Racconti Insoliti

II-Esyan
“Signora Hesse?”
LA donna sta in piedi davanti alla vetrata con vista sull’immenso parco cittadino che si estende oltre. La signora ha lunghi capelli bianchi che le ricadono fino a metà schiena e un fisico magro e asciutto. La signora Hesse è nuda e sembra non curarsi della presenza dei due uomini in camice bianco presenti nello studio. Lei si volta verso chi le ha rivolto la parola: un uomo brizzolato dalla pancia prominente, calvo, e due occhialetti tondi poggiati su un naso a patata.
Il volto è quello di una signora che ha fatto i suoi anni. Ha il naso grosso, leggermente aquilino e due occhi di un intenso blu profondo. Ha 63 anni ma, il fisico suggerisce un’età molto inferiore. Pelle straordinariamente liscia, ventre piatto, seni grandi e tondi, areole scure con capezzoli grandi come ditali. La sua vagina è un taglio perfetto con poca peluria. A guardare solo il fisico, si sarebbe detto che fosse una donna sui 50 anni in pieno tenore muscolare. Ancora appetibile sessualmente “Dottor Calvin?”
“eh..signora Hesse..” il dottor Calvin sembra imbarazzato, vorrebbe guardare da un’altra parte ma, inevitabile che lo sguardo si soffermi su quel corpo perfetto che il tempo non ha intaccato. “Beh, sono lieto di comunicarle che gli esami hanno dato esito negativo”
“Bene, allora. Il tempo è ancora dalla mia parte” sorride. MA c’è malinconia in quel gesto “Dottor Savini?”
Il più giovane degli uomini in camice bianco, intento a scrivere su una tastiera, non alza lo sguardo ma si limita a rispondere con un “Può andare”
La signora Hesse si riveste. La sua annuale visita completa sul suo stato di salute, ha superato l’OK.

Prende un taxi per tornare a casa. Si fa portare fuori città, al Bella Vista, una terrazza panoramica dove si può ammirare la città. Torri di vetro e acciaio che s’innalzano contro un cielo blu turchese. E, alle spalle, una fitta foresta di pini, larici, querce.
Il sole sta tramontando dietro le alte torri d’acciaio.

Sospira la signora Hesse. Quanto tempo era passato? Quando la Natura era padrona di quei luoghi, lontana dalla violenza dell’uomo?
“Vista magnifica, nevvero?” chiede una voce alla sua destra
“Sarebbe meglio se non ci fossero quegli orrori di vetro e acciaio” si volta appena. Un giovane uomo di bell’aspetto con in mano un block notes e una matita. Sta disegnando qualcosa
“Chissà com’era quando l’uomo non era di queste parti”
“Meno inquinato” risponde la signora Hesse
“Prima volta?”
“No. Mi piace salire qui di tanto in tanto. Lo faccio una volta all’anno”
“Ah, non è di qui allora”
“Lo sono” sorride
“Mi scusi, sono troppo invadente”
“Nessun problema” torna a guardare il paesaggio “Sa, molto tempo fa, qui c’era una grande foresta” alza il braccio, punta il dito e lo muove da destra a sinistra “Incontaminata foresta, rigogliosa. Qui, l’Essenza della Natura si preoccupava di preservare questo angolo di Paradiso”
“Beh, in un certo senso, ci è riuscita. Nonostante quelle torri di acciaio e vetro” commenta il giovane uomo. Da quando ha iniziato a parlare non ha smesso di disegnare sul suo notes “Mi sono permesso…” strappa un foglio del notes e lo porge alla signora Hesse
“Mi ha fatto un ritratto?” osserva con attenzione la cura dei dettagli che il giovane pittore ha messo. Il suo ritratto nelle sue sfumature, nelle piccole rughe sotto gli occhi, nell’intenso sguardo. Ha osato anche disegnarle una spalla nuda. Si permette un sorriso “Ha del talento, non v’è dubbio”
“Mi giudicherebbe sfacciato se..”
“Sì, lo è” lo previene lei cogliendolo di sorpresa
“Io.. Non sa nemmeno quello che sto per chiederle”
“Vuole usarmi come modella?”
“Sì.. sì, se non vuole..”
“No, va bene” sorride la signora Hesse “Accetto”

Lo studio del giovane pittore si trova a poche centinaia di metri da lì. Una baita con un’ampia vetrata che da direttamente sulla valle, quella incontaminata “Bella vista”
“Mi piace stare a contatto con la Natura”
Lo studio è pieno zeppo di tele colorate, ritratti di persone, di paesaggi, di animali “Un buon tratto”
“Grazie”
“Allora, come vuoi che mi metta” sorride lei
“Ci diamo del tu e ancora non ci siamo presentati” lui fa un inchino “Mi chiamo Adam”
“Piacere.
Mi chiamo Esyah Hesse”
“Strano nome” dice lui “Tedesco?”
“Nativa”
“Ah”
“Allora, che tipo di ritratto vuoi farmi?”
“Ecco… Sei una magnifica donna e..” arrossisce un po’
“Ho capito” si slaccia la giacca e comincia a spogliarsi davanti a lui. Piano, con malizia, un vestito alla volta, fino a rimanere nuda davanti a lui. Sceglie un trespolo, dove si siede, girandosi di profilo, la testa leggermente inclinata, la gamba destra tirata su come per censurare la sua parte intima
“Perfetta” fa lui estasiato
Incomincia a disegnare in maniera frenetica. Un’ora dopo, con un ultimo di pennello, annuncia “Stop”
Esyah si alza senza coprire le sue nudità e si avvicina ad Adam. Il giovane uomo non si sposta, si limita ad arrossire a guardare prima lei che il ritratto. Inconsapevolmente, dentro i suoi boxer, il suo Io profondo si risveglia.
E poi c’è quella fragranza selvatica che emana quella donna così meravigliosa. Terra e foglie, fiori di muschio, essenza spirituale “Notevole” si gira verso di lui “Hai un pennello notevole”
Lui, a bocca aperta, annuisce incapace di proferir parola “Qual è il prezzo?”
“Nulla. Mi è bastato poter catturare la tua bellezza Esyan. E’ un regalo”
“Allora, lascia che anche io ti lasci qualcosa, Adam” si gira verso di lui, lo bacia. Lui, colto di sorpresa, non si tira indietro e accetta il suo trasporto
Che corpo meraviglioso, che sublime bellezza. Non si accorge, quasi, di lei che lo spoglia lentamente. Continuano a baciarsi, lei che preme il suo corpo nudo contro quello di lui. La sua erezione finalmente libera di poggiarsi su quella pelle così liscia. Quell’intensità nel corpo. Quella fragranza che sa di antico.
Poi, come una guaina, il pene di lui entra in lei e i colori esplodono. Si ritrova sospeso in una nuvola, galleggia su un lago di puro cristallo, si sdraia su un tappeto di soffice erba.
Dall’acqua emerge una figura fatta di acqua. E’ una donna piena e florida.
Poco a poco, la sua immagine diventa opaca e si trasforma in una meravigliosa creatura piena e soda, dai lunghi capelli argentei e i lineamenti di una dea.
Lei si inginocchia e lo cavalca. Maestosa, i fianchi che si muovono sinuosi, l’estasi allo stato puro. Meravigliosa giumenta. Viaggio psichedelico. E’ ora sospeso nel cielo, avvolto da un manto di stelle. Le stelle hanno il volto di lei: Esyah. Sotto, la Terra si sta formando in una meravigliosa gemma azzurra. Forme di vita primordiali strisciano dall’acqua sulla terra. Giganteschi rettili dominano il Mondo. Poi, il gelo, l’estinzione, la rinascita. Un primate che costruisce una capanna. La storia dell’Umanità vissuta in un secondo. “Chi sei tu?”
L’orgasmo come un prato in fiore, come il mare in tempesta, come un veliero che solca gli oceani.
Un bocciolo nasce dalla terra. Si dischiude come un fiore. Un corpo nudo di ragazza esce da esso e cammina sulla nuda terra. Nascono fiori, alberi, si formano oceani, si creano montagne “Un tempo, questo Mondo, era tutto ciò che desideravo. Niente e nessuno lo aveva intaccato. Nessuna violenza, nessuna ferite sulla terra. Poi, l’uomo comparve, e poco a poco, divorò ciò che io avevo creato. Tale il peso era, di anno in anno, vedere la Natura violata, cambiata. Tale il dolore fu, a quel punto, decidere di allontanarmi da esso”
“Tu sei una Dea?”
“In un certo senso io sono tutto quello che vedi, respiri, mangi” risponde Esyah “Sono la Madre che ha partorito un o. Che lo ha visto crescere ed ammalarsi. Che morirà, in un tempo lontano”
“Tu sei Gea?”
Esyah accarezza la pelle del giovane pittore. Come una foglia sul muschio, discende fino al sesso di lui, lo accarezza, lo possiede “Una volta l’anno, per pochi giorni, mi risveglio dal mio torpore e cammino sul Mondo” avvicina la bocca al sesso di lui, comincia a leccarlo, poi lo inghiotte donando ulteriore piacere al giovane Adam “Come signora Hesse mi reco in un centro di medicina lì in città e mi faccio controllare.
Loro sanno. Loro mi conoscono”
“Sei malata?”
“non ancora. Ma soffro ogni giorno che calpesto questa terra così martirizzata”
“E’ stato un caso che ci siamo incontrati?”
“Forse”
“Ho fatto l’amore con una Dea”
“Lascia che lo faccia ancora prima che torni a dormire”
E ancora, lei che scivola sul suo corpo e lui che si lascia cavalcare. E la storia ricomincia.

Adam si risveglia intorpidito. Sdraiato tra le lenzuola stropicciate del suo loft. Nell’aria un vago odore di muschio e mughetto “MA cosa?” si alza su a sedere, si guarda frenetico attorno “Esyah?” La luce dell’alba filtra attraverso le tapparelle. Si alza e barcolla in bagno. Ripulito e rinfrescato, si riveste “Possibile che sia stato un sogno?” Poi, il suo sguardo si ferma sul ritratto di Esyah, nudo e perfetto “Non era un sogno” esce, chiama il suo nome ma, solo l’eco gli risponde



Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!