Con Mamma E Papà In Treno 3 Il Guardone

Ciao a tutti sono Andrea e questa e la terza parte del racconto, consiglio a tutti di leggere le prime due parti.
Ormai prossimi all'arrivo a Messina ,dove ci aspettavano dei parenti,
Davanti alla porta di discesa mentre il treno si fermava ammiravo il culo di Francesca mia madre e pensavo alla notte passata e alle chiavate che ci saremmo fatti in futuro , anche se mi dispiaceva per mio padre ,in particolare immaginavo il momento in cui le avrei sfondato il culo.
Poi i miei zii che ci vennero a prendere in stazione mi diedero la brutta notizia infatti loro avevano pensato di far alloggiare i miei da loro ed io invece sarei andato da un mio cugino più grande che si era offerto di ospitarmi per quei 5 giorni.
Inizialmente mi feci prendere dalla paranoia ,che però si trasformò in esaltazione quando mio cugino venne a prendermi da casa degli zii accompagnato dalla moglie.....Ada un pezzo di figa esagerato!una trentacinquenne dal fisico esplosivo che mi fece sbavare il cazzo fin da subito tra l'altro mi ritrovai il piatto bello che pronto in quanto Vito mio cugino subito dopo aver salutato tutti andò a lavorare lasciandomi nelle mani della sua mogliettina che appena arrivati a casa loro mi disse di disfare la valigia e di mettermi in costume che mi portava al mare.....è quando gli feci presente di non avere costumi qui con me ,in quanto stavano in un altra valigia che avevano i miei, lei mi disse che non vedeva il problema mi avrebbe dato qualcosa di mio cugino e quando si presentò con in mano uno slip rosso fece il mio gioco infatti il mio grosso cazzo pur essendo moscio riempiva quel misero slip talmente tanto che temevo traboccasse tutto fuori e quando mi affacciai da Ada per chiedergli se avesse altro da propormi visto il problemino......lei mi disse:-Alessio non mi sembra tanto un problemino il tuo....ed io:-scusami ma non pensavo mi andasse così stretto....
E lei con gli occhi calamitati sullo slip....
-be non si tratta di misure del costume si tratta di altre misure,diciamo che sei un po' più grande di Vito in quel punto ,ma siamo sicuri che è tutta roba tua ?.

....comunque ora vado a prenderti qualcosa di più comodo.....poco dopo tornò con un pantaloncino da calcio e mi disse:-mi sa che questi sono gli unici che posso offrirti Vito usa solo slip al mare e purtroppo non ha il tuo problema ahahahahah gli dissi che andavano bene e mi spostai nella camera che mi avevano riservato per cambiarmi e lasciando la porta aperta feci in modo che lei vedesse che non c'era nessun trucco.......è il suo:-minchia che sberla che hai.......mi fece capire che si era ricreduta indugiando nel mettermi i pantaloncini gli dissi:-penso che mio cugino non sia messo benissimo visto cosa indossa per il mare....è lei di rimando:- diciamo che rispetto a te lui è un extra small,ascolta Alessio stavo pensando che forse se fatto tardi per il mare che ne diresti di farci una doccia e un riposino aspettando che tuo cugino torni?..........
:-per me vabbene anche se mi sarebbe piaciuto vederti in costume da bagno.
-se il problema e quello penso che non potrai lamentarti sai stavo pensando che potremmo lavarci la schiena a vicenda che ne pensi.
-ahahahah ok va benissimo .
-allora nel frattempo che mi cambiò un attimo tu comincia ad andare in bagno............tra me e me pensai non e possibile che mi trombò la moglie di mio cugino dopo neanche un ora che la conosco, però stava succedendo davvero e mentre aprivo la doccia, la vidi arrivare
-mamma mia Ada che pezzo di figa esagerata che sei.....
-ascolta Andrea prima di giocare promettiamo che rimarrà un nostro segreto.......
-ma che scherzi non preoccuparti minimamente.....
-e la prima volta che mi faccio toccare da qualcuno che non sia Vito.......
E tirandola con forza verso di me gli dissi...
-tranquilla sarà il nostro segreto........era veramente esagerata 1,78 con un 90/60/90 di carnagione mediterranea non sapevo da dove cominciare..........lei invece lo sapeva bene e spingendomi sotto la doccia cominciò a giocare con il cazzo......
-si si si che mazza che hai .
........
-ti piace ?
-non è solo lungo ma è larghissimo....
Dopo di che cominciò a riempirsi la bocca facendomi sborrare come un idrante!
Quando ci trasferimmo in camera da letto però fu il massimo dei godimenti dopo averla leccata tutta gli sfondai la figa nel vero senso della parola in quanto era strettissima e nonostante fosse lubrificata dai sui umori ebbi non pochi problemi a penetrarla in quanto sentiva dolore e perse pure un po' di sangue,in pratica l'avevo sverginata,però sentirla urlare di piacere e osannare la differenza di cazzo che c'era tra me e mio cugino mi fece sentire un re.
Chiavammo per due ore buone e quando finimmo mentre ci preparavamo per l'arrivo di mio cugino mi fece notare che si sentiva la fessa aperta come non l'era mai successo e che aveva dolore quando si sedeva.....sghignazzando le dissi:
-hai voluto la bicicletta ora pedala.
Una volta arrivato mio cugino raggiungemmo la casa dei miei zii dove cenammo fino a tarda notte.
Quando andammo via mio cugino voleva fermarsi da qualche parte per bere qualcosa ma Ada distrutta dalla chiavata selvaggia che avevamo avuto disse che non se la sentiva e che preferiva andare a letto visto che domani ci aspettava il matrimonio dell'altra mia mia cugina facendo desistere anche noi.
Il giorno seguente mi svegliai presto e approfittando del fatto che Paolo dormiva provai a farmi fare un bocchino da Ada che però non ne volle sapere lasciandomi col cazzo duro.
Comunque senza dilungarmi troppo festeggiamo il matrimonio alla grande e devo dire che nonostante non potessi far niente mi divertì a provocare Francesca,mia madre,ed Ada , infatti mentre ballavamo gli facevo sentire il cazzo duro e gli sussurravo frasi che visto il vino che stavamo bevendo un po' tutti diciamo che le facevano accaldare un bel po'.......è non solo loro infatti mentre fumavo una sigaretta camminando per il bel parco dove si trovava la sala fui raggiunto da Vito e da mio zio che con la scusa che dovevano fumare ne approfittarono per farsi una sana pisciata nella natura, cosa a cui mi aggiunsi anch'io,però a differenza loro senza curarmi troppo dei restanti parenti tirai fuori il cazzo ,che tra l'altro era pure barzotto ,e cominciai a pisciare notando il loro sguardo d'invidia ,infatti,mio zio ubriaco perso ridendo mi disse:-
Minchia che attrezzò che hai Andrea.
......è Vito sgrullandosi la sua lumachina...:-copri quella bestia dovesse arrivare qualcuno,ridendo e pensando a come gli avevo sfondato la moglie il giorno prima gli dissi:-sta tranquillo Vito e che sarà mai al massimo vedranno qualcosa che vedendo voi e due scarseggia da ste parti......è al suo:-a cosa ti riferisci....gli risposi a niente lascia stare.
La festa continuo fino a tarda notte e quando tornammo a casa eravamo distrutti e me ne andai a dormire.
La mattina dopo però il risveglio non poteva essere dei migliori ,infatti,appena sveglio andai in cucina per il caffè e li trovai Ada che sorseggiava il caffè con indosso solo un cortissimo babydoll e quando mi disse che eravamo soli perché Vito era andato al lavoro e che se volevo potevamo rilassarci un po' gli saltai addosso e chiavammo alla grande fin quando una chiamata di mia madre ci interruppe !dovevamo tornare subito a Milano perché mio padre doveva rientrare subito al lavoro tra l'altro stavano venendo a prendermi e dovevo far veloce........non so come ma riuscì a staccarmi da quel pezzo di femmina che era Ada e velocemente mi preparai raggiungendo i miei.
Una volta arrivati in stazione a Messina salutammo gli zii con la promessa di tornare e andammo al treno prendendo posto stavolta sempre nel vagone letto ma in due cabine differenti però adiacenti una all'altra dopo aver sistemato i bagagli mi congedai dai miei e mi chiusi nel mio "stanzino" per provare a dormire un po' ,cosa che riuscì a fare fin quando non sentì bussare alla porta, era mio padre che mi avvisava che dormivo già da più di quattro ore e voleva sapere se mi andava un panino,lo feci entrare e mentre lui alzava la tendina per far entrare un po' di luce, dicendomi che avremmo cenato da me che c'era più spazio io brontolando scostai il lenzuolo e mi alzai lui cominciò a mettere appostò il letto ed io mi spogliai per mettermi qualcosa di più comodo notando come il suo sguardo cadeva sul mio cazzo semieretto gli chiesi se c'era qualcosa che non andasse e lui ridendo mi disse:-be hai una proboscide al posto dell'uccello e normale che mi cade l'occhio , a proposito tutto quel tempo con Ada da solo sicuro che non gli hai dato una bottarella ahahahah .
......ed io col cazzo che stranamente mi diventava sempre più duro :-diciamo che tuo nipote a qualcosa in testa da qualche giorno ahahahahahah......lo sapevo l'ho capito da come ballavate che c'era molta intimità e ora capisco perché ........con quel coso che ti ritrovi l'avrai fatta contenta......ahahahahah ed io:-diciamo che Vito troverà qualcosa di diverso in lei , visto che gli ho slabbrato la fessa il suo cosino gli farà il solletico per un po' di tempo.......è lui :-ahahahah dai muoviti copriti la gamba di mezzo che chiamo tua madre.
Così fece e quando mia madre venne nella mia stanza cominciammo a preparare panini e stappammo un buon vino rosso tutto questo fin quando non arrivarono all'in circa le undici e decidemmo di andare a dormire con mio padre che la prendeva in giro e lei che ribadiva ogni volta che come cominciava a russare sarebbe venuta a dormire da me......mio padre rideva ma non sapeva che diceva sul serio ed infatti appena spensi la luce e accesi il portatile per vedermi un film nel silenzio della notte li sentì scopare o meglio sentì tutti i loro discorsi con mio padre che gli dava ripetutamente della Troia esaltando la sua maestria nel fare i pompini e mia madre che gli dava del porco,in pratica si sentiva quasi tutto e li sentì anche scopare addirittura mentre la scopava gli disse che io avevo scopato con Ada esaltando le dimensioni del mio cazzo,fu li che sentì mia madre dirgli:-porco credi che non sappia che razza di maiale sia tuo figlio all'andata sono stata tutta la notte con quel bastone enorme che si ritrova piantato sul culo e sulla fessa......credimi che se non ci fossi stato tu mi sarei fatta sventrare molto volentieri.....è mio padre :-lo sapevo che eri una gran Troia e lei:-è tu sei un gran porco ,dai muovi quel cosino che ho sonno......dopo poco sentì mio padre venire......è mia madre dirgli che sarebbe venuta da me perché voleva stare più comoda,dopo qualche secondo sentì bussare alla porta era mia madre con indosso una vestaglietta super sexy che mi chiedeva a voce abbastanza alta di fargli posto nel letto,quando si aprì la vestaglia rimasi di stucco sotto era nuda......e appena entrata nel letto spari sotto le lenzuola alla ricerca del mio cazzone che trovo duro come il marmo.....
-Andrea che porco che sei così ti presenti alla tua mamma.....io non sapevo che dire anche perché sapevo che si sentiva tutto dall'altra parte e cercavo di non far rumori fin quando ormai fuori di me la feci mettere sotto di me e cominciamo la chiavata piu sconvolgente della mia vita con mia madre che mi esaltava e mi incitava a sfondargli tutto urlando tutto il suo piacere,lo facemmo in tutte le posizioni e durante la notte riuscì a sfondargli il suo magnifico culo! Crollammo distrutti che erano le tre di notte e al mattino intorno alle sei sentimmo bussare e mi alzai per aprire a mio padre che voleva sapere che cosa volevamo per colazione,vidi il suo sguardo cadere prima su mia madre che tutta nuda dormiva fregandosene di lui e poi sul mio cazzo scappellato che svettava ,non disse niente tranne vi portò due caffè ......è c'è li portò i due caffè solo che stavamo chiavando con mia madre a smorza candela e dovete aspettare un po' prima che lei gli aprisse la porta per prendere i caffè e gli dicesse:-amore fatti un giro che io è Andrea dormiamo ancora un po'........continua

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!