Analipsi: Angelique (Cap.3 Di 5)

Trattenute dalla parte superiore del costume, le sue tette salivano e scendevano al ritmo veloce del suo respiro accelerato, costringendoci a distogliere in continuazione lo sguardo da quella visione fantastica.
La frangetta di capelli, bagnata ed appiccicata sulla fronte, Angelique sembrava ancora più una ragazzina: era veramente incredibile come portasse bene la sua non più giovanissima età.
- E’ inutile pescare qui… - le risposi, a disagio - …ci sono troppe persone in acqua e troppe barche. I pesci evitano accuratamente la confusione. Dovremmo andare più al largo per sperare di prendere qualcosa. -
Lei mi guardò fissa, evidentemente meditando sulle mie parole.
- E allora andiamoci... è inutile che perdiate la giornata così... - mi disse Angelique, andandosi a sedere sul lettino.
- Bè… se per lei è lo stesso… -
- Ma certo ! E poi anche a me, come ai pesci, non piace la confusione. Il bagno lo posso fare anche in alto mare. E… ascoltate ragazzi… piantatela con il “lei”… chiamatemi Angelique... capisco che mi consideriate una vecchia decrepita, ma… -
Il mio amico non la fece nemmeno finire di parlare.
- Assolutamente no, signora… ehmm… cioè… Angelique… è solo che non sapevamo se… -
Panagiotes si stava incartando, ogni parola di più, gli occhi che non sapevano più dove voltarsi.
Lei sorrise divertita al nostro evidentissimo imbarazzo.
- Coraggio. Andiamo verso il largo e troviamoci un posto tranquillo dove voi possiate pescare con tutta calma. -
E, così dicendo, si allungò sul lettino, la pelle abbronzata resa lucida ed ancor più invitante dall’acqua di mare.

Facemmo dunque rotta verso il mare aperto, ma stando ben attenti a non entrare nelle acque territoriali turche.
A volte, gli sconfinamenti, anche se casuali, erano stati fonte di lunghe diatribe con la polizia turca prima, e con quella greca poi: i turchi facevano la faccia feroce e ti davano una bella lavata di testa; la polizia greca, poi, avvisata da quella turca, ti rifilava anche delle multe salatissime.

Era sempre meglio, per evitare noie e fastidi, sapere esattamente in che tratto di mare ci si trovava a navigare.

Quando gettammo l’ancora, la costa greca era ormai una linea confusa sull’orizzonte, mentre di quella turca, nella foschia, si intravedevano solo le montagne più alte.
Aprimmo la botola sul ponte e, dalla piccola stiva, recuperammo le canne da pesca e le esche; quindi, seduti accanto al parapetto, ci mettemmo in attesa che qualcosa abboccasse alle nostre lenze.
La barca rollava dolcemente, cullata dalle basse onde, mentre Angelique, sdraiata sul lettino, prendeva beata il sole.
Nascosto dietro gli occhiali scuri, di tanto in tanto gettavo occhiate di desiderio a quel corpo così mollemente adagiato.
La pelle di Angelique, scurita dai raggi del sole, era liscia e perfetta, seducente ed invitante.
L’elastico delle mutandine del costume si tendeva sulle anche della donna, sollevandosi ai lati, complice il ventre così sorprendentemente piatto e incavato, e questo rappresentava un irresistibile invito per il mio sguardo a farsi più audace; Angelique teneva una gamba distesa e l’altra piegata, il piede appoggiato sul lettino.
E, vista la mia ben nota passione per le estremità femminili, non potei non notare le unghie dei suoi piedi, laccate di un eroticissimo ed intenso color prugna. Anche quelle delle mani, unghie lunghe e curate, erano smaltate dello stesso fantastico colore scuro.
Osservando questi particolari, questi dettagli, se vogliamo anche abbastanza secondari, la donna si rivelava però un continuo richiamo per i miei impazziti ormoni giovanili.
Anche Panagiotes, ovviamente, se la divorava con gli occhi, provando le stesse ed intense mie sensazioni.
In silenzio, aspettammo che il pesce abboccasse.
Ma, a quel punto, della pesca non c’interessava proprio più nulla.
Solo Angelique calamitava le nostre attenzioni, i nostri sguardi e tutti i nostri pensieri.

Erano quasi le due del pomeriggio, il caldo all’apice in quella splendida giornata estiva, quando Angelique decise di fare un secondo bagno.

- Che avete tirato su, ragazzi ? -
Mi venne da sorridere al pensiero che, se noi avevamo pescato fino a quel momento solo qualche pesce, quella che aveva “tirato su” era stata proprio lei, e per l’esattezza i nostri due cazzi, che in più di un’occasione avevano dato segnali inequivocabili di apprezzare il suo splendido corpo languidamente disteso al sole.
- Poca roba… qualche spigola ed alcune triglie… non è una gran giornata… - le risposi, mostrandole il secchio contenente le nostre poche prede.
- Caspita… a me non sembrano così pochi… - mi rispose la donna, scostandosi i capelli dalle orecchie con un movimento squisitamente civettuolo e femminile.

Ormai ero arrivato al punto che mi eccitavo solo a guardarla, a vederla muoversi per la barca e a sentirla parlare.
- Io mi tuffo… fa troppo caldo… perché non vi fate un bel bagno anche voi ? - ci chiese sorridendo Angelique.
Panagiotes ed io non sapevamo che pesci pigliare (e scusatemi l’ironia della frase...): fare il bagno con lei avrebbe significato accostare ancor di più la benzina al fuoco, e l’incendio dei sensi conseguente sarebbe risultato quasi impossibile da domare.
Stavamo quindi per risponderle di no, che noi avremmo continuato a pescare mentre lei si faceva una nuotata, quando la donna tornò verso il lettino e, con fare naturalissimo, si tolse la parte superiore del bikini.
Le tette, splendide e lievemente meno abbronzate del resto del corpo, balzarono fuori, notevolmente grandi, ma ancora favolosamente toniche e sode.
- Allora ? Venite oppure no ? - ci disse Angelique, quasi sfidandoci a fare il bagno con lei, le mani sui fianchi, il viso sorridente, per nulla imbarazzata della sua splendida nudità.
Tutto quello che fino a poco prima ci sembrava impossibile potesse accadere fra noi e l’erotica francese, tutti i dubbi e le perplessità, che avevano vagato come la pallina impazzita di un flipper nelle nostre menti, svanirono come nebbia al sole: Angelique, in quel momento, non ci sembrava più così irraggiungibile.

Certo, poteva anche essere un grave errore di valutazione il nostro, e che il mio amico ed io stessimo equivocando alla grande le reali intenzioni della nostra passeggera, ma non era il caso di perdere l’occasione per constatare fino a dove lei si volesse spingere con noi.
Mollammo immediatamente le canne da pesca al loro destino e, con i pantaloncini che indossavamo, ci gettammo in mare dietro di lei.

Nuotammo a lungo, rinfrescandoci dopo tutto il caldo che la nostra pelle aveva assorbito sulla barca.
Angelique, più bella e allegra che mai, di tanto in tanto si appoggiava ad uno di noi due, per riprendere fiato e riposarsi un attimo.
Quando si accostò alla mia schiena, posandomi le mani sulle spalle, un brivido di eccitazione mi percorse l’intero corpo: poi, per stare più comoda, si strinse a me ed i suoi capezzoli eretti, resi turgidi con ogni probabilità dall’acqua fredda, sembrarono quasi volermi pungere la pelle.
Muovendo le gambe e le braccia per restare a galla, dovendo sorreggere anche il suo peso, sentii il cazzo diventarmi duro in pochissimi secondi: sarebbe stato molto difficile uscire dall’acqua e riuscire a nascondere la potente erezione che avevo in quel momento.
E lei, donna sicuramente esperta e navigata, certamente non ignorava lo straordinario effetto che il contatto con il suo corpo stava avendo su di me.

Lo stesso trattamento ebbe Panagiotes, che vidi arrossire, malgrado la sua intensa abbronzatura, fino all’attaccatura dei capelli.
Di Angelique tutto si poteva dire, ma certamente non che fosse una donna ingenua: ci stava provocando deliberatamente, solleticando in maniera pericolosa i nostri sensi, portando verso un’eccitazione sempre più difficilmente controllabile i nostri giovani e irrequieti corpi, in modo però che il tutto potesse sembrare quasi casuale, frutto soltanto di un innocente bagno in alto mare dove, a parte noi e la nostra barca, non si vedeva anima viva.
Ripensandoci oggi, a distanza di tanti anni, mi è impossibile non riconoscerle una straordinaria dose di malizia ad Angelique: sono più che convinto che lei avesse pianificato, e sin nei minimi dettagli, quello che poi effettivamente accadde fra noi tre, indirizzando gli eventi esattamente nella direzione che lei voleva andassero.


Con il pretesto di concedersi un pò di riposo, Angelique, in acqua, si strinse più volte a noi, toccandoci con le sue abili mani e sfiorandoci ripetutamente con la sua pelle levigata.
E quando lei ci disse che voleva uscire dall’acqua per rimettersi a prendere il sole, la tensione erotica tra noi era giunta a livelli ormai insostenibili.
Con poche ed agili bracciate tornammo verso la barca, e tutti e tre risalimmo a bordo.

L’imbarcazione dondolava lievemente nel mezzo del mare deserto.
Il sole ci bruciava la pelle, ma era nulla se paragonato al fuoco che divorava vorace i nostri sensi.
I nostri pantaloncini da bagno, inzuppati e incollati alla pelle, mostravano chiaramente ed in tutto il loro turgore le erezioni di noi ragazzi.
Angelique, tornata a sdraiarsi nuovamente sul lettino, ci lasciò cuocere per alcuni minuti nel nostro brodo, ostentando un’assoluta indifferenza verso di noi, quasi si fosse dimenticata della nostra presenza: quindi, all’improvviso, e quando valutò che fosse giunto il momento più adatto,
chiese a me e a Panagiotes, con assoluta noncuranza, e come se si trattasse di una cosa normalissima e scontata, di spalmarle il corpo con l’olio abbronzante.
La donna aveva definitivamente rotto gli indugi.
Imbarazzati ed eccitati dalla piega che andava prendendo la giornata, ci avvicinammo ad Angelique...

E fu così che, Panagiotes in ginocchio ad un lato del lettino, ed io all’altro, iniziammo a far scorrere le nostre mani su di lei, pazzi di desiderio ed ancora increduli e storditi per quello che stava accadendo, e più che mai convinti che quello che stavamo facendo fosse solo un sogno ad occhi aperti.

Angelique si era sdraiata a pancia in sotto e ci offriva la sua schiena: avevamo davanti a noi tutto il suo corpo nudo, a parte il triangolo di stoffa delle mutandine del bikini che le copriva parzialmente le natiche.
Il mio amico ed io prendemmo a farle scivolare le mani unte d’olio lungo le spalle, godendo di quel magico contatto, così a lungo desiderato, con quella pelle da favola.
In su ed in giù, le nostre dita la esploravano centimetro dopo centimetro, dal collo fino alla vita, passando delicatamente sulla sua spina dorsale, massaggiandole le vertebre una ad una, fino all’estremo limite che era ancora rappresentato dall’elastico del ridotto costume rosso.

Panagiotes, dopo alcuni minuti di quella delizia, disegnò una lunga striscia d’olio abbronzante sul retro di una delle cosce di Angelique, e prese quindi a spalmarle l’intera gamba, fino al piede: all’altra gamba fui invece io a riservare il medesimo trattamento.

- continua -


diagorasrodos@libero.it

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!