Il Primo Esame

IL PRIMO ESAME

Sono di XXXXX, piccolo paese nella provincia di Frosinone
A luglio ho terminato il Liceo con 100/100 : è stata una festa per tutto il paese: il voto più alto da sempre tra i maschi e le femmine.
Mi sono poi iscritta all’ Università: la prima ragazza di. XXXXX, un onore per tutti e un impegno per me: “Brava come sei ..” Dicevano tutti. “Bella come sei” dicevano i maschi che mi hanno sempre apprezzato dal loro punto di vista, ma con gentilezza. Poi i loro pensieri non so.

E a maggio il primo esame all’ Università: ho studiato molto, ma non sono pronta. Devo però farlo e avere un buon risultato per i genitori, gli amici, il paese : non posso deludere nessuno.

Sono emozionata per tutto, in primis per la preparazione che non c’é e sono attenta a tutti i particolari , anche quelli che non c’ entrano con l’ esame.

Metto dunque, non so perché, il reggiseno più bello che ho: nero con piccole frange rosse ( che nessuno ha mai visto) 4^ misura, la mia e mutandine abbinate, tra collant ed auto reggenti scelgo autoreggenti nere con un disegno floreale ascendente, una camicetta scura e una gonna non corta e non aderente, forse un po’ svolazzante.

Arrivo in Istituto per l’ esame un po’ tardi : sarò l’ ultima la sera ad essere interrogata.

Passo il tempo ascoltando gli altri esami.

Finalmente alle 18.30 tocca a me.

Mi metto seduta davanti ai due professori o meglio assistenti : giovani sulla quarantina visti poche volte.

Dietro hanno una lavagna dove hanno scritto qualcosa in greco e latino , sul tavolo il mio libretto e una asta lunga che serve ad indicare parole e lettere sulla lavagna.

Cominciano bene, mi mettono a mio agio : “Se è brava quanto bella….”; io mi schernisco.
Ma il complimento non si traduce in una facilitazione dell’ esame.
Prima domanda: non so rispondere
Seconda domanda: mi arrampico sugli specchi
Vedo che hanno la faccia scura.


Mi dispiace anche farmi vedere dai miei compagni, ma mi giro e non vedo nessuno: a quest’ ora se ne sono andati tutti

Prof A : “Ora vediamo con il greco : legga” e mi indica una parola Va meglio
Prof. B: “ Vediamo ora il latino” e mi indica una frase sulla lavagna di cui intuisco il senso: parla di giuramenti e di spade
Prof. A : “Sa a che cosa si riferisce?” Io.”No”
Prof. B: “E’ l’ investitura di un principe da parte dell’ imperatore”: Sa come avveniva ? Io:”No”
Prof. B : “Ecco si mette una spada sulla spalla destra e poi sulla sinistra” e mima la scena su di me con l’ asta,” e poi continua a mimare e tocca con la punta della spada il cuore “per significare la totale dedizione del vassallo” dice . Nel fare ciò inavvertitamente mi fa saltare un bottone della camicetta che mi affretto a riabbottonare
Prof. A : “Non si preoccupi… lasci stare, continuiamo l’ esame
Mi sento un po’ confusa, il prof. B continua a parlare ma non lo seguo, continua anche con la bacchetta e senza toccarmi fa saltare due bottoni
Prof. A: “Complimenti !” Io : Ho risposto bene ? “ Intendevo altro..”
Non mi aspettavo un esame così…
Prof.A al prof. B :” vediamo se sei veramente bravo, se riesci a sfilarle la camicetta senza toccarla, mi raccomando senza toccarla”
Sono come immobilizzata e imbambolata, non reagisco, non acconsento e non mi oppongo, sono ferma.
Il prof. A. riesce a slacciare l’ ultimo bottone e con delicatezza apre la camicetta da cui emerge un seno prosperoso e sodo, per fortuna coperto dal reggiseno, per l’ occasione un po’ troppo sexy.
Con la maestria di un chirurgo il prof. effettivamente senza toccarmi sta sfilandomi la camicetta, quando il bidello dalla porta senza entrare : Tra dieci minuti chiudiamo” e se ne va
Il prof. A continua ad interrogarmi mentre il prof. B con la bacchetta mi ha sfilato la camicetta ( non ho fatto resistenza, anzi mi sono un po’ mossa per rendergli più semplice l’ operazione) mentre rispondevo.

In coro : “Complimenti signorina, sta rispondendo bene”
Prof. A:” Ma il reggiseno non riesci a toglierlo”
Il prof. B allora mi fissa negli occhi e dice: Posso?” Non rispondo subito.”Chi tace acconsente” e con la bacchetta mi abbassa prima una spallina e poi l’ altra poi la posiziona al centro e abbassa il reggiseno. Resto ferma ( a farmi ammirare )
Non so quanto tempo passa.
Prof. A: “Bene, abbiamo quasi finito… si può alzare”. e mentre mii ricompongo e mi alzo “ Belle le immagini floreali e presa la bacchetta da A mi alza la gonna e, rigorosamente senza toccarmi, mi scosta le mutandine un momento …
Prof. B: “L’ esame non sarebbe finito, ma il bidello ci chiude dentro… Potremmo concluderlo più tardi nel mio studio..”
Io: Quando ?
Prof. A Tra un’ oretta
........

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!