Le Mie Fantasie Erotiche: Nel Bosco

La luce del sole illumina il mio viso, facendo luccicare il mio sudore sulla pelle. Oggi è una giornata molto afosa, ma, fortunatamente, percepisco una folata di vento fresco, che mi rinfresca. Giacomo mi bacia il collo, sfiorando lievemente il mio sudore con la punta della lingua, mentre percepisco le sue ciocche fini sul viso, che mi causano una sensazione di solletico. “Sei già calda” mi sussurra, sfiorandomi il seno da sopra la maglietta e, con l’altra mano, alza lievemente la mia gonna, appoggiando le sue dita all’interno delle mie cosce. Sento una sensazione di calore avvolgente nel basso ventre, ho voglia di lui.
“Bellissima, se non ti va puoi anche tirarti indietro” mormora al mio orecchio, continuando a lasciarmi una scia di baci.
“No, voglio provare questa nuova esperienza.” gli dico, avvicinandomi alle sue labbra rosee. Lo bacio con dolcezza, poi lui aumenta l’intensità del bacio, mordendomi le labbra di tanto in tanto, assaporando la mia lingua come se fosse una pietanza succulenta.
Alza la testa, con il mento appoggiato sulla mia spalla, mentre guarda i rami chiari delle betulle, le erbacce incolte, le rampicanti sui tronchi degli alberi, le farfalle che volteggiano tra le foglie e si posano sui fiori colorati del bosco.
“Vieni con me” mi dice, prendendomi per mano e conducendomi con lui. Lasciamo la stradina e percorriamo un sentiero in discesa, trovando riparo dietro una fitta barriera di vegetazione, composta da ortiche, cespugli di bacche e alberi di gelso.
Lui si posiziona dietro di me, cominciando ad accarezzare le mie cosce e si china, abbassando la mia gonna.
Io alzo un piede per volta verso l’alto, per permettergli di sfilarmela. Successivamente, senza togliermi la maglietta, comincia a leccarmi il sedere, aspettando prima di sfilarmi le mutandine.
Mi chino verso il basso, appoggiando le mani sul terreno e sento la sua lingua sfiorare la stoffa del mio intimo, che aderisce alla mia pelle accaldata, mentre percepisco mille pulsioni veementi e roventi nella mia vagina.


Lui abbassa le mie mutandine. Si china all’altezza delle mie caviglie, comincia a percorrere lentamente la mia pelle con le mani e mi vellica dolcemente sulle cosce, lasciandomi percepire il suo tocco delicato e il calore del suo respiro, per intensificare dentro di me la brama.
Tremo per la tensione e, finalmente, sento il tepore del suo fiato sulla mia apertura. Lui, dopo aver dato un primo, rapido assaggio, si abbandona al sapore intenso dei miei umori, cominciando a leccare e succhiare con ingordigia la mia vagina, come un leone che si ciba con gusto della sua preda ancora calda.
Il mio respiro comincia a farsi pesante per il piacere e mi lascio sfuggire alcuni gemiti dalle labbra, quando la sua lingua comincia a stimolare il mio clitoride.
Dietro i cespugli e i rami degli alberi, vedo alcune persone che passano, eppure io non smetto di gemere per il pudore, anzi, inizio a urlare per la goduria e il piacere.
Giacomo non smette di leccare la mia vagina, come se fosse sprofondato in uno stato di estasi, mentre sento il punzecchio della sua barba corta tra le mie cosce. Due donne di circa trent’anni si fermano, si girano verso di noi, per comprendere da dove provenissero i gemiti, e ci vedono, scorgendoci tra la vegetazione. Percepisco un senso di timore, dato che avrebbero potuto avvertire la polizia, ma si limitano ad assumere un’espressione schifata e continuano a camminare, con un passo spedito.
Mentre guardo le due donne allontanarsi, con grande dispiacere, non sento più il tocco della lingua umida di Giacomo.
Sento la sua voce profonda sussurrare: “Dio, quanto sei bagnata” ed io non mi muovo dalla mia posizione.
Lui fa un passo indietro ed io sento il ticchettio del metallo della sua cintura e, dopo un istante, percepisco la sua cappella già gonfia sulla mia apertura, mentre lui comincia a sfregarla sul mio clitoride, senza penetrarmi.
“Mmh, ti prego scopami” urlo, pregandolo, senza alcun senso di vergogna, mettendo da parte la mia dignità, dato che, ormai, avevo perso la ragione, che era stata sovrastata dal
mio impeto di fervore e passione.

“Adoro quando mi preghi in questo modo” disse, emettendo una risata compiaciuta.
Lui penetra lentamente la mia vagina bagnata con il suo pene duro e pulsante, mentre percepisco il vigore e il calore intenso della sua eccitazione dentro di me. Appoggia i suoi grandi palmi sui miei fianchi, cominciando a spingere dentro di me.
Inizio ad urlare ininterrottamente, Giacomo mi assale senza pietà e con violenza, come un soldato che attacca e ferisce il nemico in battaglia, lasciando sgorgare il sangue dalla possente armatura.
“Brava, urla come una puttana, voglio che tutti vedano quanto sei troia” dice Giacomo, intensificando ancora di più il senso di goduria e piacere nella mia intimità.
Mi brucia la gola, eppure non riesco a smettere, nemmeno quando alzo la testa e scorgo due figure davanti a noi, dietro la fitta vegetazione.
Mentre le due persone si avvicinano a noi, facendosi largo tra i cespugli e i rami, Giacomo non smette di scoparmi, anzi, aumenta la forza e l’intensità, mentre io mi sostengo con le mani al terreno, dato che ho la sensazione di essere un vaso di porcellana che barcolla e rischia di spezzarsi in due.
Quando i due individui sono più visibili e vicini, mi accorgo che sono due ragazzi giovani di almeno vent’anni: uno alto, riccio e scuro di capelli e l’alto più basso, biondo e pallido.
I due cominciano a guardarci perplessi e, solo allora, Giacomo smette di sfogare le sue voglie tra le mie cosce, allontanandosi da me con il pene ancora possente ed eccitato, senza alcun pudore verso i due sconosciuti.
Quello più alto dice ridendo: “Tranquilli, continuate pure come se non ci fossimo”.
Giacomo mi schiaffeggia il culo, lasciandomi una sensazione di dolore intenso e facendomi barcollare in avanti.
“Io sono generoso, quindi vi va di divertirvi anche voi con la mia amica?” chiede loro, mentre io mi alzo con fatica da terra, sorreggendomi la schiena dolorante con la mano.
I due ragazzi si guardano indecisi, mentre l’eccitazione comincia a salire ancora di più dentro di me.

“Eh dai” dissi, avvicinandomi a loro. Mi sfilo la maglia, che Giacomo non aveva ancora tolto, e lascio cadere il reggiseno ai loro piedi, mentre i due ammirano il mio corpo nudo, con gli occhi lucidi per lo stupore.
“Per carità, sei bellissima, ma non lo so” disse quello biondo, grattandosi la testa e volgendo lo sguardo verso il vuoto, visibilmente imbarazzato.
Invece, il ragazzo moro mi guarda incantato, mordendosi il labbro e sorridendomi con malizia.
Quindi, sotto gli occhi di Giacomo, mi avvicino ai due, sfiorando il pacco ad entrambi. Comincio a fare pulsione sulla patta dei pantaloni, muovendo la mia mano avanti e indietro.
“È bravissima a succhiarlo, dai, provate” dice il ragazzo, con il pene ancora duro davanti ai due amici, mentre io mi inginocchio davanti a loro e abbasso loro i pantaloni.
Afferro i loro peni, il primo con una mano e il secondo con l’altra, iniziando a succhiare con dolcezza e trasporto, a turno, le palle di entrambi.
Poi, mi soffermo con la bocca sul pene del moro, continuando a masturbare con una mano il pene del ragazzo biondo.
Appoggio la sua cappella già gonfia sulle mie labbra morbide, sfiorando la sua pelle con la punta della lingua, poi comincio a leccare l’asta del suo pene. Volgo la testa verso di lui, che, con un’espressione di stordimento e piacere, è in visibilio per le sensazioni che la mia bocca gli dona.
Mentre lui appoggia il palmo sui miei capelli, io ingoio il suo pene, facendolo penetrare fino alla gola, mentre il ragazzo comincia a stringere con forza la mia testa, spingendola verso il suo bacino. Sento la mano del biondo palparmi il seno, mentre vedo Giacomo con la coda dell’occhio, mentre si masturba ammirando la scena. Per dimostrargli che sono una brava puttana, volgo la mia testa verso il pene dell’altro, ripetendo lo stesso rituale, ancora e ancora.
Sento le mani di Giacomo sollevarmi il bacino, stringendo le sue dita attorno alla pelle del mio sedere.
Seguendo la spinta delle sue mani, mi sistemo ancora nella posizione di prima, con il bacino verso l’alto, senza smettere di succhiare i peni dei due ragazzi, che, di tanto in tanto, mi afferrano i capezzoli, mi palpano e graffiano con le unghie sul seno, gemendo per la grande goduria che procuravo.

Giacomo riprende a penetrarmi, con ancora più potenza di prima, mentre io assaporo con avidità i peni dei due ragazzi. Percepisco sei mani sul mio corpo, che lo accarezzano, lo stringono e lo percuotono con violenza, perciò mi sento succube e sottomessa al loro volere.
È se fossi soltanto una bambola senz’anima, destinata ad alleviare le loro pulsioni intime e carnali e la loro incontentabile sete di passione sessuale.
Giacomo continua a spingere sempre più forte, senza fermarsi un secondo, mentre fatico a sostenere la situazione, leccando e succhiando le palle, le cappelle e i peni turgidi di virilità dei due ragazzi.
Ad un certo punto, con un sospiro sommesso di sollievo, il ragazzo raggiunge il suo apice, sprigionando il suo seme caldo dentro di me. Sento Giacomo togliere il suo pene dalla mia vagina, mentre il suo liquido denso cola in grande quantità all’interno delle mie cosce, gocciolando sul terreno.
Dopo non poco, mentre succhio il pene del biondo, anche lui raggiunge la soglia massima del piacere, riempiendo la mia bocca di sperma dolce e succulento, mentre l’altro eiacula sulla mia schiena. Il ragazzo moro emette un gemito e, quando mi volto verso di lui, noto i suoi occhi profondi e languidi per il suo potente orgasmo, che ha prosciugato le sue energie.
Ci guardiamo, respirando sonoramente e tutti e quattro ci lasciamo crollare a terra. I capelli dei tre uomini sono ormai disfatti, mentre il sudore brilla sulle loro fronti. Quando il fervore del sesso si spense, come la debole fiamma di una candela, restammo inerti e privi di forze, ma compiaciuti, gratificati e con l’animo sereno.

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!