Violentata Dai Rapinatori

Sono sposato da diversi anni e mia moglie, pur essendo ancora una bella donna, ha perso la sua carica di desiderio sessuale.
Per essere più preciso non è mai stata una leonessa in questo senso, si è sempre mantenuta a fare il suo compitino di brava moglie, con scopate canoniche, sporadici pompini, negando sempre il suo bel culo che è sempre rimasto un mio desiderio ormai irrealizzabile.
Ultimamente non facciamo più l’amore se non su mia grande insistenza, per non parlare dei pompini. E Mentre prima almeno apprezzavo il fatto che se lo facesse schizzare in bocca ingoiando tutto, ora non se ne parla nemmeno e quelle rare volte che pratica sesso orale finisce sempre con una sega svogliata schizzandomi la sborra sulla pancia.
Non parliamo di farsela schizzare in faccia o sui seni. Sembra che le faccia schifo e questo me ne dispiace molto.
Ma veniamo al fatto.
Lei è sempre stata terrorizzata dall’idea dei ladri, dei furti in casa ecc. e ha sempre avuto la mania di tenere sempre le finestre chiuse proprio paura che entrasse qualcuno mentre dormivano.
Io …tutto il contrario, anzi, dentro di me pensavo che si sarebbe meritata che entrassero davvero e la violentassero pure, sperando che lo shock le potesse far ritornare un po’ di carica erotica addosso.
Ho paura di essere stato ascoltato da qualche fatina perché un giorno, anzi una notte…
Dormivamo profondamente quando mi sentii qualcosa che mi premeva sulla testa.
Apro gli occhi e nella penombra vedo qualcuno davanti a me.
Non faccio in tempo a rendermi conto della situazione che uno straccio imbevuto di cloroformio mi viene premuto sulla bocca mandandomi nel mondo dei sogni.
Non so quanto tempo dopo, lentamente e con un gran mal di testa riprendo i sensi, ma mi trovo legato mani e piedi assolutamente impossibilitato a muovermi.
Atterrito, cerco mia moglie che non era nel letto.
Mi domando che fine aveva fatto, quando sento delle voci provenire dal salotto e improvvisamente la porta di camera si spalanca.


Vedo mia moglie che viene trascinata per un braccio da un energumeno con una calza sulla testa, mentre altri due suoi compagni tenevano in mano una pistola.
Non so come potevano essere entrati, ma di fatto erano lì e quello era il problema maggiore.
Con un accento slavo, ripetono a mia moglie di dirle dove sono i valori.
Purtroppo, per la sua paura dei ladri mi aveva convinto di mettere tutto in una cassetta di sicurezza in banca per cui in casa non c’erano che pochi spiccioli.
Il capo la scaraventò sul letto e la minacciò con la pistola, lei piangeva dicendogli che non c’era nulla in casa.
Per fortuna lentamente anche il bandito si convinse che stava dicendo la verità e si rassegnò a non raccogliere niente.
Stava sul punto di desistere e di andare via quando disse: “Ok, non prendiamo soldi, qua qualcosa ci prendiamo!”. E lo disse guardando con insistenza le cosce di mia moglie che erano in bella mostra essendole salita la camicia da notte quando era stata gettata sul letto.
Io capii subito che intendeva dire, lei era talmente confusa che non si rese conto di cosa l’aspettava.
IL capo le si avvicinò e le palpo in modo volgare il seno e con un gesto improvviso, le strappo la camicia da notte di dosso.
Lei era atterrita e con le mani cercò di coprirsi facendo arrabbiare il delinquente.
“Ora ti spogli completamente e mi fai un bel pompino davanti a tuo marito!” le ordinò mentre si calava i pantaloni della tuta che indossava.
Lei lo guardò con gli occhi fuori dalle orbite mentre scuoteva la testa in segno di negazione.
“Brutta troia, allora non ci siamo capiti!” le disse prendendola per i capelli e puntandomi la pistola sulla tempia. “O mi fai un pompino oppure faccio saltare la testa di tuo marito, capito!”
Lei fece un cenno con gli occhi accettando l’ordine ricevuto, e con le guance rigate dalle lacrime, si avvicinò timidamente al bandito.
Le prese la testa per i capelli, la fece cadere a terra e portò il suo viso sull’uccello.
Lei era schifatissima, le si leggeva in faccia e non voleva aprire la bocca. Sentiva un odore nauseabondo provenire da quel pezzo di carne dura che le puntava le labbra.
Si avvicinò il complice che le strusciò la canna della pistola nella fica facendola sobbalzare.
“Se non vuoi che faccia partire un nella tua caverna, ti conviene ubbidire…”
Vidi la sua bocca aprirsi mentre continuava a piangere.
Il bandito fece uno scatto e glielo infilò nella sua boccuccia schifata, iniziando a stantuffarla violentemente. Arrivò a metterglielo quasi tutto e sono convinto che le toccò la gola perché ebbe un moto di vomito.
Lei avrebbe voluto morire e le sarebbe bastato smettere perché la sua fica fosse dilaniata da una pallottola, ma lo spirito di sopravvivenza e la pistola puntata contro di me, la convinsero che era il caso di continuare.
Nel frattempo un complice le taglio il reggiseno e le mutandine con un coltello e si mise a toccarla dappertutto. Le strizzava i seni come se dovesse spremerli e lei gemeva dal dolore.
L’altro complice le lo era tirato fuori e se lo stava menando. Aveva un uccello enorme, largo come una bottiglietta di coca cola e lungo circa 25 cm.
“Dai troia, guarda tuo marito come si arrapa a guardarti così!” Disse il capo
Effettivamente, nonostante la situazione drammatica il mio cazzo non era rimasto indifferente a quella scena e ce l’avevo duro come un sasso, anche se cercavo di non farlo vedere.
Non avevo mai visto mia moglie fare un pompino ad un altro e la cosa era davvero eccitante anche in quella situazione
“Preparati perché ora ti vengo in bocca e non perdere nemmeno una goccia perchè ti ammazzo!”
Le urlò mentre aveva aumentato i colpi nella sua bocca.
“Eccomi puttana!” dicendo così iniziò a schizzare liquido caldo fra le sue labbra, stringendole la testa sul suo cazzo perché non si allontanasse.
Ebbe un conato di vomito, il bandito sembrava non finisse mai di sborrare, era una fontana senza fine.

Quando l’ultima goccia di seme fu depositata in gola a mia moglie, la lasciò andare a terra.
Lei, che non aveva ingoiato, aprì la bocca e fece cadere il liquido biancastro sul pavimento.
Il bandito si inferocì. “Ti avevo detto di non far cadere neanche una goccia!” E le dette un calcio nel culo nudo.
“Raccoglilo con la lingua! Tutto!” Lei era nel panico più totale. Capì che non poteva esimersi dal fare quello che le chiedeva e tirò fuori la lingua e ripulì il pavimento dallo sperma del bandito e fu costretta a deglutirlo.
“Hai disubbidito troia, ora ti meriti una punizione!” (Come se fino ad allora lei si fosse divertita…)
I due scagnozzi, ad un gesto del capo, la presero per le braccia e la distesero a terra. Uno di loro le fu subito addosso tentò di scoparla, ma lei cercava di stringere le gambe.
Tirò fuori di nuovo la pistola e lei si impietrì. Le sue gambe cedettero e si aprirono consentendo al porco di mettersi nel mezzo e con un secco penetrò nella sua fica. Lei urlò dal dolore e dall’umiliazione che stava subendo.
Quello con il cazzo enorme allora le si pose con il cazzo davanti alla sua faccia costringendola ad aprire la bocca per accogliere quella cappella paonazza e gigantesca.
Lei che scopava con il contagocce, aveva un cazzo in fica e uno (enorme) in bocca…e nessuno dei due era il mio!
Mi immagino il suo stato d’animo ed ho in senso di rimorso per due motivi: il primo è per il fatto che la cosa mi sta eccitando sempre di più, nonostante penso che lei stesse soffrendo; il secondo è perché improvvisamente mi venne in mente di aver lasciato la porta finestra della terrazza aperta prima di andare a letto. Ecco come avevano fatto ad entrare!
Mentre facevo questi ragionamenti i due si stavano chiavando mia moglie ed io ero inerme, legato come un salame con il cazzo ritto.
Vedevo la sua faccia deformata dal cazzo che le spingeva dentro le guance mentre l’altro la stantuffava violentemente facendole sobbalzare i grossi seni.

Ormai era in balia di quei banditi e si comportava come un automa ai loro ordini.
Il capo, dopo un breve riposo, si fece sotto di nuovo. Si distese per terra e se la fece mettere sopra.
Infilò il suo cazzo nella figa e questa volta le scivolò dentro senza dolore.
La troia di mia moglie si era eccitata e si stava bagnando.
“Meglio” pensai, almeno non proverà dolore. Ma, purtroppo…mi sbagliavo.
Quello che l’aveva trombata fino ad ora si mise davanti per farsi spompinare e quello con il cazzo enorme, che per un minuto era uscito dalla stanza, si mise dietro di lei.
“No” pensavo “Non possono farle questo, non l’ha mai voluto prendere nel culo, non può entrarle un affare del genere!”
Ma lui quando era uscito era andato a prendere il burro in cucina.
Lo spalmò nel suo buchino posteriore e fece scivolare un dito al suo interno.
Lei urlò, per come poteva con un cazzo in bocca, per il dolore e la sorpresa. Non se lo aspettava.
Ma il non ci fece minimamente caso e infilò pure un secondo dito.
“Mmmmm mi sa che questa è vergine da questo lato!”
Gli altri si misero a ridere sguaiatamente mentre il superdotato appoggiava la usa cappella allo sfintere di mia moglie.
“Noooooooooo” gridò togliendosi l’affare dalle labbra, mentre non senza difficoltà il suo aguzzino le allargava le natiche per cercare di incularla.
Il viso le divento di tutti i colori, piangeva. E piangevo anch’io a vederla così, mentre la cappella si faceva largo in quel buco stretto. E loro, invece, ridevano non curanti del dolore che provocavano.
Ad un tratto cacciò un urlo ancora più forte e mi accorsi che quel cazzo gigante era riuscito ad entrarle dentro.
Il capo intanto continuava a chiavarla e nel frattempo si divertiva a morderle i seni e i capezzoli che dondolavano sotto quei colpi incessanti. Dolori su dolori si accumulavano sulla mia povera mogliettina.
Aveva un cazzo in bocca, uno in fica e uno enorme nel culo che la stantuffava senza pietà.
Praticamente la sua dose di un anno o quasi…
Quando si erano divertiti a sufficienza, si sfilarono dai suoi buchi, lasciandole un senso di vuoto e di dolore, soprattutto nel culo che era rimasto ancora aperto.
La distesero per terra e si masturbarono sborrandole su tutto il corpo, ma in particolare sul viso e sui seni. Poi si fecero ripulire le loro cappelle dalle ultime gocce residue ficcandole di nuovo gli uccelli in bocca e la lasciarono per terra sporca di sperma e umiliata nell’anima.
Ma non era finita. Il capo notò che il mio pigiama era deformato all’altezza del basso ventre e gli venne in mente l’ultima umiliazione.
“Povero maritino, guarda come si è eccitato, non vorrai lasciarlo così!”
E dicendo così la trascinò sul letto, ancora sporca del loro sperma e la obbligo a farmi un pompino.
Non ci volle molto per farmi venire, da quanto ero eccitato. Le scaricai una quantità inaspettata del mio seme in bocca e lei lo inghiottì velocemente. Ormai sembrava ci avesse preso gusto. Lo leccò per bene fino a che anche l’ultima stilla fosse uscita e ripulì il tutto con la sua lingua calda.
Soddisfatti, i banditi se ne andarono non prima di aver promesso che sarebbero ritornati per una seconda puntata.
Un attimo dopo che scomparvero in casa piombò un silenzio assordante.
Mia moglie mi liberò dai legacci e andò a lavarsi. La doccia le tolse l’odore di quei tre maschi che l’avevano violata in ogni buco, ma non il senso di sporco che aveva dentro di se.
Ma eravamo ancora vivi grazie a lei.
Poi venne a letto, l’abbracciai e non dissi nulla.
Dopo un po’ fu lei a rompere il silenzio. “Sei un porco, ti sei eccitato a guardarmi mentre mi violentavano!” Stetti zitto, non potevo negarlo.
E aggiunse “scommetto che ti è piaciuto il fatto che abbia bevuto il tuo sperma. Sappi che l’ho fatto per togliermi il sapore di quelle bestie.”
Da quel giorno mia moglie è cambiata.
Dopo un primo momento in cui rifiutava qualsiasi contatto con me, adesso lo prende in tutti i buchi e ingoia il mio sperma con piacere. Le piace farsi riempier con un vibratore nel culo mentre la scopo e addirittura mi ha chiesto se sono d’accordo a scopare insieme ad altri uomini.
Non tutto il male viene per nuocere!

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!