Sono Gay?

Questo che sto per raccontare è l'inizio della mia vita da...Lo scoprirete leggendo e sarà molto eccitante. Lunedì mattina in viaggio un po' guardando dal finestrino del treno e un po' sonnecchiando. Arrivo in orario a mezzogiorno, un primo in rosticceria e subito in albergo. Pulito e accogliente, letto matrimoniale anche se sono solo, starò più comodo. Prima di farmi la doccia chiamo mia moglie per dirle che sono arrivato. Quattro chiacchiere un po' svogliate e chiudiamo. Dopo una vita insieme non è facile trovare nuovi argomenti. Apro l'acqua pensando alla riunione del pomeriggio dei responsabili di zona dell' Italia settentrionale, incontrerò quasi le stesse facce di sempre, sentirò le stesse voci e gli stessi argomenti. Quando mancano pochi anni alla pensione sembra tutto monotono, uguale. Il lavoro è bello e interessante ma l'età e il tempo lo rendono meno importante del passato. La piccola sala congressi è bella e ovattata e fa dimenticare il freddo e la pioggia di quel rigido Novembre. Entrando riconosco molti, visti agli incontri precedenti insieme ad alcune facce nuove. Presentazioni e strette di mano.  Mentre scorre la relazione del presidente e del responsabile spulcio le carte e il tablet per mettere a punto la mia relazione. Accanto a me un viso nuovo, ci presentiamo anche se ci siamo sentiti per telefono, è il nuovo responsabile della zona confinante con la mia. Ha qualche anno meno di me, è socievole e gradevole per poterci parlare, una persona che sembra un po' timida come me e ci intendiamo subito subito. Trascorrono le ore tra relazioni, previsioni e pause caffè. Alle diciannove circa il presidente ci da appuntamento per l'indomani mattina e il gruppo si scioglie can i saluti di circostanza. Fuori è freddo ma non piove, penso di percorrere a piedi la strada fino all'albergo. Ci arrivo dopo una mezz'ora di passeggiata. Ho bisogno di un'altra doccia, bollente, sento il desiderio di calore per scaldare non solo il corpo. Chiamo mia moglie, è più svogliata del solito, monotona, faccio fatica ad ascoltarla mentre mi racconta il suo pomeriggio.

Alla portineria dell' albergo chiedo dove poter mangiare e mi indicano un ristorante. Ce n'è uno più vicino ma il portiere mi dice, con un sorrisino, che non va bene per me. Mi incuriosisce e gli domando il perchè. Mi dice che si mangia benissimo ed è molto pulito ma è frequentato solo da omosessuali. Solo gay e lesbiche. Rispondo goffamente al sorrisino sarcastico ed esco. Il portiere mi dice che dopo le ventidue per entrare devo usare la tessera magnetica perchè non c'è nessuno. Dopo pochi passi comincia a piovere e io ho il maledetto vizio di non portarmi l'ombrello. Leggo l'insegna del locale particolare detto dal portiere, GL club. Passo avanti ma poi succede nella mia testa qualcosa. Mi fermo, giro su me stesso e torno indietro. L'ingresso è bello e signorile, penso che non è un club privato e, in fondo, chiunque può andare a mangiare. Poi piove e quindi mentalmente sono scusato. La verità inconscia è che non sono mai entrato in un posto così e sono maledettamente curioso. Appena entro trovo una ragazza dietro un piccolo bancone che mi accoglie con un sorriso e mi chiede se desidero mangiare. Al mio si tocca un tasto sullo schermo del pc e arriva un cameriere che mi accompagna al tavolo. le luci sono soffuse ma non è buio e c'è un pianista che suona con molta dolcezza. Mi siedo e prendo in mano il menù. La voce che sento da dietro rivolgersi a me mi fa congelare: Ciao, ma guarda che combinazione. La riconosco senza girarmi, è il collega nuovo incontrato all'incontro del pomeriggio. Me lo trovo in piedi davanti. Cerco di aprire bocca e di dire qualcosa ma lui mi ferma: Non devi trovare giustificazioni per essere qui, dovrei trovarne anche io e la maggior parte di quelli che ci siamo. Ti andrebbe di cenare insieme? Aspetto un paio di secondi e dico di si. Parliamo di lavoro e poi di vita. Mi dice che è sposato anche lui, che non è gay ma forse bisex. Gli confido che siamo molto simili. Lui qui ci è venuto un paio di volte, gli piace la cucina e la qualità del posto.
Ci confidiamo sempre di più, forse anche il vino che aiuta a disinibire. Lui ha avuto qualche rapporto omo da ragazzo, io solo da adolescente poi niente per entrambi. Mi domanda da quanto non faccio sesso e gli dico che neanche mi ricordo, anni. Ormai, gli spiego, fa molta fatica a diventarmi duro e mai abbastanza per avere rapporti e così abbiamo smesso, alludendo a mia moglie. Lui dice che con la sua ci scopa ma solo per accontentare un po' lei. Usciamo da quella cena lunghissima e, senza accorgercene, camminiamo fino al mio albergo. Ci fermiamo davanti al portone, piove un po' e io sento qualcosa dentro ma ho paura ad ammetterlo anche a me stesso, figuriamoci a confidarlo a lui. A un certo punto arriva il colpo di grazia per la mia mente: Ti dispiace se continuiamo su da te a parlare, qui fa freddo e piove. Io aspetto a rispondere, sono lacerato e impaurito ma, impensabilmente, eccitato. Non rispondo e prendo la tessera per aprire la porta e lui mi segue. Ci sediamo sul letto e lui accende la tv. Ci collega il suo smartphone e mi chiede: Quando ti masturbi che video guardi? E io: travestiti maturi, trans, gay neri e così via. Quella risposta mi è costata non so cosa, adesso ero completamente esposto. Lui comincia a scorrere i video sul cell che compaiono sullo schermo della tv. E' una persona molto discreta, educata, gentile e non è gay. Forse. Dopo poco si abbassa i pantaloni e gli slip, ha un bellissimo cazzo, se lo tocca scappellandolo completamente senza dire una parola. Non mi eccitano gli uomini ma i cazzi si, è bello, duro, bagnato. Mi chiede se ho voglia di farlo anche io, gli rispondo di si ma mi vergogno perchè il mio è più piccolo e moscio. La sua risposta è bellissima: Non sei con una donna, non devi dimostrare niente. Mi spoglio e in brevi ci troviamo nudi. Prima che io mi sieda lui mi tire verso di se e mi prende il cazzo in mano. E' piccolo e quasi completamente moscio. Lo scappella e lo sega un po' poi si avvicina e comincia a baciarlo e a leccarlo.
Sento un brivido che mi arriva dal pene alla testa. Il mio cazzo è tutto nella sua bocca, lo succhia con forza mentre colpisce la cappella con la lingua. Sono eccitato senza limiti ma le mie inibizioni non mollano. La mia erezione è scarsa e viene fuori tutto il mio essere passivo. mi fa stendere sul letto e si mette sopra di me, il suo cazzo bellissimo mi pende sul viso, lo prendo in mano, lo sego e sento che lui spinge per entrare nella mia bocca. Lecco la cappella violacea e bagnatissima, ha un sapore dolce. Lui fa dei lenti e dolci movimenti dentro e fuori dalla mia bocca e mi chiede di succhiarlo. Ho visto nei video porno che alcuni se lo fanno arrivare fino in gola e voglio sapere cosa si prova, ormai sono impazzito di voglia. Gli metto le mani sulle natiche e lo spingo verso di me, sento la sua cappella che mi entra dentro, ho un leggero conato di vomito ma resisto, mi sento senza respiro ma lo voglio, tutto. Quando non ne posso più lo faccio staccare, insieme al suo cazzo mi escono dalla bocca saliva e suoi umori che mi colano in faccia. Gli dico di smettere di succhiarmi altrimenti sborro. Lui resiste molto ma è eccitato al parossismo. Mi dice: Vuoi godere liberamente e molto? Certo. Rispondo. Allora, continua, devi dire tutto, ma veramente tutto, quello che pensi, che senti, che vuoi. Così farò anche io. Gli spiego, con l'ultimo briciolo di timidezza che mi è rimasto, che mi piace essere insultato e umiliato. Mi risponde che ci vorrebbe una mistress e ridiamo un po' ma che farà il possibile e mi chiede fino a che limite. Nessun limite, rispondo. Mi fa girare e mi fa mettere a pecora, prende la bustina di crema per le mani dell'albergo e me la spalma sul buco del culo. Ci infila dentro un dito, poi due. Qualcuno ti ha rotto il buco vero? Si, rispondo. Ti piace prenderlo nel culo? Si mi piace. Dimmelo. Incalza. Si mi piace prenderlo nel culo, voglio il tuo cazzo dentro, dammelo, riempimi il buco ti prego. Le sue dita mi girano dentro, sono aperto e pronto. Le sfila e appoggia la cappella sul buco.
Adesso mi rendo conto che è grosso, sembra impossibile che entri. Lui è dolcissimo, fa tutto molto lentamente, senza fretta. Mi dice frasi per eccitarmi: Spingi che si apre il buco. Lo sai che sei un frocetto voglioso di cazzo? Ti piace il cazzo nel culo. Apriti che ti faccio godere. Lo sento che si fa strada, ho un leggero dolore ma lo voglio, il desiderio è troppo forte. Ad un certo punto supera lo sfintere anale ed entra, tutto, tutto, tuttoooooo. Sono aperto, pieno del suo cazzo. Lui aumenta il ritmo e si lascia andare: Prendilo puttana, prendi il mio cazzo troia, dai godi di culo come le frocie, godi, godi, godi maiala. Allungo la mano per toccarmi il cazzo, quasi non lo trovo da quanto è moscio. Cola come una figa. Prendo in mano cazzino e palle e le stringo forte, sento una sensazione di dolore ma che si trasforma in piacere e arriva dietro. Tolgo la mano, non voglio sborrare adesso, voglio prolungare all'infinito quel piacere che viene dal culo. Capisco che lui sta per godere, me lo dice: adesso ti sborro dentro, ti riempio il culo della mia sborra calda, prendi la mia sborra vacca, dai prendila, godo, sborro, vengo, sborro, sborroooooo. Sento arrivarmi dentro il primo fiotto di sperma, poi un altro, e ancora, ancora. Finisce di sborrare e si ferma. Si adagia sulla mia schiena e, piano, piano, sento il suo cazzo ammosciarsi finchè esce da solo dal culo. Sono appagato come se avessi sborrato ma lui è generoso. Mi fa stendere sulla schiena e prende in bocca il mio cazzo. In quel momento mi rendo conto della voglia che ho ancora. Mi infila due dita nel culo ancora aperto e che cola sborra e mi massaggia la prostata. Non resisto, dico no, si, è troppo, dai ancora, continua, così, così, cosììììììì. L'orgasmo mi parte dalla schiena, dalla pancia, non lo so. La sborra che esce è come di fuoco, brucia lungo il cazzo. Lui la prende tutta in bocca. Immagino la stia ingoiando e invece quando ancora mi manca un attimo alla fine stacca la sua bocca dal mio cazzo e la incolla alla mia aperta. Sento la mia sborra colarmi in bocca insieme alla sua saliva, lo stringo forte contro di me. Ci baciamo come mai avevo baciato, come mai avrei pensato di fare. Ci stendiamo uno accanto all'altro in silenzio senza toccarci. Gli dico che vado a farmi la doccia. Quando esco non lo trovo più. Sul letto un biglietto: sei meraviglioso. Il giorno dopo ci siamo rivisti. Non una parola sull'accaduto, non uno sguardo o un segno. La sera ci salutammo con una stretta di mano e un: a presto.Poi treno, taxi, casa. Poi................. 

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!