Incesti E Racconti

Dopo aver detto ad Arturo che desideravo che fosse lui il padre del mio secondo figlio(ricordo per chi l'avesse dimenticato che nel momento in cui facevo questa richiesta a mio padre,ero incinta al secondo mese di un figlio della cui paternita' non potevo essere certa essendo stata impregnata nel medesimo tempo da mio fratello e da mio padre)i nostri rapporti sono cambiati completamente.
Da parte di Arturo,i modi sono divenuti piu' gentili,anche se,devo confessare che nei miei confronti non era mai stato particolarmente brusco.
Da quel momento comunque,ho notato un diverso e piu' attento atteggiamento soprattutto sul piano affettivo.
Da parte mia,ho gia' detto di sentire nei suoi confronti un trasporto molto simile all'amore.
Ero innamorata di mio padre e non piu',solo attratta dalla sua poderosa potenza sessuale.
Ne sono seguiti mesi meravigliosi in cui ognuno a suo modo,si dava da fare per soddisfare le mie esigenze erotiche e la migliore gestione della mia gravidanza.
Quando il pancione era ormai gonfio come una mongolfiera che,devo confessare,esibivo con molto orgoglio,Arturo ha smesso di chiavarmi nella fica ma si limitava a incularmi a pecora o a massaggiarmi le grandi labbra e la clitoride col livido glande stando attento a non penetrarmi.
Mi strusciava la cappella sino a procurarmi piu'orgasmi e quando anche lui voleva sciogliere le sue caldi acque,mi chiedeva sempre dove avessi preferito essere annaffiata e lui eseguiva diligentemente.
A volte mi piaceva sentire il calore del suo sperma dilagare sul pancione,a volte sui seni o in bocca,altre volte mi facevo sborrare in fica colla cappella dentro sino al prepuzio.In questo caso,devo dire che,dopo avermi saturato l'utero,i residui spruzzi fuoruscivano proiettati fuori come stelle filanti.
Comunque in quel periodo,preferivo i rapporti con mia madre che,devo dire erano soddisfacenti e dolcissimi come solo il rapporto saffico sa' essere e poi,era mia madre a farmi godere e questo aveva un suo magico significato.


Con mio fratello il rapporto era davvero completo,le misure del suo cazzo erano perfettamente compatibili con la mia situazione e quindi devo dire che con lui era bello come se non fossi gravida.
Lui invece si esaltava,ogni qualvolta si scaricava dentro di me,all'idea che il suo seme potesse aiutare il feto(Che lui era certo fosse suo figlio) a crescere meglio,piu' sano e piu' forte.
Naturalmente in quel periodo,non abbiamo dimenticato l'impegno preso da me e mia madre nei confronti di Arturo di accompagnare Rino verso il ruolo che avrebbe avuto nell'harem.
L'ano di mio fratello era completamente guarito e le cure per trasformarlo in una vera fica sono continuate con maggiore impegno.
Abbiamo fatto anche una piccola ricerca di anatomia umana e abbiamo scoperto che la conformazione ossea del bacino nella zona anale,favorisce,con opportune,ripetute penetrazioni,l'allungamento del foro anale conferendogli un'aspetto simila alla vagina.
Abbiamo continuato a penetrarlo con la mano ed a inserire oggetti e ortaggi di ogni dimensione e foggia.
Un giorno,Arturo ci ha portato un grosso plug ovalizzato e un dildo di dimensioni mostruose,simili al suo ariete.
Questo "regalo,ci ha fatto capire che Arturo non voleva piu' che Rino soffrisse quando l'avrebbe montato ancora e percio' si preoccupava che lo preparassimo a dovere.
Via via che procedeva l'apertura di Rino,lo informavamo sul programma e sul suo ruolo nell'harem.
Inizialmente pareva dubbioso,poi rassicurato dalle parole e dalle attenzioni mie e di mia madre,si e' rimesso completamente alle nostre decisioni.

Sono oramai passati sei mesi da quando mio fratello e mio padre mi hanno sborrato dentro ingravidandomi(rendendo incerta la paternita'anche ad un'esame del dna) e da quando Arturo in un'impeto d'ira,ha montato Rino in modo animalesco,sverginandolo e devastandogli il buco del culo che poi,ha avuto bisogno di un'intero mese di attenzioni e di cure per ristabilirsi.

Il mio pancione e' sempre piu' "ONE"per la gioia di tutti.
Arturo ha finalmente deciso di mettere alla prova il lavoro di trasformazione di Rino e di aprire il progettato harem.
Dopo la sua metamorfosi,abbiamo deciso che quando Rino verra' calato nel ruolo di odalisca,assumera' il nome di RINA.
Abbiamo anche ricordato che quando Rino fara' l'amore con me o la mamma lo potra' fare nel rulo attivo mentre con Arturo,sara' sempre e solo l'odalisca Rina.
Io e mia madre siamo state molto attente a preparare Rina per il nostro sultano.
L'abbiamo depilata in ogni lembo di pelle:Le gambe,il torace,le braccia,le ascelle,il pube ed ogni piu' piccolo pelo che infesta la zona perianale che cosi'rasata,si presente gonfia,rossa e tumida come una vera vulva.
L'abbiamo truccata con tocco lieve(Arturo non ama il trucco pesante da puttana che gli ricorda troppo sua madre e le sue sorelle).
Leggero manto di faard sul viso per coprire l'ombra della barba e conferire un tono ambrato alle gote.
Sopracciglie rifilate e ciglia esaltate dal rimmel.
Ombretto per gli occhi e rossetto rosa con filetti scuri ad esaltare labbra ben disegnate e carnose.
Una parrucca scura dal pelo arruffato la fa somigliare molto alla mamma di molti anni piu' giovane.
Anche l'intimo e' stato curato nell'interesse delle voglie del sultano.
Una guepiere nera con reggiseno aperto,stringe i seni e li proietta verso l'alto conferendogli uno slancio che ne gonfia il volume e mette in risalto i meravigliosi turgidi capezzoli che si stagliano rigogliosi sulle grosse,scure areole.
Il seno,grazie ad un'ininterrotto trattamento e' forse la parte piu' riuscita della metamorfosi.
Sin dal primo giorno e senza mai smettere,lo abbiamo massaggiato ed abbiamo sottoposto i capezzoli ad ogni genere di trattamento-Massaggi,tiraggio,torsioni,mollette,pesi,cera-ed il risultato era sotto i nostri occhi.
Mio fratello aveva i capezzoli piu' grossi di quelli di mia madre ma,anche piu duri e sporgenti:Due veri rostri.

Gli avevamo inoltre,fatto tatuare due grosse e scure areole sulle quali i capezzoli si stagliavano in modo baldanzoso.
Devo confessare che le tette di mio fratello "Rina"erano piu' invitanti delle mie che pure non scherzano.
L'intimo continuava con un perizoma che non riusciva a coprire la sua mascolinita' ma che,col filo perduto tra le natiche,metteva in risalto le due meravigliose chiappe tra le quali per mesi si sono perse la mia lingua e quella di mia madre e che era il fine ultimo del nostro sultano.
Calze autoreggenti nere e scarpe con tacchi da 15 che hanno impegnato non poco Rina nelle prime camminate.
Ora le indossava con la disinvoltura di una mannequin.
Minigonna e camicetta trasparente di seta completavano l'arrapante abbigliamento della nostra odalisca Rina che per quel giorno sarebbe stata la preferita del sultano.
Il momento della presentazione di Rina al sultano era carico di tensione,eravamo allineate come in una parata militare in attesa dell'arrivo del generale e infine.... Arturo entra nella stanza.... muta dove solo il respiro pesante di Rina conferiva vita ad un'ambiente che pareva cristallizzato.
Dopo una breve pausa e dopo aver guardato negli ochhi le donne del suo harem ed ammiccato al mio pancione,Arturo si e' avvicinato a Rina,l'ha abbracciata e baciandola con un libidinoso lingua in bocca le ha grugnito in faccia,l'unica frase compiuta di tutto l'incontro:"Bambina mia,sei proprio una bella fica....la regina madre e la preferita sono state proprio brave...ma oggi sarai tu la mia preferita....vieni...voglio godere con te e farti godere...".
L'ha presa per mano ed ha fatto pochi passi verso la stanza vicina,sono entrati lasciando le altre donne fuori ma con la porta aperta affinche',potessero vedere.
La stanza era in penombra appena illuminata da un luce esterna che filtrava attraverso le tapparelle,appena dentro e tenendo Rina di fronte,il Sultano si e'slacciato i pantaloni lasciandoli cadere ai suoi piedi,si e'calato le mutande sotto le ginocchia liberando il suo imponente attributo.

Rina,pur essendone stata devastata,non l'aveva mai visto da cosi' vicino ed alla sua scoperta ha avuto uno scatto di paura.
Anche le donne che pure erano abituate da tempo,vedendolo in erazione in cotroluce ne sono rimaste impressionate.
La figura si stagliava minacciosa e imponente e in controluce appariva come certe sculture o pitture di Priapo rinvenute a pompei.
Una figura robusta con un'enorme fallo grosso,lungo e ritto conficcato sulla pancia che ti lascia immaginare un prossimo rovinoso ribaltamento dovuto all'enorme peso della protuberanza e dal baricentro sbilanciato.

Scuotendolo dal torpore,Arturo avvicina a se' Rina,la bacia ancora sulla bocca,le slaccia la minigonna,le toglie la camicetta lasciandola con l'intimo ed i tacchi.
La guarda con approvazione poi le va' a leccare le tette e succhiare gli invitanti capezzoli.
Naturalmente,la postura frontale e' pressoche' impossibile col palo che spinge lontano il corpo di Rina.
Arturo con una mano solleva la verga che aderisce alla pancia e sino a lambire i capezzoli e con l'altra stringe l'ancella a se' facendole percepire la consistenza del vibrante nerbo.
Poi si stacca,si avvicina ad un tavolino basso dove era appoggiato un dildo gigantesco dalle misure e fattezze del suo cazzo.
Preme la ventosa sul ripiano e con le dita preleva del lubrificante da un vasetto e prima unge il dildo e poi,senza scostare l'esile filo del perizoma,le unge il buco del culo infilandoci tre dita.
Dopo assersi ben ripulito con una salvietta,poggia le mani sulle spalle di Rina e la spinge a sedersi sul totem di silicone in attesa.
Rina esegue e si lascia accompagnare mollemente sino a che il cazzo le imbocca il generoso buco del culo e comincia la sua corsa nel suo corpo.
Non un lamento esce dalla bocca di Rina mentre ingoia il gigantesco cazzo,io e mia madre ci siamo guardate soddisfatte;avevamo lavorato bene!
Il dildo era oramai dentro per circa 30cm. ed a questo punto Arturo ha preso la testa della sua odalisca con la bocca perfettamente allineata al suo fremente cazzo e glielo ha poggiato sulle labbra.
Rina ha allargato al massimo la bocca ma la penetrazione appariva davvero improbabile tale era la differenza tra l'apertura orale e il diametro della proboscide.
Arturo non era nuovo a queste situazioni e grazie alla sua esperienza,dopo alcuni tentativi,la livida cappella ha aperto un primo,piccolo varco al quale e' seguita la completa penetrazione del glande.
In quella posizione,Arturo ha passato le mani sotto le ascelle di Rina e l'ha accompagnata in un movimento alternato dentro/fuori del dildo nel suo culo. Contemporaneamente,ha iniziato un lieve movimento rotatorio del suo cazzo nella bocca di Rina la quale pian piano ha cominciato a muoversi autonomamente sul cazzo che aveva nel culo e dava gia' i primi segni di godimento.
Intanto Arturo le serrava la testa con le mani e tenendola ferma ha cominciato a chiavarla con piccolissimi movimenti alterni.
Arturo aveva in progetto una lunga seduta ed evidentemente non voleva che Rina avesse problemi di resistenza e quindi,contrariamente alle sue abitudini,ha deciso di venirle subito in bocca per farla poi riposare un po'.
Il classico modo di sborrare di Arturo era quello:Ha stretto la testa di Rina,ha affondato il cazzo sin dove poteva poi irrigidendosi sulle gambe ed emettendo un grido disumano le ha rovesciato in bocca la sua lava bollente.
Rina era sconvolta dalla situazione,si agitava ma appariva impotente impalata com'era su quell'enorme dildo e soffocata dai continui getti di sperma che le impedivano di respirare.
Dalla bocca di Rina hanno cominciato a fuoruscire frustate di sborra zampillante che seguivano il ritmo dei getti e le grida di Arturo che li accompagnavano.
Io e mia madre seguivamo atterrite la scena e non sapevamo se e come intervenire.
Fortunatamente Arturo con un gesto brusco,ha estratto la sua belva dalla bocca di Rina che ora grondava sperma come una fontana.
Arturo ha guardato la sua ancella col viso corrucciato e con fare alterato le ha gridato:"Come hai osato sputare la mia sborra?Dovevi ingoiarla tutta!"
Rina ansimando col fiato corto:"Scusami....ma come potevo....stavo soffocando.....scusami.....non succedera' piu'...."
Arturo,sempre piu' adirato,l'ha afferrata per le braccia e sollevandola bruscamente l'ha estratta dal cazzo che la impalava e spingendola in ginocchio le ha ordinato perentoriamente:"Ora raccogli con la lingua tutta la sborra caduta a terra,sul mio corpo e sulle tue calze a rete!"
Rina senza fiatare ha eseguito e come un cane ha leccato ogni residuo di sperma,cosi' come le era stato ordinato.
segue



Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!