Buonanotte Amore

E’ venerdì sera e con Luca sono stata invitata a cena fuori da amici in un ristorante in provincia di Brescia.
Nostro padre ci presta la sua macchina in quando l’auto di Luca, comprata di seconda mano anni fa, non è così affidabile per arrivare a Brescia e tornare poi a casa nostra, in provincia di Varese.
Raggiungiamo i nostri amici e con loro passiamo tutta la sera a mangiare e bere dell’ottimo vino. Luca, da bravo qual è, sta attento a non esagerare mentre io mi concedo un paio di bicchieri di troppo.
E’ mezzanotte passata quando, dopo aver salutato tutti, riprendiamo la via di casa.
Non posso dire di essere ubriaca, questo no, ma allegra si. Nel primo tratto, mentre arriviamo all’autostrada chiacchiero con Luca, ma appena ci immettiamo in autostrada mi appisolo.
In quello stato di dormiveglia, sento lontana la musica che arriva dall’autoradio e il tepore della mano di Luca che si poggia sulla mia gamba. Abbozzo un sorriso e sposto la gamba sinistra un po’ più vicina a lui con la conseguenza che le mie cosce restano un po’ divaricate e torno nel mio stato semicomatoso.
Luca inizia a massaggiarmi pianissimo accarezzandomi dal ginocchio fino a metà coscia. Sospiro e mi godo quelle carezze. La mano di Luca sale un po’ di più fino a sfiorarmi le mutandine. I miei sensi si destano ed ora sono presente alle sua carezze. Luca guida piano con il regolatore di velocità che indica 80 chilometri all’ora. Lo guardo e, nel buio dell’auto, i suoi occhi risplendono di luce propria. Infilo le mani sotto la gonna e sfilo le mutandine facendole sventolare davanti al suo naso. Con un gesto improvviso le addenta e me le toglie di mano. Rido mentre simula di mangiarle. Poi le annusa e le poggia sulle sue gambe. Prendo la sua mano e la poggio nuovamente sulla mia gamba. Ora mi accarezza dolcemente arrivando fino alla mia figa bagnata tra le mie cosce aperte. Sollevo la gonna e guido il suo dito dentro di me. Mi entra mentre io emetto un gemito di piacere.

Tengo la sua mano muovendola per farmi scopare dal suo dito come un piccolo cazzo. Poi la alzo fino al mio viso e guardo quel dito che luccica. Lo porto alle labbra e lo succhio liberandolo dai miei umori di donna eccitata. Riporto la mano tra le mie cosce e mi scopo ancora con in suo dito. Rialzo la mano e quando sto per leccare il dito, Luca lo porta alla sua bocca, succhiandolo.
Pur seduto il rigonfiamento nei suo pantaloni è evidente. Gli passo sopra una mano accarezzando quel cazzo che si sta ingrandendo in quei pantaloni diventati troppo stretti. Luca rallenta e si ferma in una piazzuola di sosta. Le macchine sfrecciano via senza badare a noi. Slaccio i pantaloni e prima ancora che il suo cazzo sia libero dai boxer è già nella mia bocca. Lo bacio con passione e lo lecco come farebbe una bambina con il gelato preferito. Luca passa una mano sulla mia schiena e raggiunge io mio culetto violando il mio buchino. Ho un desiderio pazzo di averlo dentro di me. Luca fa scattare il suo sedile più indietro possibile ed io mi metto in braccio a lui facendomi penetrare da quel cazzo eretto. Mi stringo forte a lui mentre le sue mani, sotto il maglioncino, accarezzano la mia schiena slacciandomi il reggiseno. Mi sento per una volta di più completamente sua… Le nostre bocche si cercano… Le nostre lingue si inseguono… Aspetto la frase fatidica che so che mi manderà fuori di testa e puntualmente arriva. Luca mette le mani sui miei seni allontanandomi appena da lui. Ci guardiamo fissi negli occhi mentre danzo lentamente sul suo cazzo. Luca muove la labbra e dice: “Ti amo, mia piccola puttana…”
Come se avesse acceso un interruttore mi accendo ed inizio a muovermi scompostamente sul suo cazzo.
“Ti amo anch’io amore bastardo” e subito dopo gli mordo le labbra. Sento il suo cazzo in fondo alla mia pancia. Lo spingo dentro di me ancora di più… lo sento fremere. Luca stringe forte i miei glutei mentre mi riversa nella figa due…tre… quattro fiotti di sborra. Sto godendo per quel calore che mi riempie.

Continuo a muovermi piano su di lui fino a quando la sue erezione viene meno. Assorbo con un fazzolettino un po’ di sborra che cola dalla mia figa… non vorrei mai sporcare la macchina di papà e mi risiedo al mio posto.
Riprendiamo la strada verso casa ed io mi addormento. Quando mi sveglio siamo davanti a casa e Luca mi sta issando sulle sue braccia. Mi lascio prendere e rientriamo. Mi poggia sul letto e piano mi spoglia nuda. Sento i suoi baci sui miei seni. Dopo un minuto, nudo anche lui, sento che si sdraia accanto a me, mi abbraccia da dietro e mi attira a se. Io mi accoccolo al caldo del suo corpo e sfrego un po’ il mio culetto sul suo cazzo.
Mi accarezza al testa e mi dice: “Adesso dormi amore mio”
Non ho la forza di dirlo ma penso: “Buonanotte amore”

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!