L'Ubriaco Generoso


Il programma era stabilito.
Rifugiarsi in quel bar vicino alla stazione dei treni, qui raggiungere con comodo una apprezzabile ebbrezza alcolica, attendere l'orario di partenza dell'ultimo treno della giornata, scendere alla stazione prevista e con l'unico taxi in esercizio raggiungere casa. E qui nascondersi e leccarsi le ferite.
Il bar era prettamente riservato alla clientela maschile, probabile che il proprietario-barista non sapesse mescere un aperol-spritz o un veneziano, bevande non ancora arrivate nella lista delle richieste del locale. Le donne entravano si ma non gradivano l'aspetto datato, neanche il colore scuro dei tavoli e del bancone e magari... se non uscivano prima, bevevano qualcosa in fretta e non ci tornavano certo.
Al momento gli avventori si contavano in:
Qualche lavoratore delle ferrovie in un tavolo in fondo che bevevano vino rosso e parlavano ad alta voce; io... appollaiato al bancone che bevevo birra alla spina e grappa di ginepro Steinhager e un tale in penombra in un separé che beveva chissà cosa, so solo che il barista era in pellegrinaggio continuo verso di lui. Ogni cinque minuti o meno partiva con un bicchiere pieno, lo lasciava sul tavolo del tizio e tornava. Regolare come il pendolo di un orologio svizzero.
Il barista era uno che si stancava presto ad alzare il braccio e alla fine scelse di lasciare la bottiglia della grappa davanti a me, lasciandomi il compito di versarla, la birra invece toccava spillarla a lui.
Un po' più tardi tornò da me con un altro boccale pieno e disse...
-Offerto dal signore del separé... chiede se magari volete raggiungerlo...-
Presi i bicchieri e bottiglia, mi alzai e raggiunsi l'uomo seduto, lo ringraziai e mi sedetti al suo tavolo.
-Figurati...- disse - chi non beve in compagnia o è un ladro o una spia... e noi non siamo nè l'uno nè l'altro, vero?-
Era evidente che era sulla buona strada per un bella sbronza ma erano affari suoi, era un bell'uomo sui cinquanta, pelle del viso liscia ed abbronzata, vestito bene.

.. camicia button down di Brooks Brothers, cravatta regimental, vestito su misura. Non provavo nessun senso di curiosità nei suoi confronti, facevo passare il tempo aspettando di prendere l'ultimo treno. Beveva bicchieroni di whisky di malto con ghiaccio con una regolarità apprezzabile, cercai per un po' di stare al suo passo, ma non mi era possibile, alla fine io dovevo bere quantitativamente di più e cioè una caraffa di birra contro il suo bicchiere. Rinunciai e continuai con il mio ritmo.
Di cosa parlano gli uomini quando sono soli? Di un bel po' di argomenti ma presto il discorso arrivò sul tema... lavoro.
Che facevo io?
Non mi andava certo di dirgli veramente cosa facevo e optai per una innocua menzogna inventata sul momento, gli dissi che facevo il correttore di bozze letterarie. Mi chiese se guadagnavo abbastanza, gli risposi di si, proprio giusto la somma per le mie necessità. Quindi mi chiese di indovinare che mestiere o professione facesse lui. Non mi andava di giocare ma giusto per finirla lì... abbozzai con... avvocato?
-Macchè avvocato... - rispose - sono uno strozzino...-
-Ma... - continuo' - uno strozzino legalizzato, ho tre negozi di compro oro e faccio soldi a palate... non puoi immaginare, complice lo stato fallimentare di questo paese, cosa la gente si vende! Gioielli di famiglia, della nonna, della mamma... collezioni di oggetti preziosi...-
-Insomma... - seguitò ancora - prendo la gente per il collo e approfitto del loro bisogno, della loro condizione di necessità, do' loro una miseria in cambio di fortune...-
-Guarda - disse mostrandomi l'orologio che portava al polso - Rolex Daytona d'oro in condizioni pari al nuovo... comprato da questo disgraziato a oltre ventimila euro... sai che me l'ha ceduto per soli duemila? Era proprio alle strette, povero cristo! -
Ma lo diceva con una strana vanteria, quasi di anti-autocompiacimento, per far capire che si disprezzava per questo.
Cazzo! Qualcuno che faceva davvero un lavoro talmente schifoso che riusciva a riabilitare i pusher che rifornivano chi si uccideva con la droga! E io mi lamentavo? Perché un rappresentante di una casa editrice mi aveva detto che, se proprio dovevo esternare il mio senso artistico, anziché scrivere vecchie storie di guerra che non interessavano a nessuno, dovevo scegliere altre strade e me le aveva indicate con dovizia: pittura, giardinaggio, ricamo.
..
Fanculo!
Glielo dissi che faceva un lavoro di merda, orribile, crudele, il peggiore che potessi immaginare.
-Eh si... - ammise - per questo bevo. Ogni sera vengo qui e bevo fino a cadere sotto il tavolo, solo da ubriaco riesco a sopportarmi, così dimentico che... per esempio... una vecchietta oggi ha portato una collana d'oro con un diamante e io le ho dato una vera miseria non contando il valore del diamante... l'ho imbrogliata alla grande!-
Avevo voglia di portarlo fuori nel vicolo accanto e dargli una bella pestata, rompergli il bel naso greco e qualche dente e fargli spendere parte della sua fortuna nel lavoro di un dentista, questo per pareggiare il conto dei tanti disgraziati che sfruttava, ma che me ne fregava in fondo? Niente...
Mi chiese se ero sposato.
No.
Lui si... aveva una bella moglie, giovane, solo che non gli riusciva a farselo diventare duro da un bel po', non riusciva più a scopare, era capace solo di bere fino a perdere i sensi.
Mi alzai per andare a prendere il mio treno, ma lui mi trattenne tirandomi per la manica della giacca.
Perché... mi disse, non andavo a dormire da lui? Intanto avremmo bevuto ancora, pagava tutto lui, in casa sua aveva una camera per gli ospiti con bagno e potevo fermarmi fino al giorno dopo.
Figurarsi se andavo a dormire nella casa di un parassita come lui! Feci per allontanarmi.
- E poi... c'è mia moglie... è bella davvero sai? Un corpo magnifico, tette e çulo sodi come marmo, calda...-
Cosa stava combinando il bastardo? Mi offriva la moglie che lui non riusciva più a scopare?
Guardai fuori e vedendo la pioggia che cadeva a scrosci, pensai... perchè no? Risparmiavo il costo di una puttana.
Volli chiarire per evitare equivoci.
-Tua moglie è d'accordo? L'avete già fatto stò giochino?-
-Le telefono... e glielo dico... ascolta anche tu. -
Prese quindi il cellulare e compose un numero, alla risposta si mise a parlare.
-Cara.
.. sto tornando a casa, porto un amico... userò io la camera degli ospiti... tu preparati... bene... a fra poco...-
- Visto...? - Mi si rivolse dopo... - tutto sistemato, io vado a dormire nella camera degli ospiti e tu nel mio letto... farai le mie veci... farai godere mia moglie, cosa che io non sono più capace di fare...-
La sua voce, pur impastata, non collimava con il suo vero stato, in realtà non riusciva a stare in piedi, riuscì comunque a far chiamare un taxi dal barista e a pagare il suo e il mio conto. Il suo portafoglio mostrava di contenere un bel fascio di banconote.
Il bicchiere della staffa lo offrì il locale e fu la classica goccia che fece traboccare il vaso. Fece appena a tempo a dire l'indirizzo al conducente che passò ad un stato d'incoscienza.
A destino pagai prendendo il suo portafoglio, aggiunsi una considerevole mancia, tanto che mi costava?
Pioveva e lui pesava. La casa era isolata e mostrava un unico cancello d'ingresso e un video-citofono.
La voce mi chiese chi ero... e risposi che riportavo a casa suo marito o meglio quello che lui era in questo momento. Un uomo ebbro, sfatto.
Mi fu aperto e trasportai a forza l'uomo fino a casa. La donna che mi ricevette era davvero bella, non aveva esagerato lo strozzino, è vero che il denaro è l'attrattiva maggiore per tante donne e che ti fa avere il meglio sulla piazza. E lei lo era... il meglio intendo.
Era bardata per le grandi manovre. Intimo nero e sopra una vestaglietta tanto trasparente da essere inutile, era solo un capriccio estetico di femmina.
Se pensava, addobbandosi così, che sedurmi fosse una cosa difficile e che doveva applicarsi al suo massimo, beh... si sbagliava!
Io, mi dissi, sono uno facile...
-Lo portiamo in camera... - disse a mò di saluto - e mi aiuti a spogliarlo...-
Precisai subito che lui voleva dormire nella camera degli ospiti e che lasciava il letto coniugale a me.
Tanto per chiarire.
Mi guardò fisso.

-Sei un bel bastardo, vero? - Aveva gli occhi interessati, ora. Mi scrutava con curiosità - Un vero figlio di puttana...-
-Non immagini quanto... - Le risposi, mentre trascinavamo l'uomo fino a coricarlo su un letto.
Mentre era chinata su di lui e gli apriva la camicia, sfilava la cravatta, io da dietro potevo vedere il suo culo.
L'intimo le era infilato fra le natiche e mostrava due chiappe opulenti.
Presi a toccarmi sopra i pantaloni.
Lei girò la testa e guardandomi...
-Ma che fai? Non puoi darmi una mano...? Su levagli le scarpe...-
Vincendo la voglia di fotterla proprio così, mentre stava chinata sul marito spostandole solo il fondo di quel minuscolo accessorio intimo che aveva fra le natiche, tolsi le scarpe all'uomo. Gli aprii la cintola e gli levai i pantaloni, ecco.... ora lo strozzino era a posto.
Lei si rialzò dalla posizione chinata e chiese
-Cosa ti stavi toccando prima...? Anziché aiutarmi?-
-Stavo controllando... - le dissi... - non sia mai che quanto ho bevuto assieme a tuo marito comprometta la mia virilità...-
-E...? - insistè ancora lei...
-Tutto a posto... controlla...-
Aprii la patta e lo feci uscire un po' a fatica perchè si era inturgidito ma non era completamente duro, la pelle del prepuzio copriva ancora parzialmente la cappella livida ma era comunque un bell'attrezzo. Largo e lungo, al momento leggermente piegato all'ingiù.
-Vieni... - disse - andiamo nell'altra camera...-
-No... cominciamo qui... con lui presente... su mettiti in ginocchio e prendimelo in bocca... su fallo! -
Vinsi una sua prima resistenza, pensava forse che era meno puttana se lo faceva non alla presenza del marito? Si rese conto che era più libidinoso farlo lì, in quella stanza, si inginocchiò e prese a leccarmelo, lo teneva bene per la base e lo bagnava, eccome lo bagnava! Passava la lingua sulla cappella violacea, con la lingua tentava la piccola apertura dell'uretra e poi leccava bene la verga fino ai coglioni. Il cazzo era lucido della sua abbondante saliva, quindi, mentre non staccava lo sguardo dal mio viso prese a infilarselo in gola, stringendo bene con le labbra.
Si... indubbiamente sapeva fare i pompini. Succhiava con voluttà, ed era evidente che prendeva piacere nel farlo. Come molte donne, per altro, che preferiscono succhiare cazzi ad essere scopate.
Non era mia intenzione venire così! E la fermai mentre sentivo l'orgasmo che si approssimava! La feci alzare e la chinai sul corpo del marito, le alzai l'inutile negligé e appoggiai la cappella al suo çulo. Strofinai per un po' fra le sue cosce, spostai lo slip e lo feci scorrere lungo lo spacco. Era umida e calda. Aperta.
Basta giocare. Cercai con la cappella e presi a spingere per penetrarla. Mi piaceva e mi piace da sempre quello strofinare iniziale, prima di vincere la resistenza della vagina ad aprirsi al cazzo che vuole entrare. Un po' di impegno ed ero dentro, presi a fotterla forte, alternando i colpi. Ora violenti e veloci, ora lenti e profondi, ora levando la verga e rimettendola di colpo e facendole così emettere un gemito di libidine.
-Sai... - le dissi con la voce alterata dalla voglia... - sembra che gli ubriachi siano comunque coscienti quando sono ebbri come tuo marito... chissà se non ti sta guardando... mentre godi del mio cazzo... magari è anche eccitato il porco...-
Era un gioco per farla eccitare maggiormente. Nessuna donna è immune dal piacere che le dà la constatazione di essere puttana.
-Porco...- rispose ansimando... - sei proprio un porco... mi stai facendo godere come mai nessuno...-
- Abbiamo appena iniziato... puttana... - risposi - su vediamo se magari tuo marito è di quelli che sono parzialmente coscienti anche da ubriaco... su... liberagli il cazzo... togligli il boxer... su... fallo... guardiamo il suo cazzo...-
-Porco... porco... -
Non perse tempo e liberò il cazzo del marito. Ora... non so per quale ragione, ma credetemi che il cazzo dell'uomo era quasi duro, poco mancava che svettasse in alto come l'asta di una bandiera!
Lo giuro! E' vero!
La cosa eccitò incredibilmente me e anche lei. E mentre seguitavo a vangarla con forza la costrinsi a prenderlo in bocca! Dire che lei godeva di questo è poco, sentivo la sua fica sciogliersi in una infinità di orgasmi! A volte staccava la bocca dall'asta che stava lavorando, che incredibilmente restava sempre durissima e rantolava dal piacere!
-Dai... dai... - la spronavo... - succhia di più... prendilo tutto in gola... dai dai... che lo facciamo godere... lo facciamo sborrare! -
Poi... pensai... perché non farle provare qualcosa di più? Da quanto non prendeva il cazzo del marito? Che magari amava, anche se era un farabutto parassita?
E mentre seguitavo a scoparla, presi a stuzzicarla...
-Da quanto non prendi il suo cazzo... puttana? Lo vorresti ora? Mentre è così duro? Ma... se ti ci impali sopra... sappi che mi metto dietro e ti inculo... su dimmi... da quanto non ti scopa...? -
-Tantissimo... non ricordo neanche quando... si... fammelo scopare... come dici tu... mi ci impalo... me lo metto dentro fino allo stomaco... e si... tu fottimi il culo... dai dai...-
Staccai dal suo corpo e la lasciai salire sul letto, scavalcare il corpo disteso del marito quindi abbassarsi, prendere in mano il cazzo duro e strofinarlo un attimo prima di farlo scomparire nella sua fica larga!
Aspettai godendomi la scena, lei che scopava il marito incosciente, che si alzava lentamente liberando il cazzo e abbassandosi facendosi cadere sul suo ventre infilandolo tutto!
Mi spoglia velocemente e salii sul letto, la costrinsi a piegarsi sul petto dell'uomo e presi a lavorarle l'ano. Dita e bocca... tanta saliva... sentire che il buco diventava via via sempre più disponibile e malleabile. Pronto per essere penetrato, non era certo la prima volta che prendeva un cazzo nel culo. I miei sforzi ottennero presto successo e sentii il suo muscolo anale cedere, prima potei inserire solo la cappella e poi... tutta la verga. Presi a fotterla forte, tenendola per i seni che le avevo liberato. Attraverso la sottile membrana perineale sentivo la sbarra di carne dell'uomo incosciente.
Non veniva il porco? Sentivo quanto era duro.
Lei stessa, la moglie, si lamentava mentre godeva, diceva che era una vera spada di carne che l'apriva in due.
Finalmente sentii, pur essendo sopra loro due, il corpo dell'uomo vibrare come una corda di violino e poi... rilassarsi. Era venuto, aveva goduto sborrando dentro la moglie.
Il suo viso mostrava una strana smorfia di soddisfazione, possibile? Altrettanto soddisfatta era la moglie ma certo non sazia. Ci portammo quindi nella camera da letto coniugale lasciando in pace lo strozzino.
Volli sapere da che parte dormisse l'uomo e saputolo mi asciugai il cazzo sul suo cuscino.
Nuda era davvero bella. Bel viso, occhi, bocca, belle tette... bel culo,
una fica anatomicamente un po' rara da vedere, bella bellissima, con le labbra che formavano due ali di farfalla. Era davvero piacevole incollarci la bocca e suggere. C'era lo sperma del marito? Si... ma l'avevo fatta pulire sommariamente e io non sono difficile. Mentre la leccavo, provavo a vedere quanto era larga di fica, prima inserendo due dita e strofinando all'interno proprio sotto al clitoride e poi... cercando di infilarle più dita possibile, tutte... e parte della mano! Si divincolava e teneva forte con le sue due mani il mio polso ma non si negava! Urlava che le stavo sfasciando, rompendo, demolendo la fica! E godeva, come godeva!
La scopai ripetutamente, ma senza venire, mi piaceva invece che fosse lei a godere di continuo, a urlare, a gemere, a divincolarsi! La presi ripetutamente nel culo, infine finimmo con lei che mi cavalcava lentamente, alzandosi e calandosi piano con le mie mani a stringerle ferocemente i capezzoli.
Appena goduto... tutto mi parve squallido.
E' la verità.
Era la presa di coscienza di me stesso.
Lo strozzino... la moglie... io... chi eravamo veramente?
Figure squallide, senza spessore, senza principi.
Ero preso dalla frenesia di uscire da quella situazione, fuggire via e dimenticare, lasciare anche questa esperienza dietro le spalle, scordarla.
Mi vestii in fretta, neanche ascoltavo la donna che esprimeva parole vuote e ripetitive.
Uscii e l'aria della notte che stava per finire e del giorno che iniziava mi riempì i polmoni.
Era meraviglioso... tornare a sperare che qualcosa potesse essere meglio di questo, consapevole che mi ero immerso nella melma e che volevo riemergere.
Raggiunsi con una lunga camminata la stazione e presi il primo treno utile.

Durante la notte comunque qualcosa di positivo successe, mi convinsi che potevo continuare a scrivere, a scrivere quello che mi pareva, che per me gli esami erano finiti e che non avevo bisogno dell'approvazione di nessuno.

Tibet

(Ovvio che questa storia è completamente di fantasia)

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!