Per Amore Di Tua Figlia - Orgia Di Famiglia [Parte 2 Di 2]

Come dicevo, il pensiero che fossero stati i miei a organizzare il tutto e che stessero dall’altra parte della telecamera a guardarmi scopare loro figlia mi faceva eccitare ancora di piu’. Ora volevo affondare la testa tra i suoi seni prosperosi; forse Camilla intui’ le mie intenzioni, perche’ incrocio’ le braccia per afferrare le estremita’ della sua maglietta rosa e togliersela. Ero sempre di piu’ ammutolito dallo spettacolo che avevo davanti: nessun reggisono sotto la maglietta, soltanto i suoi grossi e turgidi capezzoli puntati su di me. “Ti piacciono, Marco?”, sorrise e, stringendo le sue braccia attorno al mio capo, comincio’ di nuovo a baciarmi. Prese in mano la situazione: mi sbatte’ sul tavolo di vetro e si getto’ su di me. Le accarezzai i fianchi, avvolgendola a me: mentre i suoi seni coprivano interamente il mio viso, le infilai il cazzo da dietro e li’ avvertii un suo leggero gemito. Iniziai lentamente, per poi affondare colpi sempre piu’ decisi: cosi’ da una parte i suoi seni premevano sulla mia bocca e io dall’altra sentivo il cazzo entrare e uscire sempre con sempre piu’ foga dalla sua passerina umida. Ricordo distintamente le sue grida di piacere mentre la sfondavo. Grida che furono interrotte improvvisamente dallo sbattere violento della porta di casa. Oddio. Era mio padre. Lo vidi procedere spedito dall’uscio di casa verso mia sorella, afferrarla per un braccio e quasi lanciarla per terra contro il divano di stoffa bianca della sala. Ma cosa cavolo stave succedendo? E dire che non doveva essere arrabbiato, avendo lui stesso ideato il piano. Forse il porcone si era eccitato guardandoci e voleva provare…mia sorella. Nel frattempo spunto’ dall’uscio anche mia madre. Vidi mio padre tirare uno schiaffo ben deciso al bel culo di mia sorella messa a pecorina. Cosi’, mentre se la inculava, mi strattono’ per il braccio: “Vedi Marco? Cosi’ devi fare”. Mi sembrava quasi un’altra persona, presa dalla passione del momento: un uomo in preda alla lussuria sfrenata.

“Vedi? Cosi’”. E intanto mia sorella, con il culetto ben aderente al suo cazzo e la schiena leggermente inarcata, emetteva profondi sospiri soffocando quasi di piacere. Pero’…il papi ci sa fare. “E ora prendi tua madre e segui cio’ che faccio io”. Catturato da quello spettacolo, non mi accorsi che intanto mia madre si era spogliata del tutto ed era piegata a pecora accanto a mia sorella. “Dai Marcolino…”, sospiro’ mia madre, dandosi un piccolo schiaffo sul suo culo bello sodo. Non me lo feci ripetere due volte. Lo specchio posto appena sopra il divano mi consentiva una visione stupenda: io e mi padre intenti a sbatterci con voracia lussuriosa le due donne di casa. Ah la famiglia…

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!