La Mia Ex Suocera

Il telefono squillò: Pronto.A ciao Sandra come stai e da tanto tempo che non ti fai sentirehai bisogno? lo sai che sono swempre a tua disposizione.
Si Roberto lo so,sei sempre molto gentile,domani e il 2 novembre e vorrei invitarti a venire al cimitero e so che ti farebbe tanto piacere.
Ma certo Sandra certo con molto piacere sai che conservo un ottimo ricordo di mio suocero ci vediamo domani al cimitero.
No aspetta. Dimmi. Sono senza macchina è dal neccanico ci sono le feste in mwzzo ti dispiace se passi a prendermi? Ma stai scherzando passo a prenderti e ci andiamo assieme.Ciao a domani,ciao.
Accostai la macchina al maciapidi di fronte al portorne,scesi e andai a suonare al citofono mi rispse scendo subito e mi riavviai all macchina in attesa.
La mia ex suocera esce dal portone ed ebbi come la sensazione di non riconoscerla.veniva verso di me alta bionda, capelli sciolti al vento i seni ondeggiavano nel suo incedere che a me questa cosa mi fa scattare un miliardo di ormoni.Chi era la mia ex suocera una bella donna alta 1,70 fianchi non troppo larghi ed è quasto che io ricordo di lei donna sempre castigata negli abiti,molto seria e compita.Ma quella che veniva verso di me quella mattina era u'altra persona, una gonna leggera e nell'incedere si notava la sporgenza del pube,coscia lunga,calze nere,stivali di camoscio e il seno, il seno che ballava,mammamia mi si gonfia il cazzo.
Me la ricordo quando mia moglie, sua figlia, mi buttò fuori di casa lei a difendermi e fu quel colloquio tra madre figlia che io ascoltai per caso
La mia ex diceva per una scappatella sapessi quante scappattella ho sopportato da tuo padre. E la figlia ma quale scappattella davanti ai miei occhi qui alla porta accanto che si inculava la vedovella.Lei lavedovella sentiva tutto quello che facevamo per caso li ho sentiti io la vedovella diceva dai inculami visto che tua moglie non te lo vuole dare,dai prendimi sfondami fammi godere,oggi voglio gridare di piacere dai prendimi e sentivo da qui lo chiappetamento lo scroscio delle carni e i gemiti e tu lo difendi.

Ma tu perchè non glie lo davi non hai mai avuto il desiderio di farti inculare.E no il culo lo davo ed ero contenta.Cazzo a chi lo davi. Lo davo a mio padre, tuo marito, le scappatelle quello mi inculava da quando o fatto 18 anni,le scappattelle,e non solo mi fece promettere sollennemente che in quel buco non doveva entrare non solo un'altro cazzo ma neanche un dito che non fosse il suo. Che stonzo e io che lo perdonavo mi castigavo pure, lui era geloso.Mamma ma a me piaceva e tanto perchè mi succedeva questo dopo evermi fatto inculare da papà tornavo a casa, tornavo con forte desiderio di essere sbattuta in figa come sapeva fare solo mio marito,ex marito.Qunato sei porca mi hai fatto bagnare.e pensare che tuo padre non me lo disse mai "girati "mi diceva solo sei la più grande pompinara.Un giorno però lo sentivo dire dalle mi amiche che prenderla in culo è una goduria e io volevo provare pure questa sensazione e gli e lo dissi: Mentre lo spompinavo usci ilcazzo grodante di saliva Alberto mi picerebbe farmi inculare fammi fare questa eperienza.Lo sai lui cosa, lo stronzo ,cosa miha risposto?.Ma se davanti ho il miele perchè debbo prendere la cacca del culo?!.STRONZO ma la tua cacca se la godeva Se per questo mi faceva fare i clisterini:Stronzo e ancora stronzo.NO ne posso piu me ne vado.
Lei Ciao Roberto come stai e si chinò per baciarci ci baciammo saliamo in macchina e partimmo.Per fafore fermati dal fioraio all'angolo che compro i fiori.
Arrivvammo al cimitero parheggiai lei si mise abbraccetto arrivvammo alla tomba di Alberto lei si china per depositare i fiori nel vaso a quella posizione dove si intravedeva la fessura delle natiche non resistetti e allunghai la mano in mezzo e con il medio cercail buco del culo.Lei si gira sorridendo ma non m inacciosa e mi toglie la mano. Si alza, lei accanto a me io giro la testa per guardargli il culo e sento una mano che mi afferra un gluteo e me lo strizza.
Non reggo la afferro per il culo e la attiro verso di che ho già il cazzo duro e me la sbatto sopra.
Non oppone nessuna resistenza anzi mi agevola poggia il pube sul mi cazzo duro.Penso.Cazzo con tanti posti per fottere giusto nel cimitero me la debbo fottere.Non qua lei dice cerchiamo una cappella aperta.e si allontana in cerca.Vieni mi dice questa e aperta.entriamo.Entro nella cappella tutta di marmo le nostre voci riecheggiavano.Lei si appoggia al muro si alza la gonna si aprte leggermente le gambe e scopre una figa stupenda un ciuffo abbondante di peli biondi ricci,folti per una donna di quella età.Per la verita ancora giovane.i peli del pube folti coscia lunga calze nere autoreggenti e il pelo spiccava ancora di più.
Leccami.Leccami e si abbasa sempre appoggiata al muro le coscie si allargano Leccami e le grandi labbra gonfie mi sembrava pulsaser.Leccami e con le dita allargava le grandi labbra e scorgo il buco della figa che brillava.Mi abbasso a leccare infoiato spingevo la lingua tra le piccole labbra poi ho sentito un bottoncino che sporgeva lo solletico con la punta lei mi afferra la testa e me la spinge dentro e comincia ad andare avanti eindietro con il culo io spingo lecco lei mi prende una mano prende il dito medio e se lo fa infilare in culo e mi dice fottimi io la fotto metto l'altro dito e vado avanti e in dietro nel buco del culo.hai visto il buco era pure bagnato.L'ho vidto e sentito.Basta allopra mi dice e mi spinge fuori dalle sue cosciwe e si abbassa la gonna.Il mio cazzo sta scoppiando e debbo interroppre penso.No mi dice leggando nel mio pensiero ora tocca a te e inzia a sfibbiarmi i pantaloni e scopre il cazzo gonfio dentro i box si avvicina e ancora con il cazzo dentro lo mordicchia,lo lecca mi abbassa i box mi sbatte al muro freddo lo guarda il cazzo pulsava sento la sua mano prenderlo con le dita ad anello mi scappella e al primo colpo di lingua accompagnata salla scappellata quasi vengo mi trattengo lo alza e mi lecca le palle mentre lo tiene in mano sempre ad anello.A questopunto come una musica sentico le sue labbra accarezzare il glande e il risucchio spandersi per tutta la cappella.
non voglio venire presto in bocca e mi distraggo e le dico:Lo sai cosa mi viene in mente in questo momento un barzelletta.lei senza uscireilcazzo mi fa segno di contginuare e cpn la testa andava vanti e indietro.
Un signore al cimitero alla tomba vicino alla zsua una donnadavanti all lapide del marito gli dava il culo alzava la veste e sculettava.poi si girava e daccapo ricominciavaa un certo punto questo signore molto incuriosito le chie ma cosa fa scusi. E la signora lei deva sapere chemio marito mi diceva sempre: Moglie mia hai un culo da far risuscitare i morti.
Nella cappella rimborano le risate io la guardavo mentre lei aveva smesso di succhiare pe ridere e dall'alto vedevo i suoi seni ballare dale risate. i mie ormoni a mille la acchiappo per i fianchi la alzo sopra il mio cazzo lei apre le cosce e se lo inghiotte. Resto fermo non stantuffo che fai mi dice non mi vuoi?non mio piace il psto andiamo via.Dove andia dice lei mentre io mi alzavo i pantaloni con il cazzo ancora duro. a casa tua dico io.ora dice lei,ora certo,ora no non è possibile e mi lasci cosi guarda sta scoppiando.andiasmo in macchia che te lo sponpino alla grande non ti ammopsciare.
Salimmo in macchina esco il cazzo quasi dolorante e gonfio e sento la sua lingua mandare su e giù deitro l'asta lo scappella lo acchiappa ad anello su e giu infila la bocca e succhia lasento arrivare con la bocca ai coglioni la trattengo tira indietro la testa e sento uno schiocco che mi fa sborrare nella sua bocca.
La riaccompagani a casa.
Mentre scande dalla macchina mi dice non ti scordar di me perchè anche io ho un culo.ti telefono io quando sono pronta per farmi inculare.Aspetterò con anzia la tua telefonata.ciao,baci.
Scese dalla macchinae si avviò verso il portone e il suo culo me lo fotografia lei si gira mi manda un bacio e sparisce dentro.
Sono qua tu chiami e io corro.Vieni siediti che ci prendiamo un caffe e poi facciamo tutto quello che desidera il tuo cazzo.
Lei era in vestaglia leggera la si vedeve sotto era tutta nuda si siede sul divanio accavalla le gambe e scopre sino al pube in quanto una metà della vestaglia scivola lei non si ricompone si lascia guardare anzi.

La vuoi sentire una storiella.Io veramente ti vorrei inculare.C'è tempo tranquillo te lo darò il mio culo. A proposito la storiella di culo la vuoi sentire. Si.Bravo ti faccio vedere che poi mi troverai molto meglio.
L:o sai quella porca di mia figlia e quello stronzo di mio marito quando incomincio a fottersi la figlia? Inizio che aveva sedici anni.
un giorno mi racconta lei,dopo che abbiamo litigato e sono andata via poi sono tornata incuriosita quando era iniziata la loro incestuosità a sedici la inzio a diciotto si fece dare il culo.
Lei mi disse avevo sedici anni quando papa mi mise suelle sue ginocchia e miaccarezzava un giorno cominciò ad accarezzarmi in mezzo alle cosce e comincio a baciarmi con la lingua, la cosa mi eccittò tantissimo che scesi dalle sue gin occhia e misedetti sopra il suo cazzo che lo sentito durissimo.Dissi ma papa cosa fai lui bimba mia sei bella lo vuoi vedere.si papa.mi portò nella mia stanza lo tirò fuori mi prese la mano toccalo mi disse vedi e bellissimo ti piace? si papa mi piace risposi e tu quel coso cosi grosso lo metti dentro la figa della mamma.certo non ti impressionare si può anche mettero nel culo volendo e con delicatezza.lo facciamo.no adesso no te lo chioederò io quando riterrò opportuno.ero che faccio niente guarda me che mi sego e si segò davanti a me e mi sborroò sulla gonna.UIn girono mi infila un dito in figa e mi solletica mi bacia con langua e poi dinuvo a segarsi davanrti a me.Bella tattica lostronzo.tu non aspettavi altro che sentirtelo dentro.si propio cosi.lui mi insegno a masturbarbi dopo che sborrava.
Venne il mio compleanno feci diciotto anni bella faetsa cosa è successo dopo due giorn? tu sei stata ricoverata per una settimana,ti ricordi.
Lui mi chiamo una sera dopo essere tornati dall'ospedale e mi dice:Guarda quanto papa ti desidera e mi mostra un cazzo duro enorme, vieni toccalo prendolo in mano fai quello che faccio cio quando mi sego.E tu Sgualtrina? certo non aspettavo che questo momento.
spogliati.io mi spoglio mi dice appoggiati sul letto e mostrami il buco del culo io mi metto a quattro zambe lui si avvicina sento il suo fiato nel buco lo lecca mi solletica la figa sento che sputta ripetutemente sul suo cazzo poi mi dice sei pronta si sono pronta si avvicina sento la sua cappella puntare ilbuco del culo,non ti muovere ti dico io quando lo sento spingere un poco lo sento entrare si papa entra entra dai mi piace ero tutta bagnata in figa.lui spinge unpoco lo sento e vado indietro lo sento ancora entrare.A questo punto lo sento stantuffare avanti e indietro piano mi dice ora non lo entro tutto e ancora presto ma vedrai che ti divertirai quando te lo spingero sino in gola.si papa bravo ti aspetto.
E fu cosi che tu il culo di mia figlia non lo hai assaporato,ma non ti è mancatoil supplente.
Era ancora seduta sul divano mi alzo mi abbasso i pantaloni lo tiro fuori dritto duro mi avvicino lo piazzo sotto il naso e adesso spompinami.Spogliati lei si alza fa cadere la vestaglia sotto come immaginavoio era nuda vieni a letto.La prendo la sbatto a letto con l'abbondante sussulto dei seni girati,si gira ma resta ferma gli salgo sopra il cazzo lo poggio sulle spalle e mi sego,poi comincio a leccare la schiena sento i suoi brividi di piacere mi allontano guardo il culo in quella posizione.Che strozzo tuo marito di non approfittare di un buco cosi stupendo.Mi avvicino lei sente il fiato solleva il busto.Ho fatto il clisterino come mi ha consigliato la tua ex.infilo la lingua sin dove posso intanto mi aiuto con due dita,lei dice l'ho profumato.la prendo per i capelli la tiro a me lei arcua il bacino il buco lo sento nella punta del cazzo.Girati.
Ma che fai mi dice sono pronta sfondami lo sai sei il primo giuro,si lo so ma prima mi voglio godere di un po di miele apri.lei non apre ma si gira dinuovo e mi dice no prima sfondami esaudisci questo mio desiderio che sono tanti anni che lo sogno.Mi avvicino convinto al buco del culo lo riempio di saliva mi sputo la mano mi prendo il cazzo in mano lo sego un poco lo scappello tutto lo appunto.Ferama.Un colpo secco dentro per metà.hai? cazzo mi fai male ferma tranquilla vrdrai che fra qualche secondo sarai tu ad incularti la perendo per le spalle io resto fermo dai inculati lei da un colpo di reni e se lo inghiotte sino ai coglioni io comincio a stantuffare e sento lei che respira e comincia a toccarsi la figa a infilarsi le dita e masturbarsi mi godevo quella in culata di uns donna che qualche anno prima non m,i sarei manco farmi fare una sega.
Spingi, spingi Ploff, Ploff sentico la carnesbattere dai bellissimo quello che mi sono persa in tanto anni intanto io sborravo dentro e lei fece un grido di piacere io mi buttai addossoa a
lei sino all'ultimo spruzzo di sborra.
Passarono circa dieci minuti abbracciati io sopra e lei sotto infilo una mano a prendere un seno lo sento durissimo un capezzololungo. girati,lei si gira e apre le cosce tuttla figa era piena di sborra e di umori i peli si erano appiattiti sulla pancia le grandi labbra grosse gonfie inzio a segarla con tre dita in figa lei mi ferma la mano mi dice no ora no come ora no dico io guarda se tu mi tocchi ti faccio vedere come diventa dura.non ora no ti faccio un pompino. no ti voglio fottere e da mesi che non fotto,ma come e ora cosa hia fatto mi hai inculata brava quello non è fottere e inculare fammi fottere dammi la figa.va bene prenditela io però non faccio nienete.va bene apri,lei a questo punto apre le cosce almassimo. penso ma questa mi vuole prendere in giro.ma quella figa che pulsava la volevo.La prendo per la testa mentre sono in mezzo alle sue gambe gli metto il cazzo in bocca e vado avanti e indietro con la sua testa il cazzo risponde che è un piecere lascia dico lei apre la bocca il cazzo esce duro lungo le prendo le cosce gli e li porto sulla tesa la figa in quella pisizione si stringe e le grandi labbra si gonfiano un poco me la tiro ad altezza di cazzo lo appunto e sono dentro ma non mi apsetto che lei incomincia a stantuffare,lo esco hai detto che non facevi niente ma io niente facevo e una cosa che mi prende quando sono eccitata al massimo e una specie di spasmo a questo punto non mi resta che sfondarla godendo per quasi quindi minuti a stantuffare e un minuto a spingere dentro sino ai coglioni.sborro resto fermo lei abbassa le cosce e mia figlia ti ha buttato fuori casa per un culo,la prendo per i seni duri gonfi un bel seno ne grande ne piccolo la attiro a me e gli infilo la lingua in bocca.
Certo non finira qui.
P.S. a gli amici che mi leggono ho fatto riferimento all prima vedova dell'altro racconto.
P:S:per gli amici che non mi anno letto io faccio riferimento all'altyra vedova.

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!