Primo Pompino

dopo aver raccontato il mio primo rapporto anale, andando indietro nel tempo voglio raccontarvi il mio primo vero pompino. Abitavamo a pochi km dalla città, in una periferia di villette. Era una ragazzina e con mio fratello eravamo entrati in sintonia con il gruppo di ragazzi che anche loro abitavano nel parco. Usavamo riunirci e fare tardi intrattenendoci nei modi che i ragazzi di allora usavano, avevo uno dei ragazzi che mi piaceva e da qualche giorno avevamo iniziato a frequentarci. pomiciatine, gli avevo fatto qualche sega ma ancora non eravamo arrivati al sodo. Una sera faceva un gran caldo ed uno dei ragazzi del gruppo lanciò l'idea di andare a casa sua dove c'era solo il papa, a farci un bagno in piscina. Tutti entusiasti andammo e praticamente in mutande ci tuffammo. Il papa di Giovanni era un tipo, belle auto bella moglie e lui un gran fico. Dopo una mezzoretta il papa , era solo la moglie era fuori per lavoro, compiaciuto della compagnia si era messo sdraiato ad osservarci e soprattutto a tenerci a bada con il chiasso visto che era da parecchio passata la mezzanotte. Mi alzai dalla piscina ed avvicinandomi gli chiesi dove era il bagno, si alzò aprendo la veranda di casa indicandomi la strada. Avevo una mutandina bianca ed avevo tolto il reggiseno, già allora avevo una quarta, vidi il papa di Giovanni ammirare quanto avevo messo in mostra, anche se gradii la cosa feci in modo da non mostrare alcun segno di compiacenza. Entrai in bagno e per paura di non so che cosa lasciai la porta socchiusa, seduta sul water mi accorsi che fuori dalla porta c'era qualcuno che sbirciava. Uscita trovai il papa di Giovanni che aveva tirato fuori il suo uccello segandosi. Rimasi per un attimo bloccata, poi istintivamente, non avevo mai fatto un pompino ma solo qualche leccatina, mi avvicinai abbassandomi. Senza indugio mi infilò tutta la cappella in bocca, il piacere fu tale che mi spinsi ad averne quanto più possibile in bocca. Dopo poche anzi pochissime stantuffate sentii il cazzo iniziare a vibrare e dopo pochi secondi avevo la bocca piena di sperma.

Lo guardai mentre si ricomponeva con la bocca piena e con qualche goccia che fuoriusciva. Ingoiai tutto per la paura che qualcuno si potesse accorgere dell'accaduto, lui tranquillamente prese quelle poche gocce fuoriuscite portandosele alla bocca. Con il complimenti del papa rientrammo sul bordo piscina. Fui così piacevolmente colpita da questa pratica sessuale che non avevo ancora avuto modo di praticare che per me è poi diventata fondamentale. da allora ogni qual volta si è presentata l'occasione non ho perso l'occasione di spompinare ingoiando il seme della vita

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!