Battuage

Era un periodaccio, il mio ragazzo mi aveva lasciato e, cosa che mi aveva ancor più addolorato, si era messo assieme a una ragazza. Avevo il morale sotto i tacchi, ritrovarmi solo dopo un anno intenso passato con Silvano e scoprire che, alla fin fine, si era messo con me perché non riusciva a trovare una figa mi aveva ridotto in uno stato di prostrazione totale. Uscivo di casa solo per andare a lavorare, mangiavo poco... insomma, non ero più io. Poi, una sera, ebbi come un'illuminazione: uscito dalla doccia mi guardai allo specchio e mi trovai appetibile. Le mie caratteristiche erano sempre quelle (niente barba, niente peli se non al pube e sotto le ascelle, un bel culetto) e allora mi dissi: "Cappero, a ventun anni non si può vivere così. Devo reagire!". Detto e fatto. Sapevo che a un paio di chilometri da casa mia c'era un parco che, col calar delle tenebre, diveniva un luogo di battuage per omosessuali. Non l'avevo mai frequentato, avevo anche un po' di paura per via degli incontri che si potevano fare, ma ero talmente determinato che mi vestii con dei pantaloni "fascianti", ottimi per mettere in risalto il mio culetto, e mi misi in macchina per raggiungere il luogo. Una volta arrivato trovai diversi ragazzi, e alcuni uomini, intenti a discutere piacevolmente tra loro. Come mi avvicinai devo dire che mi accolsero bene: mi chiesero il nome, si presentarono a loro volta, mi fecero un po' di altre domande chiedendomi, ovviamente, se fossi attivo o passivo, e devo dire di essermi trovato bene fin da subito. Poi, a un certo punto, due di loro, sulla trentina, mi chiesero se ero disposto ad andare con entrambi. Risposi di si, e allora ci addentrammo in un boschetto e a un certo punto, trovato uno spiazzo, ci fermammo. I nostri pantaloni caddero contemporaneamente, ci toccammo, ci baciammo con molta passione e poi cominciai a prendere in bocca i loro cazzi, che già erano comunque a buon punto. Messo il preservativo, il primo a incularmi fu Carlo: entrò con molta dolcezza e poi, una volta dentro, cominciò a pompare con decisione aumentando progressivamente il ritmo.

Dario, nel frattempo, si era messo a succhiarmi il cazzo e io ero invaso da ondate di piacere che non saprei descrivere. Davanti... dietro... era tutto un godere. Quando Carlo sborrò Dario non mi diede il tempo di tirare il fiato. Si sostituì all'amico e me lo mise dentro. Anche lui fu molto bravo, anche lui diede spinte progressivamente sempre più veloci, anche lui mi mandò fuori di testa. Carlo, nel frattempo, aveva preso il posto di Dario, e mi spompinò talmente bene che venni un po' prima che Dario sborrasse. Che chiavata! Una volta ricompostici rimanemmo ancora un po' sul posto a scambiarci piacevoli effusioni. E, a dire il vero, saremmo rimasti lì ancora un po' se non fossero arrivati due ragazzi per fare sesso. Usciti dal boschetto, tornati sul piazzale, Dario e Carlo espressero pareri favorevoli su di me. Venni quindi accolto molto bene nella "comunità" e in quel luogo tornai spesso e volentieri, accoppiandomi anche ad altri amici senza problemi. Più avanti cominciai a frequentare le saune, ma quel luogo di battuage non l'ho mai abbandonato. Una vera disdetta che ora non ci sia più: in quel luogo è sorto un centro commerciale. La fine di una poesia, che io ho "imparato" ventuno anni fa.

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!