Bonsai

Fiori rossi di una camelia nel giardino.
Come una zoomata cinematografica il mio sguardo ci si focalizza, ammaliato dai carnosi petali dell'effimero fiore. La visione si ingrandisce ed i particolari esterni scompaiono.
La mia mente si concentra solo sull'intenso carminio.
I pensieri si dissolvono e nella mente affiorano immagini di fiori di loto dal colore saturo di fucsia. Le foglie delle piante acquatiche si allungano intraprendenti sulle insondabili acque di un lago orientale. Si espandono, tenaci, ne conquistano la superficie. Le acque scure, sottomesse, ne raccolgono la vita.
La mente viaggia senza briglie ed il mio corpo viene rapito dalle placide acque del lago Hoan Kiem.
Incantevole specchio d'acqua, oasi di pace incastonata nel caotico chiasso delle biciclette e dei mezzi a motore.
Come camminando in punta di piedi su un vaporoso alito di vento, attraverso il The Huc, abbandonandomi alle spalle la strada Dinh Tien Hoang. Il ponte del sole nascente, laccato di rosso e di storia, mi restituisce sui suoi legni un paesaggio antico in cui lo spirito può librarsi dal mio corpo ed aleggiare con le antiche anime di Van Xuong e del generale Tran Hung Dao. L'anima di La To mi protegge e mi guida scivolando indietro nei secoli.
Il piccolo isolotto, perla senza tempo, è cintato da sontuosi vasi in porcellana ornati di antichi ideogrammi che ostentano bonsai dall'aspetto patriarcale. Alti e giovani alberi, intorno rivendicano, ribelli, ardore ed impeto giovanile sotto lo sguardo rarefatto e accondiscendente degli alberi secolari, che, mollemente adagiati nei loro vasi, come anziani su panche di mogano, restano pazienti a narrarsi di vicende dimenticate.
Lo sguardo si incunea verso il tempio buddista di Ngoc Son.
Incensi bruciano dai vasi dei bonsai e fumi spessi ed azzurri si alzano dalle entrate del tempio, come anime in cerca dei sentieri del vento.
Il tempio è scuro e buio, insondabile e intimo come il ventre di una donna.


Solo dopo qualche minuto la vista si abitua, rivelando intagli e fregi di oro e di vermiglio.
Scheletri di incensi spenti, avvolti su sé stessi, si mescolano a nuovi bastoncini fumanti; il profumo di espande come preghiere che invocano pace e benedizioni, trasportate dalle volute a spirale dei vapori carichi di aromi.
Il legno è nero di fumo e di storia, impregnato di preghiere e voti.
Il silenzio ci restituisce antiche eco di gong che scandivano i momenti di preghiera di monaci vestiti di arancione.
Mantra ripetuti con voci monotone ed assonanti.
L'aria ci circonda satura di odori e misticismo e ci solleva l'anima, ci sgrava da pensieri e preoccupazioni, ci libera la mente.
Il monaco del tempio ci accoglie sdentato e bonario nel vestibolo degli ambienti più interni.
La lunga barba bianca e liscia si unisce ai baffi cadenti, incorniciando un sorriso invitante.
Gli occhi sono solo due scure fessure, solchi scolpiti come ferite in un tenero legno.
Rughe insondabili decorano la fronte ed il contorno degli occhi, si allungano su guance scavate e si perdono sotto i lembi della tunica.
Piccoli gesti di assenso accompagnano i nostri incensi che trovano dimora nei bracieri.
Ci sorride, il monaco, con gli occhi e con l'anima, e ci invita nel grande cuore dell'Asia antica.
Su soffici tele vermiglie dipinge con inchiostro nero e viscoso ideogrammi scomparsi, benedizioni e simboli di pace e benessere. Le tele richiamano le laccature del ponte e delle decorazioni del tempio, finemente arabescate di pagliuzze dorate.
L'inchiostro è spesso e grasso ed il pennello racconta di un'arte antica, tramandata nei secoli ed espressa, concessa, con la mediazione di preghiere e meditazioni.
Il grosso pennello scolpisce armonia sullo sfondo, rosso come un presagio.
Gli ideogrammi, celati nel pennello come gravidanze occultate, prendono vita e si palesano dai sapienti movimenti del monaco, trovando la pace definitiva sui sottili drappi.

Con inchini e sorrisi il monaco ci restituisce le tele su cui, ora, i precisi segni neri sembrano animarsi di nuova vita tramandando auspici di serenità e prosperità.
Il vento scuote i lembi dei manti arancioni, i raggi del sole ne rinnovano le sfumature.
Le mani giunte, il monaco si concede profusioni di inchini senza chiedere nulla in cambio.
Con le mani sul cuore il nostro spirito si espande riallargandosi sulla corona di bonsai che, come colonne vive, racchiudono il cortile del tempo, separandolo dai confini del lago.
Alberi di 50 anni, di 70 anni, di 120 anni, di 150 anni.
Tronchi contorti come gli spasimi della vita, forme assecondate dalle cure e dalle preghiere di generazioni di monaci. Legni massicci costretti in vasi di un metro, metamorfosi antiche e rugose in armonie decennali. Piccole foglie ancora carpiscono al sole le energie vitali per tramandarle in racconti senza tempo né dimensioni.
Sofferte morfologie attorcigliate ritrovano la pace nell'armonia eterna dell'universo restituendo soavità in vapori di clorofille e cortecce rugose. Radici sporgenti ghermite da muschi si lasciano assecondare dalle carezze del tempo, ispessendosi e stratificandosi in un rituale ripetuto e atemporale come le preghiere dei monaci.
L'aria penetra silenziosa nel petto espandendo lo spirito in respiri di armonia. Pochi suoni permeano sensazioni di lievitazione.
Con malinconia accarezziamo le immagini senza tempo, racchiuse nello scrigno sulle sponde del lago.
Riattraversiamo il ponte di legno volteggiando su petali di loto per decantare in lente flocculazioni sulle pietre della caotica strada Dinh Tien Hoang, accettando più serenamente lo schiaffo della schiamazzante civiltà del delirio.

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!