Mio Marito È Un Cornuto 4° - Maiali!

Naturalmente,le cose che ho riferito di come il mio futuro marito mi aveva descritto della sua infanzia,della sua incredibile famiglia e del suo rapporto incestuoso con la madre,non è che una piccola sintesi del racconto molto più lungo e dettagliato che mi aveva fatto e che continua tutt'oggi ad arricchire con nuovi inquietanti particolari.

Negli stessi giorni,anch'io avevo cominciato ad aprirmi e rivelargli tratti della mia vita che avevo deciso di dimenticare anche se,avevano segnato in modo indelebile il mio modo di essere donna,femmina e troia.

In quel periodo di reciproche confessioni e di amore crescente,ci stavamo organizzando in preparazione del matrimonio senza trascurare comunque,i motivi alla base del nostro sodalizio.

Io che prima di conoscerlo avevo un lavoro saltuario,avevo smesso completamente di lavorare per dedicarmi alla casa,alle questioni del progettato matrimonio ed alla attività da me sicuramente preferita:Il sesso!

Lui aveva un ottimo lavoro come dirigente di una importante azienda e questo gli permetteva di garantire ad entrambi un elevato tenore di vita.

Non passava giorno che non mi facesse avere fiori permettendomi in più,con la sua carta di credito di togliermi ogni capriccio coi vestiti e non solo mentre lui,si era riservato il compito di scegliere per me e regalarmi gli indumenti intimi più eleganti e sexi.

La mia vita erotica che in presenza del mio ex fidanzato geloso si era un po "Rattrappita" aveva ripreso più libertina e gioiosa senza più freni di sorta.

A volte gli telefonavo di giorno sul lavoro per informarlo che avrei passato la notte fuori con qualcuno che avevo appena conosciuto e lui,si ofriva di aiutarmi o accompagnarmi se fosse stato necessario.

Era anche successo che al suo rientro a casa mi facessi trovare a letto con qualcuno ed anche in quel caso,con la delicatezza di chi non vuole disturbare,si offriva per un eventuale aiuto.

Talvolta si limitava a portarci a letto qualcosa da bere ed altre,su mia richiesta,collaborava secondo le mie voglie.



Mai però,gli veniva voglia di scoparmi insieme al mio amante del momento limitandosi a collaborare ed eventualmente masturbarsi se glielo avessi chiesto.

Sin da adolescente aveva saputo da sua madre dell'esistenza dei locali per scambisti e pur non avendoli mai frequentati,era forte in lui la voglia di vedere com'erano quei luoghi in cui sua madre andava a fare la troia.

La mia esperienza in quel senso era assai diversa giacché,non ancora maggiorenne,era mio fratello a portarmici per "Abituarti per quando dovrai fare la troia di mestiere" mi minacciava.

I miei racconti sulla mia vita in famiglia però,non erano ancora arrivati a quegli episodi essendosi limitati ai racconti di come mio padre abusasse di me non ancora adolescente.

Mio padre era un vero animale che terrorizzava quella povera donna di mia madre la quale era assolutamente incapace di opporsi a quei soprusi.

Era una vera bestia mio padre e come tale,aveva allevato suo figlio con la stessa concezione maschilista della donna secondo la quale,erano degli esseri inferiori utili solo a soddisfare gli istinti animaleschi dei maschi.

Sin da piccola mi aveva abituata a dargli piacere con le mani e la bocca e quando finalmente mi erano venute per la prima volta le mie cose,non aveva esitato,nonostante le implorazioni di mia madre,a sverginarmi senza nessun riguardo.

D'altra parte,il suo senso di rispetto per le donne della sua famiglia e del predominio dei maschi,aveva avuto il suo battesimo il giorno del diciottesimo compleanno di mio fratello che il padre aveva voluto fargli festeggiare mandandolo a letto a scopara la mamma.

A quel tempo io ero troppo piccola per avere quell'onore che mi sarebbe stato riservato al compimento dei mie diciotto anni in cui ero stata scopata anche da mio fratello mentre mio padre,mi aveva sverginato la parte ancora integra del mio corpo.

Da quel momento,data la maggiore età che lo mettevano al riparo da rischi penali,aveva cominciato a farmi scopare anche dai suoi amici mentre mio fratello mi portava nei club privé o nei luoghi di scambio all'aperto.


All'età di venti anni,non tolleravo più quello stato di cose che mi aveva ridotto allo stato di schiava sessuale della mia famiglia e facendomi coraggio,ero andata a denuciare tutti ed a quel punto,mio padre era andato im galera,mio fratello ai domiciliari,mia madre in una casa famiglia mentre io,che nel frattempo avevo trovato un lavoro,avevo potuto riprendermi la mia vita in un piccolo monolocale in affitto.

I miei problemi si erano ripresentati dopo alcuni mesi da quella sbornia di libertà.

Improvvisamente mi ero resa conto che ero oramai drogata di sesso e dunque,sentivo montare in me in modo incontrollabile la voglia di cazzo.

Tanto cazzo!

Tanti quanti ne avevo a disposizione quando ero la schiava di mio padre e mio fratello.

Inutili erano stati i miei tentativi di mettermi con qualche bravo regazzo che perdevo regolarmente nel momento in cui capivano che ero una ninfomane affamata di cazzo.

Poi la fortuna mi aveva finalmente voluta abbracciare ed avevo incontrato lui....il meravilgioso rovescio della mia medaglia!

Io sono lui!

Lui è me!

Davanti allo specchio,non vedo più la mia figura di giovane ragazza abbrutita e abbruttita dal vizio e dalle peripezie della vita ma vedo lui,l'uomo meraviglioso che mi ha regalato una nuova vita.

Anche lui mi confessa ogni volta che mi vede felice e soddifatta da qualche avventura erotica,di rispecchiarsi in me ed in quei casi,lo prendo per mano e lo porto a letto dove facciamo l'amore.

segue

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!