei cani con dei cazzi molto grossi… è stato davvero umiliante… ho partorito 3 bambini mentre un cazzone nero mi inculava con violenza inaudita ed un cane mi scopava la bocca… credo che quel cazzo mi arrivasse quasi allo stomaco sa… poi ha fatto il nodo in gola e mi ha riempito lo stomachino della sua calda sborra mentre il gigante nero mi sborrava tutto nell intestino… ho avuto un orgasmo incredibile e nello spasmo ho partorito… poi hanno continuato a stuprarmi per l intera notte…”
I: “Guarda che troia… ti sei anche cacata e pisciata addosso per l eccitazione mentre lo raccontavi… non hai mai desiderato una vita normale?”
S: “Oddio… vuole frustarmi le mammelle con quella frusta? La eccita di più se continuo a mungermi mentre mi punisce le mie grosse mammelle piene di latte? Avvolte ci penso, ma so che non potrò mai avere una vita come tutte le altre ragazze.
Io sono solo un animale schifoso da usare. Chi mai potrebbe volere una ragazza con questo corpo da troia che è stata messa in cinta decine di volte da sconosciuti e fatta montare indistintamente da uomini ed animali?”
I: “Continua a mungerti, vacca… guarda quanto latte fai. Tieni… le tue mammelle da troia devono essere punite… conta le frustate puttana… vedi? Godi anche a farti frustare queste tettone da vacca… contale… dimmi cosa provi.”
S: …”Cinquanta, grazie Signore… provo un forte dolore ad ogni … le mie grosse mammelle sono così sensibili…. mi fanno sempre tanto male sa... quando sono da sola o se il mio Padrone non mi ordina altro le devo sorreggere con le mani perchè sono tanto grosse e pese… mi fanno tantissimo male… ho sempre paura che mi si strappano… e poi le sento sempre così gonfie di latte che spesso devo essere munta… Avvolte sembra che debbano esplodere… ...settanta, grazie signore… Ogni volta che la frusta mi lacera le mie tettone sento dolore ed una scossa di forte piacere che mi fa squirtare. Guardi come mi sta riducendo le mie povere mammelle… novanta… oddio… sto per venireeeeeee…. non si fermi per favore… non abbia pietà di questa inutile troia… queste grosse mammelle calde, burrose, e piene di latte hanno bisogno di essere punite… ne ho bisogno… me lo merito… il mio corpicino da vacca è troppo osceno…. merito di essere usata così…”
I: “Sei oscena. Ti sei vomitata sulle tettone martoriate tutto il piscio e la merda del tuo Padrone con cui ti sei nutrita stamani mattina appena sveglia… guarda che schifo… adesso prendi e mangi tutto… fino all ultimo pezzo…”
S: “Mi scusi Signore… si, mangerò tutto il mio vomito come vuole lei… mi perdoni se sono così stupida.”
I: “Brava… prendi in mano le tue mammelle e portatele alla bocca per leccarle… Racconta quante volte fai da cesso.”
S: “Si Signore… guardi come lecco le mie mammelle sporche di piscio e merda… sono così calde e buone… posso succhiarmi un po di latte caldo dai miei capezzoli?.
.. grazie Signore… è così buono… ogni mattina appena sveglio il mio Padrone usa la mia bocca come cesso per scaricare ogni suo escremento… io devo solo aprire la bocca e mangiare tutto… ogni volta che ne ha bisogno invece di andare al bagno usa la mia bocca come cesso fino a riempirmi il pancino… Spesso, quando invita altri amici mi usano tutti al posto del bagno… dicono che ho la mia bocca è solo un cesso fatto per succhiare cazzi e cacarci dentro… se lo desidera può usare la mia bocca per fare i suoi bisogni… Mangerò e berrò tutto… puo usare la mia bocca come se fosse una fogna…”
I: “Brava… hai mangiato e leccato tutto lo schifo che avevi vomitato... Adesso ti avviterò le tettone a questo tavolo e ci starai fino a quando il tuo Padrone non tornerà a prenderti…”
S: “Si… grazie Signore… oddio come sono grosse e lunghe… aaaaahhhhahhhhhh… mi sta passando da parte a parte le mie grosse mammelle piene di latte… mi lascerà così Signore? con il corpo sospeso e retto solo dalle mammelle fissate sul tavolo? Spero che non si strappino Signore…”
I: “No, puttana… adesso libero questi grossi serpenti… non sono velenosi… vedi? sono lunghi quasi 2 metri e larghi una decina di centimetri… per loro natura cercano tane calde ed umide… presumo che dopo averti morsa ovunque centinaia di volte ti entreranno dentro dalla fica, dal culo e dalla bocca... Buona fortuna troia…”
S: “Grazie Signore. Spero che il mio corpicino da troia sia di loro gradimento Signore…”

Ho lasciato Sabrina con le tettone avvitate al tavolo che tenevano il peso del suo esile corpo da vacca… decine di serpenti si sono avventati sulle sue grosse mammelle assaporando la loro consistenza calda e burrosa… altri si stavano gia insinuando nei suoi buchi… lei, da brava troia a semplicemente aperto la bocca e dilatato il buco del culo con le mani per renderli più facile l accesso. Prima di chiudere la porta il suo corpo era in preda a forti spasmi mentre dagli occhi uscivano grosse lacrime e dalla fica un mare di umori.

per commenti nessunoitaca@libero.it

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!