In Viaggio Verso Sud. A.N.A.L.E.

L'auto, oddio sì che scema, la mia cara "swifferona", è una Duster e che altro nomignolo potevo darle?
Corro immediatamente a mo' di cenerentola allo scoccar di mezzanotte.
Lei perse una scarpina su quello scalone, io spero di non essermi dimenticata le mutande, comunque, come appunto cantava Vasco: metto le scarpe e sono già in strada.
Imposto il navigatore, accendo il motore e volando verso sud ( oggi vado di citazioni canterine ) imbocco l'autostrada.
Udine, Palmanova, giro per Venezia e mi fermo a Gonars a fare benzina e visto che ci sono mi prendo pure un caffè e faccio pipì, così posso farcela fino a dopo Firenze, con la pipì intendo.
Bevo il caffè e poi vado verso le toilettes, giusto per scoprire che quelle delle signore son chiuse per manutenzione. E ma allora!
Allora mi infilo di soppiatto in quella dei maschietti.
Di soppiatto? Ma chi ti credi di essere la pantera rosa?
Al massimo la panterona nera con questo vestito, ma oramai ci sono, spero solo di riuscire a uscire in tempo, per poter ripartire.
Mi accuccio su un water per evitarne il contatto e faccio ciò per cui sono qui, e intanto sorrido; penso a tutti i racconti letti, di donne depravate che si sono date in questi bagni.
Sorrido al fatto che io sono qui solo perché è l'unico bagno funzionante, che non sto cercando avventure e che ho una fretta indiavolata.
Comunque esco, mi lavo le mani accanto ad un uomo che non mi fila di striscio, sorrido allo specchio, esco, risalgo in auto e riparto.
Alla radio passano i Negrita
https://youtu.be/3EEyOYPq-kc
perfetta colonna sonora.
I chilometri si susseguono, le città anche, sembra che io non debba arrivare mai, ho fame, altro autogrill, altra toilette, giusta questa volta, solita indifferenza negli sguardi.
Arrivo in albergo alle 7 di sera, sono distrutta, prendo la camera e vi poso la valigia.
Sul letto una brochure mi spiega come arrivare al teatro, gli orari e... cazzo ma sono sempre in ritardo!
Ho bisogno di una doccia ora, aspetteranno, apro l'acqua e mi sfilo il vestito e sì ho su gli slip.


Doccia al volo attenta a non bagnare i capelli, asciugamano e poi un perizoma striminzito, quindi mi rimetto il vestito, non è stazzonato, poi insomma è elastico, si adatta al corpo, le pieghe spariranno.
Decollete nere con tacchetto non spinto, borsone a tracolla, occhiali da sole, mi tracanno un "coso" che dovrebbe essere un prosecco, preso dal frigobar, e sono fuori.
Nel corridoio non c'è nessuno, si vede che son tutti via, son proprio in ritardo, e va bene, scendo e trovo la limousine/navetta, tutta per me, che figata, chissà se qui c'è un frigobar, si c'è ed ben fornito, ne approfitto?
Scelgo per il no, e faccio bene, all'arrivo a teatro, scopro che da bere ce n'è a fiumi, prendo un flûte e mi guardo intorno, per fortuna sono ancora tutti in giro, la sala per la conferenza è ancora chiusa, posso rilassarmi, scorgo Paoletta80 e le faccio un cenno col bicchiere in mano.
Finalmente mi rilasso, la tensione si scioglie e inizio a vedere la gente intorno a me.

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!