Racconti Per Un Giorno Di Neve

Troppa neve per andare al lavoro, che annata strana, non se ne vedeva tanta da un inverno degli anni 80 dicono. I campi imbiancati con una steppa gelida, spezzata al centro da una carreggiata con la sua doppia alberatura di fusti sottili e lunghi aguzzi verso il cielo. Paolo ha perso un pacchetto di sigari nuovi tornado dal tabacchino, quante bestemmie dio è cane davvero, ha dovuto prenderne un altro, quasi 5 euro buttati via. Fiocchi bianche cadono ancora sui campi dove con la bella stagione si coltiva il radicchio, “Ciò Attilio no veto laorare onquò? vento da mi?” Paolo chiamò il suo vicino di casa al telefono un suo vecchio amico che conosceva sin dall'infanzia, si vestirono e scesero sulla strada innevata, poi un'idea per la giornata: attraversare la carreggiata con due vecchie paia di sci. Quei pezzi di metallo lustrati con la sciolina pattinavano sull'ovatta candida scavando delle rotaie sul manto nevoso non ancora impaccato. Forse nessuno aveva mai tentato un'impresa così bizzarra, eppure con tutta la neve che c'era ci si riusciva tranquillamente, sciare in campagna, chi l'avrebbe mai detto. “Te la ricordi l'********?” disse Paolo bevendo un sorso di grappa “Come no, però è tanto che non ci pensavo...” iniziò a raccontare “Eravamo lì ubriachi in pigiama, dentro quella tenda. Lei era davanti a me con i suoi bei capelli biondi e ricci, i suoi occhi color nocciola, era bellissima quando rideva...avevamo sedici anni, forse i suoi polpacci erano un po' grossi, ma aveva una bel fisico, eccome dio can! Quante volte m'ero masturbato pensandole e ora era mia davanti a me, se ti masturbi pensando a una donna, sai già che non potrà mai essere tua, mi hanno detto così una volta. Però lei era davanti a me nella penombra e così dal nulla si tolse la maglietta, pensavo avesse qualcosa sotto..invece no, due bocce candide con due capezzoli che mi guardavano come due occhi, come mi tirava! Misi una mano sulle sue forme calde, erano morbide, le stuzzicai le mammelle e gliele baciai, poi le diedi un bacio in bocca e iniziammo ad attorcigliare le nostre lingue.

Aveva anche un bel pancino,era bello sentire le sensazioni che provocavano le mie carezze su di lei. Iniziammo a strusciarci uno sull'altro, iniziammo a strusciarci uno sull'altro, sapevo che lei sentiva quanto cel' avevo duro e questo mi arrapava un sacco. Lei salì sopra di me, ricordo bene il mio cazzo appoggiato fra le sue chiappe, le si abbassò l'elastico del pigiama, ormai le vedevo quasi un po' il pelo che usciva. Le abbassai i pantaloni del pigiama e vidi la sua figa, pelosetta sul pube con dei bei riccioli e sotto liscia come un albicocca, non riuscii a trattenermi dal succhiarla subito, ma dovetti fermarmi in fretta. Un rumore, dei passi sull'erba, porco dio erano gli animatori del centro sportivo che avevano organizzato il campeggio, se avessero saputo che lei era in tenda con me...dio lazzarone chissà che cazzo sarebbe successo...la feci nascondere nel sacco a pelo, anche gli zaini mascheravano un po'.” “Dio merda questa non la sapevo!” interruppe Attilio “L'animatore fortunatamente non si accorse di nulla, alzò la cerniera della tenda mi diede la buna notte e andò via, ma qualcosa si muoveva nel sacco a pelo, lei mi tirò fuori il cazzo e iniziò a masturbarmi, poi lo prese in bocca, che piacere inebriante sentire le sue labbra su di me, la sua saliva, vedevo la sua testa muoversi su e giù fra le mie gambe e infine non riuscii più a trattenermi, le venni in bocca senza ritegno, ma lei non ne perse nemmeno una goccia. Mi guardò negli occhi, a torso nudo coi capezzoli candidi come la sua carnagione, come una gatta, aprì la bocca e mi mostrò il mio seme sulla sua lingua, poi chiuse la bocca e la riaprì vuota, indescrivibile...” “e poi?” “E poi se ne andò, non avevamo preservativi per farlo, poi lei non voleva spingersi oltre. Che troia del cazzo, alla fine si mise insieme con uno che conoscevo...dimenticai lei e quel conoscente...vecchie storie di tradimenti e bugie, tante bugie...”. I due continuavano a pattinare sulla neve mentre altri fiocchi cadevano su quelli già presenti a terra e un venticello soffiava sulla distesa ghiacciata.
“E ti ricordi di quel mio amico che passò la candida a quella troia? Dio can!” disse Attilio “Anh sì ahahahahahahah quello è stato un idolo!” “Però voglio raccontarti anch'io di una cosa che mi successe al campeggio!” riprese l'altro accendendosi un sigaro offerto dall'amico e appoggiandosi un attimo ad un albero per fumare in santa pace, il fiammifero schiocco sulla scatola e sfrigolando si accese, un altro racconto iniziava “Ero piccolo anch'io, ma ci conoscevamo già, al campeggio c'erano bocchioni più piccoli di noi e un paio di animatori a controllarci, noi volevamo andare a fumare di nascosto e a bere senza essere scoperti eravamo in 4 maschi e dovevamo incontrarci con le femmine in palestra, speravamo anche di scoparcele. Per distrarre i bambini gli facemmo ascoltare un po' di registrazioni demenziali da un registratore , di quelle che andavano di moda in quel periodo e ci dileguammo fra gli alberi vicino al fiume, due di noi furono comunque bloccati dai bambini e noi restammo in due, così ci dirigemmo verso il luogo dell'incontro con le ragazze, quando le abbiamo trovate abbiamo iniziato a fumare e bere con loro, ma da brave puttane del cazzo ci lasciarono a bocca asciutta e se ne tornarono presto nelle loro tende. Io e il mio amico rimasti in due ci dirigemmo verso gli spogliatoi per decidere sul dafarsi, lì continuammo a fumare e aprimmo un'altra lattina di birra. Il mio amico mi disse che aveva una televisione portatile e la utilizzammo per guardarci qualche pornazzo che all'epoca trasmettevano le reti private. Eravamo lì tranquilli quando la porta si aprì, entro una responsabile del centro sportivo incazzatissima dicendoci che ci aveva sentito far rumore e ci aveva scoperti a fumare e bere, cercammo di nascondere la televisione, ma trovò anche quella e si arrabbiò ancora di più. Prese in mano l'apparecchio e vide cosa stavamo guardando, ci disse che ci spettava una punizione, ci aspettavamo na cosa tipo chiamare i nostri genitori o 40 giri di campo, lei era una sui 27-30 anni, non ricordo nemmeno il suo nome, capelli neri e lunghi sino alle spalle, carnagione scura, indossava una tuta da ginnastica bianca e rossa.
Eravamo lì preoccupati ad attendere la punizione, il mio amico la guardava e si rivolgeva a lei con atteggiamento di sfida. Chiuse la porta degli spogliatoi a chiave, ci disse che puzzavamo di sigaretta e per prima cosa dovevamo lavarci, noi non capivamo, ci disse che ci avrebbe fatto una doccia, cercai di dire qualcosa e mi prese a schiaffi. Prese il mio amico e gli levò la maglietta, poi fece lo stesso con me, aveva un fisico da sportiva e non riuscivamo a ribellarci, era un'insegnante di arti marziali se non ricordo male. Ci piegò di spalle e ci colpì col cordino del suo fischietto, non che facesse particolarmente male, ci tolse le scarpe e i calzini, ci tolse i pantaloncini, credevo che ci avrebbe fatto fare la doccia in costume da bagno, ma non fu così. Aprì l'acqua calda nelle docce, tornò verso di noi, ci disse che eravamo sporchi e con uno strattone ci levò l'unico indumento che ci restava addosso: i costumi, ci stava trattando come dei bambini, era umiliante, eppure la cosa mi eccitava, mi eccitava il fatto di essere nudo davanti a una donna adulta vestita, era eccitante vedere i suoi occhi sul mio corpo. Non avevo mai visto il mio amico nudo, eravamo grandi per un trattamento del genere, ma anche a lui iniziava a non dispiacere, vidi che il suo cazzo era come il mio, ma molto più peloso, la sportiva coi suoi occhi neri ci guardava da testa a piedi, prima di spingerci sotto il getto iniziò a toccarci il culo e il cazzo, cel'avevamo entrambi duro, la vergogna si trasformava in eccitazione. Eravamo ormai allupatissimi quando prese una sigaretta ancora accesa e ce la spense sulle braccia, una cicatrice che ho ancora, quanto dolore e quante bestemmie dio infame! Madonna puttana! L'acqua ci diedere refrigerio e sollievo dalle ferite. La troia iniziò a sfregarci con forza, lo shampo faceva tanta schiuma e chiudendo gli occhi non riuscivamo a vederla, sentivamo le sue mani che ci toccavano dappertutto, ci asciugò un attimo gli occhi perchè riprendessimo a vedere, le si stava bagnando la maglietta e le si vedeva il reggiseno, non sapevo fino a dove lei volesse arrivare.
Tirò fuori un rasoio da barba da un armadietto, ci disse che voleva rasarci, impossibile opporci. Prima ci girò di spalle e ci rasò il culo, poi prese il mio amico e iniziò a rasargli tutto per bene, ti dico che lui prima aveva i peli che gli arrivavano fitti e neri fino a metà dell'asta, in cinque minuti scomparve tutto, poi passò a me e fece altrettanto, durante l'operazione mi strappò anche qualche pelo con la pinzetta, ci tirò fuori dalla doccia per asciugarci, ci vedevamo riflessi nello specchio senza peli come due ragazzini, nemmeno una traccia di peluria. Ci asciugò e ci spalmò ben ben di una crema presa sempre dall'armadietto, si assorbì subito. I nostri cazzi senza pelo sembravano più lunghi, lo costatai subito, quello del mio amico prima da moscio pareva risucchiato dal pelo, ora sembrava avesse triplicato le sue dimensioni ed era lungo quanto il mio. Prese in mano entrambi i nostri cazzi duri e profumati e disse che faceva molto caldo e che ora si sarebbe spogliata anche lei, disse che avevamo due bei cazzoni. Si tolse la maglietta bagnata e ci costrinse ad ammettere che non avevamo mai fottuto in vita nostra, rimase in mutande e reggiseno, che corpo da urlo! Era muscolosa, ma bellissima, non vedevamo l'ora di metterle le mani addosso. Si tolse il reggiseno scoprendo i suoi capezzoli scuri da negra, ci toccava con mani esperte, ci prese forte per la testa e ci fece leccare le sue tette, una per ciascuno, si sfilò le mutande nere restando nuda. La sua figa era depilata e appetitosa, era perfetta, tutt'ora una delle più belle che io abbia mai visto, gliela toccammo avidamente, poi ci fermò e messa in ginocchio riprese a masturbarci, ci mostrò che sapeva fare la spaccata e che riusciva da stesa per terra a farci un segone coi piedi, cose che davvero non si vedono tutti i giorni, cose da non credere, cose da film porno. Ci avvicinò e prese in bocca i nostri cazzi insieme, sentivo il mio che toccava quello dell'altro, ero quasi un po' schifato, ma non ci feci caso. Lei intanto ci copriva di improperi e bestemmie, sputava sui nostri cazzi, ci chiamava muli. Prese dall'armadietto due goldoni e ce li infilò quasi dolorosamente, non ne avevo mai messo uno e mi dava fastidio. Dalla scatola avevo letto che erano ritardanti, prese il cazzo del mio amico in bocca per sistemargli meglio il profilattico e il mio se lo spinse dentro in figa, era una sensazione nuova per me e cercavo di muovermi meglio che potevo, spingevamo avanti e indietro, in quella posizione io e l'altro ci vedevamo in faccia e vedevamo le espressioni di piacere che si proiettavano sui nostri volti. Ormai sapeva che non avevamo mai avuto un rapporto completo e lei era la nostra padrona. Poi ci sdraiammo tutti per terra, mi tolse dalla sua figa, volle che gliala leccassimo inseme, figa e buco del culo. Poi stese il mio amico sotto di lei e si fece scopare, mi prese prima il cazzo fra le tette grandi e morbide, poi mi impose di metterglielo in culo, aprii le chiappe con le mani come lei mi ordinava e glielo spinsi dentro, anche quello mi fece male all'inizio, pompavamo con fatica cercando di coordinarci, lei sospirava godendo mentre noi faticavamo, non senza provare piacere. I miei coglioni toccavano quelli del mio amico, i nostri cazzi si strusciavano dentro quei buchi umidi, era passata più di un'ora dall'inizio della punizione, proseguimmo molto a lungo, avevamo l'affanno. Quando sentiva che stavavamo per venire ci fermava, lei invece ebbe più di un orgasmo, le interruzioni erano terribili, ci frustava e bloccava il nostro piacere. Ci invertì ancora di posto e mise il mio amico a metterglielo in culo e me di nuovo in figa, spingemmo ancora, eravamo esausti, mentre lei insaziabile godeva. Alla fine il mio amico non ce la faceva più, stava per sborare, allora si rimise in ginocchio davanti a lei e ci tolse i preservativi, riprese a succhiarci il cazzo, cel'avevamo entrambi arrossato e ci faceva male. Venimmo come fosse stata una liberazione, la schizzammo tutta di sboro: capelli, visto, spalle, tette, il nostro schifo si mescolava abbondante e giallastro. Lei se lo spalmò addosso finalmente appagata, eravamo esausti e doloranti, ci fece rivestire e ci rispedì alle nostre tende dove dormimmo fino al mattino, prima di andarcene le dicemmo che la amavamo. Mi faceva male il ventre, pareva che la sensazione che prima avevo nei testicoli si fosse spostata lì, come di un pieno, di un peso dentro. Non l'abbiamo più vista e ho perso di vista anche l'altro mio compagno di sventura.” “La violenza e il piacere spesso sono tutt' uno, avreste potuto denunciare la vostra carnefice, ma non l'avete fatto perchè ormai eravate suoi succubi e portavate il suo marchio. Lei vi ha condotti sulla via del libertinaggio!” commentò Paolo “Non ci sono dubbi! Dio fottuto tutto ciò che hai sentenziato corrisponde al vero!” disse l'altro. “Ricordo che una volta un sacerdote mi raccontò d'un suo viaggio in Afghanistan, travestitosi coi costumi locali si nascose fra la folla che assisteva all'amputazione della mano di un ladro, sai bene quanto questa usanza sia diffusa in quelle terre, dopo alcuni furti ti tagliano una falange, dopo altri furti ti tagliano un dito, infine ai recidivi partono dal polso...ebbene il prete m'ha detto che in quella situazione quando vide il ladro sopportare con sofferenza il dolore, la mano cadere e il sgorgare egli godè! Le parenti del ladro piangevano in silenzio e lo sperma sarebbe uscito quasi da solo!” “Ma non andiamo fuori tema, tornando al ragionamento di partenza la natura desidera che noi assecondiamo le nostre pulsioni, è ingiusto sottrarci ad esse! Bisogna seguire la passione solo essa è in grado di guidarci” proseguirono fino al termine del viale sbatterono gli sci e rientrarono in casa per bere, la neve cadeva sempre più forte sul mondo buio e derelitto. Scendeva come la sabbia della clessidra del tempo. Cancellava le scie lasciate sulla neve, i ricordi.

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!