L'Inizio E La Scoperta Di Intensi Piaceri (2)

I giorni successivi a quei primi, casuali, risvolti piccanti che avevamo vissuto con Laura e Marco, furono altalenanti. Infatti se la stessa sera, una volta tornati a casa, con l'eccitazione ancora in circolo, mentre facevamo l'amore ci lasciammo andare a confessioni reciproche esplicite (io ad es le dissi che avrei goduto ancora di più se l'avessi vista scopare con Marco, e lei mi rispose che vedermi cosi vicino a Laura le aveva messo una gelosia enorme ma sana, perchè le dava voglia di scoparsi Marco). Nei giorni che seguirono invece, il tono della discussione cambiò, perchè a mente fredda c'era più timore nell'affrontare certi argomenti. Cosi per noi fu una settimana di stallo, e il fine settimana scivolò via senza sussulti, anche perchè non ci modo (o forse volontà) di vedersi con i nostri amici. Furono loro ad invitarci nuovamente il sabato successivo a casa loro, e noi accettammo l'invito, senza che trasparisse nessuna incertezza o indecisione. In realtà noi eravamo molto indecisi ed incerti, e tutto il pomeriggio lo passammo a parlare tra noi delle possibili evoluzioni che la serata poteva prendere. In fondo avevamo capito che ad entrambi non dispiaceva l'idea di andare oltre, però, c'era sempre un però alla fine di ogni nostra frase... Ci preparammo più confusi di prima, ma avendo deciso che non ci saremmo tirati indietro questa sera, qualsiasi piega avesse preso la serata, noi l'avremmo assecondata, ed alla fine avremmo tirato le somme e deciso se la cosa avesse avuto futuro o meno.
Cosi arrivammo da loro, Alessia era splendida come sempre indossava un tubino nero, molto corto e aderente, e dei tacchi da togliere il fiato, ma anche Laura non era da meno, anche se con un abbigliamento più casual, aveva un jeans scuro ed una camicetta che dava libero sfogo alla scollatura.
La serata sulle prime fu un pò ingessata, stentava a prendere ritmo qualunque discussione, c'era come un elefante nella stanza, tutti eravamo in attesa della scintilla. Questa volta fui io ad accendere il discorso, rivolgendomi a loro gli dissi: "Io ed Ale abbiamo ripensato spesso all'altra sera, e ci abbiamo pensato in maniera curiosa direi, beh insomma ci piacerebbe.

.."
Marco:"Vi piacerebbe andare oltre?"
Alessia:"Beh si, vorremmo provare.."
Laura:"Ragazzi queste non sono cose da provare, dovete volerlo, essere decisi, e volerlo fermamente. Provare rovinerebbe tutto."
Di li prese il via una lunga discussione (che proverò a riassumere), in cui loro ci diedero tutti i consigli che ci accompagnarono in questo percorso. Ci dissero che sarebbero stati felici di aiutarci per renderci più cauto possibile l'approccio a questo mondo. Innanzitutto il loro consiglio categorico fu di ritardare il più possibile l'atto clou (il vedere il partner scopare), perchè sicuramente l'attesa accresce la voglia ma anche perchè quello è il punto del non ritorno, da li nulla torna più come prima, quelle sono immagini che non tolgono dalla mente. Mai. Questo insieme a tanti altri suggerimenti furono preziosi per la nostra crescita. Quando finirono di parlare, io ed Ale, dopo esserci scambiati sguardi complici, quasi insieme dicemmo: " Ci piacerebbe che ci accompagnate voi in questo viaggio."
Laura:"Beh ragazzi avete scelto la serata sbagliata per fare outing...stasera ho le mie cose...ehehe" E tutti scoppiammo in una risata che stemperò il clima.
Marco rivolgendosi a Laura:"Ma ciò non toglie che possiamo fare qualche altro giochino con i ragazzi."
Laura:"MMM..si hai ragione, ho già deciso anche quale. é perfetto, e la competizione vi aiuterà a sciogliervi prima. Adesso vi spiego. Vedremo chi di noi 2 è più brava con la bocca, un bel pompino, ognuno al proprio ragazzo, il ragazzo che viene prima perde e allo stesso tempo la ragazza che lo fa venire vince. Poi vedremo premio e penitenza. Ci state?"
Noi insieme:"ok"
Fin li ci sembrava eccitante, ma anche abbastanza tranquillo, era un modo perfetto di iniziare. Laura si tolse la camicetta, slacciandosi il reggiseno con disinvoltura, mentre già iniziava a tira giù i panataloni di Marco che stava seduto sul divanetto. Noi non avevamo ancora mosso nulla, cosi fui io che slacciai il vestitino di Ale, lasciandola in uno splendido intimo e lei si fiondò su di me in chiaro spirito competitivo.
Pochi istanti dopo e le ragazze erano in apnea sui nostri cazzi, io e Marco distanti un paio di metri, ma vicini nelle sensazioni che provavamo. La visuale che si offriva a lui era migliore della mia, perchè da dove era seduto poteva vedere Ale ed il suo perizoma, mentre Laura (per ovvi motivi) teneva i jeans. I primi momenti anche io pensavo al lato "competitivo" della cosa, e mi concentravo sul non venire, ma poco dopo, realizzando la situazione magnifica che si era creata, e tornandomi in mente i discorsi fatti poco prima, mi lasciai andare a quei pensieri e mi gustai il momento. Vedevo bene la lingua di Laura far su e giù sempre più intensamente sul cazzo di Marco, e pensavo che quei movimenti di lingua sarebbero potuti essere per me, e che quel cazzo invece poteva toccare Alessia. Su quest'immagine non mi trattenni più e mi lasciai andare, senza rendermi conto che Alessia non si era preparata a ricevere i miei schizzi che la presero di sorpresa, finendole in viso e poi completò con la sua mano. Mentre Laura accorgendosi che noi avevamo finito si fermo un attimo per stuzzicarci un pò, prima di concentrarsi di nuovo su Marco e portarlo all'orgasmo. Ale si era seduta in braccio a me ed insieme guardavamo il cazzo di Marco esplodere sulle tette di Laura, ammetto che fu una scena eccitante per entrambi.
Avendo assistito alla loro conclusione sia io che Ale pensavamo che fosse finita li la cosa, invece, senza nemmeno darci il tempo di parlare, Laura rivolgendosi a Marco, ma con chiaro intento di rivolgersi anche a noi disse:"Allora adesso la vincitrice andrebbe premiata. Dai Ale tocca a te..."
A quel "tocca a te", il cuore mi schizzò in gola, che voleva dire?! Cosa pensava di fare?! Anche Ale era presa da simili pensieri, ma aveva promeso che avremmo seguito i loro consigli e che li avremmo assecondati, quindi ci fidammo di loro. Laura fece cenno ad Ale di seguirla e qualche istante dopo anche Marco mi disse di andare con lui nell'altra stanza. Eravamo nella camera da letto.
Li il cuore mi impazzi davvero. Entrando trovai Alessia gia distesa al centro del letto, e Laura che la stava accarezzando su un fianco. Laura mi chiese di fidarmi ancora di lei, e di mettermi vicino ad Alessia, seduto, in modo che lei si potesse poggiare la testa su di me anzichè sui cuscini. Lo feci, mentre Laura le sfilava il perizoma, gli ultimi cm di stoffa che ostruivano la vista della sua fighetta ai nostri amici. Io non capivo ancora cosa volesse fare Laura, ne che ruolo avrei avuto o Marco. Ma l'incertezza durò poco, perche, con evidente esperienza e conoscenza reciproca Marco sapeva esattamente cosa fare, e con un movimento deciso si abbassò su Alessia e iniziò a baciarle la gamba destra mentre Laura, con un sincronismo incredibili faceva lo stesso sulla sinistra. Io li vedevo salire sempre di piu, Ale iniziava a sciogliersi in piccoli gemiti di lussuria e alzava gli occhi in alto incontrando i miei, la vedevo sempre più presa, sempre piu eccitata. Una donna la stava toccando e baciando, ed una altro uomo, già una sola di queste 2 esperienze sarebbe stata sufficiente a riempire le nostre fantasie per mesi, invece stavano accadendo insieme, ed era tutto reale. Salivano sempre più, sembrava facessero a gara per arrivare primi al premi più ambito, la sua fighetta, con tutti i suoi sapori, ma era una gara lenta, che entrambi si gustavano, e che non faceva che alimentare la voglia di Alessia. La conoscevo fin troppo bene, e quando la vidi, muovere il bacino su e giù, con dei lenti movimenti struscianti, era evidente che stesse fremendo. Fu Laura la prima ad avvicinarsi alla figa di Alessia, e non so se provai più eccitazione per quello che vedevo, o piu delusione per quello che invece non vedevo, ma furono attimi perchè Laura si scansò lasciando libera strada a Marco che cosi potè leccare la figa della mia ragazza dedicandosi completamente a lei. Alessia era in estasi, ed io anche, sapevo esattamente che sapore avesse adesso Marco sulla lingua, e la cos mi eccitava, portai una mano su un seno di Ale e lo stingevo tra le mie dita, mentre lei era sempre più abbandonata a Marco.
Senza nemmeno rendermene conto avevo il cazzo di marmo, me ne accorsi perchè fu Laura a farmelo notare. Ma in quel momento ero troppo concentrato su Alessia e Marco per pensare ad altro. Alessia continuava a spingere di bacino verso la bocca di Marco, che adesso oltre alla lingua aveva iniziato ad usare le mani per stimolarle il piacere. Alessia non resisteva davvero più, iniziò a contrarre i muscoli delle gambe, vedevo come spingeva le dita dei piedi, come li contraeva, era il suo modo tipo di prepararsi all'orgasmo, quando non si trattenne più si liberò in dei sussulti e dei sospiri cosi intensi da renderle il respiro affannoso. Proprio nel momento in cui Alessia godeva, sentìì toccarmi da una mano che risaliva la gamba fermandosi sul mio cazzo, era Laura. Con dei movimenti lenti mi stava segando. Alessia ci guardava, stava ancora sdraiata con la testa su di me, a pochissimi centimetri dal mio cazzo e dalla mano di Laura. Io ero ancora in bambola, avevo in testa ancora i versi di piacere di Alessia, e non mi rendevo conto che un'altra ragazza voleva farmi godere. Nel frattempo Laura prese la mano di Alessia e la accompagno sul cazzo di Marco. Ecco pensai. Ci siamo. Era la prima volta che vedevo la mia ragazza toccare una altro cazzo. Non sapevo che cosa avrei provato, ma in quell'istante fu tutto più chiaro: mi faceva impazzire! Non ebbi nemmeno il tempo di abituarmi all'idea, che la vidi prendere un'iniziativa: cambiò posizione, fece sedere lui accanto a me, e mentre mi guardava le prese in bocca. Stavo per impazzire. Vedevo il suo cazzo affondare tra le sue labbra per ricomparire pochi momenti dopo, bagnato, per poi scomparire ancora e poi di nuovo e di nuovo... era una goduria. Laura faceva lo stesso a me e lo faceva proprio bene. Aveva una tecnica diversa da Alessia, sentivo la differenza, e mi eccitava ancora di più. Vidi Alessia aumentare velocità e intensità, capivo che voleva farlo godere, anche Laura si accorse che ero distratto, cosi rallentò un pò, rimando comunque li a leccarmi il cazzo, ma piu lentamente, per darmi modo di assistere bene a quello che accadeva accanto a me. Dei versi di Marco furono la spia che avvisarono Alessia dell'imminente orgasmo, cosi lei fece in tempo ad uscirlo di bocca, leccarlo un pò sulla punta prima che Marco schizzasse. Lei continuò a leccare la sua asta anche dopo averlo fatto godere, ma stavolta guardava verso di me, come se volesse stuzzicarmi, come se volesse sapere che ne pensavo, se avevo gradito, se mi era piaciuto lo spettacolo. In quel momento Laura riprese ad aumentare il ritmo, ricordandomi che per me non era ancora finita, fu più semplice lasciarsi andare ad forte orgasmo tra le labbra di Laura avendo visto con quanta passione Alessia lo aveva fatto a Marco. Cosi avvisando Laura che stavo per godere mi gustai quegli ultimi istanti di pompino guardando Alessia che teneva in mano il cazzo di MArco, ormai molle, mentre stava con la testa poggiata su di lui. Con quest'immagine ho goduto, senza guardare dove stessi schizzando, accorgendomi dopo di averlo fatto tra le tette di Laura.
La serata si concluse cosi. Tornando a casa avremmo avuto molto di cui parlare, ma anche qualche certezza in più.

Alla prossima

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!