La Vacanza-Studio In Francia

"Mamma, mamma! Sono stato selezionato!"
Il mio sogno da 18enne un po' annoiato dalla sua vita monotona si era realizzato. Ero stato scelto dalla mia scuola superiore per poter fare 6 mesi di vacanza-studio all'estero, ospitato da una famiglia del Paese che mi avrebbero assegnato i professori (furono scelti solo studenti con una media dei voti superiore al 9).
La mia euforia era indescrivibile. Un po' mi dispiaceva di dover lasciare per così tanto tempo i miei genitori, però non potevo tirarmi indietro da un'esperienza simile.
Il giorno dopo, a scuola, i professori indicarono a tutti gli studenti scelti il Paese in cui sarebbero stati per quei 6 mesi. Fu il mio turno: la Francia.
Ero tutto sommato contento anche se avrei preferito l'Inghilterra, ma questi ormai erano solo dettagli insignificanti rispetto a ciò che stavo per affrontare: la mia prima vacanza studio.
Mi venne descritta la famiglia in cui sarei stato a vivere: una coppia benestante con 1 o adottato, che ha viaggiato molto in gioventù e che conosce diverse lingue, tra cui l'italiano.
Penso che meglio di così non potesse andarmi, visto che avrei avuto anche meno problemi con la lingua, soprattutto i primi tempi. Avrei potuto apprendere il francese con più facilità in questo modo e senza "sbattere la testa" senza che nessuno mi potesse spiegare qualche dubbio nella mia stessa lingua.
Prima di raccontarvi però questo viaggio mi voglio presentare:
Mi chiamo Thomas (per tutti gli amici Tommy), ho 16 anni, sono alto circa 165, snello e abbastanza atletico, di carnagione chiara, capelli biondi e occhi azzurri. Volete delle peculiarità fisiche? Prevalentemente liscio (il che mi fa sembrare più piccolo della mia età) e, in dotazione da madre natura, un sederino praticamente perfetto: tondo, un po' sporgente, liscio e molto sodo. Ho sempre praticato nuoto e calcio e, sicuramente, mi sono stati d'aiuto, nonstante non sia muscoloso, bensì semplicemente snello.

Era Gennaio e partii per la Francia, direzione Parigi, o meglio, un quartiere nobile situato in una zona periferica della città.


Il mio arrivo fu molto emozionante.
Trovai in aeroporto, in mezzo a centinaia di persone, una coppia intorno ai 45/50 anni con un cartello che diceva 'Benvenuto Thomas' con disegnata sotto la bandiera dell'Italia. Andai incontro a loro e ci salutammo con delle strette di mano molto formali, ma, nonostante ciò, mi stavano già trasmettendo molta tranquillità, soprattutto perché parlammo in italiano per tutto il tragitto in auto dall'areoporto all'abitazione.
Scesi dall'auto e vidi questa graziosa villetta su 2 piani dotata di uno spazioso giardino pieno di piante e fiori e con una piscina scavata nel terreno ma coperta per via della stagione invernale.
Entrai nella casa, mentre la coppia, Andre e Isabelle, avevano insistito per portarmi dentro le valigie senza che mi affaticassi ulteriormente dopo il viaggio.
"Eric!" urlò Andre, aggiungendo una veloce e incomprensibile frase in francese che pensai volesse dire che fossi arrivato io.
Sentii i passi che scendevano la scala e mi si presentò davanti un ne di un metro e 85, ben piazzato e, chiaramente, di origine africana.
Pensai subito che dovesse essere lui il o adottivo della coppia. Mi porse la mano e mi disse in una strana pronuncia italiana "Molto piacere, sono Eric" io risposi sorridendo "Piacere mio, Thomas, ma puoi chiamarmi anche Tommy"
Vista l'ora, circa le 19 e 30, Andre e Isabelle prepararono la cena.
Appena terminata, mi fecero visitare la grande casa portandomi anche nella mia camera. Era molto grande, con uno spazioso letto morbido, una scrivania con un computer fisso e 3 armadi enormi.
Isabelle mi disse "Questa sarebbe la tua stanza, ma qui puoi fare come preferisci, se vuoi fare in fretta amicizia con Eric puoi anche dormire nella sua stanza, c'è il letto a castello lì, basta che non vi addormentate tardi ogni sera"
Quella proposta mi lasciò un attimo spiazzato perché, in verità, avrei preferito dormire da solo.
Però, volendomi mostrare subito molto socievole, accettai.
Sistemai tutte le cose delle mie due valigie nella mia camera singola, mi feci una doccia e mi misi il pigiama. Dopodiché andai davanti alla porta della camera di Eric e bussai. Non sentendo alcuna risposta aprii piano piano e lo vidi seduto sulla sedia davanti alla sua scrivania con le cuffie alle orecchie mentre ascoltava della musica dal computer. Era senza maglietta (dopotutto nella casa c'erano comunque 22 gradi, si stava più che bene) mettendo in mostra dei pettorali e degli addominali di tutto rispetto: un fisico veramente scolpito.
Mi vide con la coda dell'occhio e si tolse le cuffie.
Allora gli dissi "Isabelle mi ha detto che volendo posso anche dormire qua così ci facciamo compagnia, però non so se tu sei d'accordo"
Eric, che capiva molto bene e in fretta il mio italiano mi rispose "No problema, ho detto io a mamma di chiederti se venivi qua a dormire così facciamo amicizia, visto che devi stare qua 6 mesi"
"A me va bene, che stavi ascoltando?" dissi per rompere definitivamente il ghiaccio. Così mi avvicinai e passammo la serata ad ascoltare diversa musica e a commentarla insieme. Prima di andare a dormire, Eric mi raccontò un po' di lui:
era stato adottato all'età di 2 anni da Isabelle e Andre direttamente dal Senegal. Ora aveva 18 anni e lavorava come commesso in un negozio di abbigliamento, non avendo mai avuto alcuno stimolo nello studio.
"So che tu sei qua anche perché vai molto bene a scuola" mi disse.
"Sì, a me invece è sempre piaciuto lo studio, spero che in futuro mi piacerà anche il lavoro" risposi sorridendo.
"Tu sembri il vero o dei miei genitori, molto posato e carino" disse Eric scrutandomi da testa a piedi.
Io arrossii un pochino, perché mi sembrava che Eric avesse voluto farmi un complimento un po' velato.
Per distogliere le attenzioni da me esclamai "Ma anche tu sembri molto educato comunque"
Lui annuì ridendo però mi spiego che ogni tanto il rapporto con i suoi genitori adottivi non era sempre positivo in quanto avrebbero voluto che studiasse e si laureasse.
Nonostante ciò, però, mi disse anche che in generale non avrebbe mai potuto dire cose negative di loro perché, oltre ad avergli permesso una vita molto agiata, erano due ottime persone.
Era quasi mezzanotte e andammo a dormire, lui nel letto sopra ed io in quello sotto dello spazioso letto-castello.
Notai, a luce già spenta, che Eric si tolse anche i pantaloni prima di andare sotto le coperte, restando così in boxer. Non vidi comunque nulla nei dettagli essendo appunto buio, però fui per un attimo imbarazzato sia dal suo fisico muscoloso che dalla sua altezza nei miei confronti. Nel mentre, oltretutto, io indossavo il mio attillato pigiamino lungo la cui parte sopra aveva degli infantili disegni di animali, mentre i pantaloni erano molto comodi e "sexy": stretti sulle caviglie e, essendo appunto attillati, mettevano in mostra la forma del mio sedere nel migliore dei modi.
Mi addormentai molto in fretta, per la stanchezza causata dal viaggio...

Il giorno dopo, per fortuna, era domenica, perciò non sarei ancora dovuto andare nella scuola indicata dai miei professori per cominciare ufficialmente la vacanza-studio. Avrei iniziato lunedì.
Quella mattina mi alzai quasi alle 11. Scesi dal letto e mi vestii. Ero un po' scocciato di presentarmi a quell'ora del mattino davanti alla famiglia che mi avrebbe ospitato, ma, quando scesi, trovai solo Eric davanti alla televisione che guardava dei programmi sportivi. Lo salutai e lui mi rispose sorridendo e alzando la mano. Era, tanto per cambiare, senza maglietta. Sembrava un fotomodello: capelli neri, soffici e abbastanza corti, un orecchino a spillo, due belle labbra carnose e il suo fisico che ai miei occhi risultava perfetto.
Beh, che dire, io ancora non avevo capito che cosa mi piacesse nella vita. Probabilmente entrambi i sessi, ma avevo avuto soltanto esperienze con femmine, quindi, in quel momento, la mia osservazione era del tutto oggettiva e non la percepivo come un piacere personale, bensì come una semplice constatazione: era palesemente un bel .

Gli chiesi dove fossero Isabelle ed Andre e mi spiego che erano andati a fare la spesa e che sarebbero rientrati a momenti. Mi sedetti quindi anche io sul divano a guardare la TV anche se i giornalisti sportivi parlavano in francese e capivo veramente poco o nulla di quello che mi dicevano. Nel silenzio, improvvisamente, Eric si girò verso di me sorridendo, mi guardò un po' in tutto il corpo ed esclamò ridendo "Sei piccolo biondino".
Non capii se prenderla come una simpatica presa in giro per il mio fisico che, confronto al suo, era la metà, oppure come un complimento considerando lo sguardo profondo con cui me lo disse. Mi limitai a dire, sorridendo, "È vero ahaha"
Nonostante il mio imbarazzo frequente per queste affermazioni, mi trovavo già bene con lui, parlavamo molto, ridevamo ed era sicuramente un molto solare e simpatico. Probabilmente anche per quello non aveva problemi a dirmi determinate cose, forse era semplicemente molto schietto e socievole con le persone.
Isabelle e Andre rientrarono a casa e, io ed Eric, li aiutammo con la spesa.
Dopo pranzo Eric mi disse "Senti Tommy, io oggi pomeriggio mi trovo con amici come tutte le domeniche, giochiamo un po' al campetto a calcio, vuoi venire?"
Isabelle sorrideva dietro di lui, si vedeva che tenesse molto al fatto che io ed Eric legassimo in amicizia durante i miei 6 mesi di permanenza. Non ci pensai molto e gli dissi di sì. Dopotutto, per essere Gennaio, era una giornata molto soleggiata e la temperatura si aggirava intorno ai 12 gradi sotto al Sole. Andai in camera mia e cercai negli armadi i miei indumenti sportivi: tirai fuori i miei pantaloncini corti blu dell'adidas, una magliettina bianca e una maglia termica da mettere sotto. Mi spogliai restando solo in boxer e, davanti allo specchio in camera, mi girai di schiena per osservarmi il sederino, come spesso facevo per abitudine. Lo toccai facendolo ondeggiare, mettendo in piena visione quanto fosse davvero sodo. Mentre ero "indaffarato" in questa imbarazzante abitudine entrò di Eric in camera ed io mi girai di scatto verso di lui, soltanto in boxer, mettendomi comunque una mano davanti alle parti intime. Mi ero spaventato e mi vergognavo perché sicuramente aveva visto ciò che stessi facendo allo specchio con le mie natiche. Fece comunque finta di niente per rimettermi a mio agio e mi disse "Scusa, esco subito, volevo dirti che tra 5 minuti andiamo, ti aspetto giù in sala" ed uscì immediatamente chiudendo la porta. Mi vestii e scesi giù con lo sguardo basso per la vergogna, ma Eric continuò con indifferenza a parlare di altro, così uscimmo e camminammo verso il campetto che distava meno di 1 km da casa. Le gambe lunghe e scurissime di Eric risaltavano molto nei pantaloncini da calcio, mentre io mostravo le mie gambe lisce e molto chiare di carnagione, oltre al mio solito sedere che stava molto molto bene (e soprattutto) dentro i pantaloncini corti.
Arrivammo al campetto e rimasi un attimo di stucco, quasi un po' spaventato dalla situazione. Gli amici di Eric erano tutti ragazzi di origine africana, alti tra il metro e 80 e il metro e 90.
Ce n'erano 6, con Eric erano 7, ed io ero l'unico bianco, oltretutto piccolino fisicamente e di età.
Era strano essere dall'altra parte: nella mia zona, in Italia, era il di origine africana ad essere circondato da ragazzi bianchi, ma in questo campetto di periferia ero io ad essere il "diverso". Mi sentivo diverso già dal mio arrivo, in cui tutti mi guardarono sorridendo in modo molto ironico, forse proprio per via del mio metro e 65 e della mia carnagione pallida.
Eric mi presentò a tutti e fece da traduttore per tutto il tempo per aiutarmi a comunicare più facilmente. Facemmo due squadre da 4 ed Eric si mise in quella contro di me, il che mi fece salire l'imbarazzo di essere in squadra con perfetti sconosciuti, nonostante conoscessi Eric solo da un giorno. La partitella fu molto difficile per me.
Tra di loro erano più pacati, invece quando dovevano marcare me, mi stavano incollati, mi facevano sentire tutto il loro fisico addosso e non mi permettevano di spostarmi di mezzo centimentro. Oltre a ciò, sentii per tutto il tempo molti dei loro arnesi sul mio culetto, a stretto contatto. Lo stesso Eric, nel modo furbo e quasi sleale in cui mi trattava in campo, non sembrava minimamente la persona educata e carina nei miei confronti che era stata fino a poco prima.
Trovava ogni pretesto per mettermi le sue mani addosso, per trattenermi tenendomi spalle, fianchi, ecc...
Ad un certo punto cercai di recuperare un pallone ad un avversario ma, per sbaglio, lo colpii su una gamba in maniera un po' scomposta. Nonstante le mie immediate scuse molto sincere, 4 dei ragazzi presenti, sia compagni che avversari, mi accerchiarono insultandomi in francese. Il mio sguardo cercò quello di Eric che, però, mi lanciò un occhiataccia e si preoccupò soltanto di verificare se il suo amico stesse bene. Nel mentre, i 4 che mi avevano circondato mi iniziarono a passare tra di loro con delle spinte come se fossi una palla. Venivo afferrato da uno e spinto ad un altro mentre venivo ricoperto di insulti che riuscivo anche a capire bene.
Io, che di carattere ero sempre stato timido e tranquillo, non avrei mai osato reagire, figuriamoci con quei ni muscolosi. Continuai a dire "Pardon" ma stavo solo sperando che non mi picchiassero. All'improvviso uno di loro mi prese per le braccia tenendomi fermo, con la faccia rivolta verso di lui, dando le spalle (e il sedere) agli altri 3. Ero terrorizzato, ma sentii semplicemente qualcuno che mi toccava il sedere, soltanto mani che me lo palpavano e lo sculacciavano lievemente. Restai immobile, cercando di non guardare negli occhi quello che mi stava tenendo fermo per non provare ancora più imbarazzo in quella situazione. Ad un tratto sentii una mano entrare dentro i pantaloncini da calcio; dopo una lieve palpata i miei boxer vennero afferrati e tirati di forza verso l'alto. Cercai di cacciare un urlo che venne subito oppresso da una grossa mano sulla mia boccuccia angelica. Sentivo le mutande in mezzo alle mie natiche e colui che me le stava tirando in alto mi aveva sollevato da terra. Attorno soltanto risate nei miei confronti, mentre io ero leggermente dolorante per il mio culetto ma al contempo consapevole che non avevano intenzione di picchiarmi, bensì, probabilmente, di umiliarmi un pochino. Per colpa del mio carattere, accettai con me stesso quella situazione e restai senza ribellarmi nelle loro mani. Un'altra mano mi tirò giù i pantaloncini all'altezza giusta per cui si potesse vedere totalmente il mio sederino liscio con le mutande tirate in mezzo alle chiappe. Altre risate accompagnarono la scena mentre ero ancora sollevato da terra. Venni messo a terra finalmente ma non potei sistemarmi i boxer togliendoli dal sedere, né tirarmi su almeno i pantaloncini, in quanto restai ancora immobilizzato per le braccia. Pensai che si fossero stufati di maltrattarmi ma mi sbagliai. I 4 mi presero e con moltissima facilità mi trasportarono dentro ai bagni situati di fianco al campetto. Notai subito, per mia fortuna, che fossero molto puliti. E fu davvero una fortuna... Fui messo a pecorina, con ancora il sedere di fuori e i boxer che sembravano farmi da perizoma, davanti ad un cesso limpido. Uno dei ragazzi afferrò il mio ciuffo biondo e mi spinse la testa dentro al water tirando nel mentre lo sciacquone. Mi tirava giù e su dal cesso a sua scelta, facendomi prendere aria per poi farmi tornare nell'acqua dello sciacquone. In contemporanea gli altri 3 avevano preso seriamente di mira il mio culetto e continuavano a sculacciarlo. Uno di loro abbasso anche i boxer e, per via della mia posizione, il mio sedere si trovò aperto all'insù e il mio buchino liscio e rosa in bella vista.
A turno, i 3 che non mi tenevano nel cesso, allargavano un po' le mie natiche con le mani e sputavano sul mio ano in continuazione. Sentivo tutto il sedere bagnato dei loro sputi e, di , senza alcun preavviso, un sentii un dito che lo sfiorava. In un secondo fui infilato nel sedere da un intero dito. Sobbalzai dal cesso ma fui rimesso subito giù. Avevo delle sensazioni assurde, mi era venuto un fortissimo battito di cuore, avrei voluto liberarmi, mi sembrava davvero troppo adesso, ma nel frattempo avevo anche percepito una piccola onda di eccitazione in quel dito dentro al mio sedere. Il dito fece avanti e indietro nel mio ano per 5/6 volte e poi fui definitivamente lasciato libero.
I ragazzi se ne andarono ridendo di me e mi dissero qualcosa in francese che, però, non capii in quel momento un po' scioccante. Mi alzai, mi alzai boxer e pantaloncini ed uscii un po' timoroso dal bagno. Al campetto c'era solo Eric che mi aspettava. Andai da lui, un po' arrabbiato per aver permesso che mi usassero a loro piacimento, ma lui con totale disinteresse mi disse "Andiamo a casa che è tardi".
Non gli parlai per tutta la sera. Durante la notte, però, lui scese dal letto a castello e venne nel mio sotto il suo. Mi chiamò a bassa voce "Tommy, svegliati un attimo per favore".
Io aprii gli occhi e lo vidi a 10 cm da me con solo i boxer addosso che gli evidenziavano una grossa forma del suo pene. Io mi feci un po' desiderare facendo la faccia offesa ma lui mi disse "Mi spiace per oggi, sono ragazzi che vengono da zone un po' più malfamate ma non sono cattivi... Non volevano farti male, non siamo abituati ad avere ragazzini come te che giocano con noi, piacevi molto a tutti perché sei molto bello fisicamente"
Io gli risposi in modo secco "Anche se fosse, chi li autorizza ad usarmi come hanno fatto oggi?"
Lui rispose "Hai ragione, però ti prego, non dirlo ai miei, teniamolo come segreto e basta, tanto alla fin fine stai bene per fortuna, ti hanno solo un po' strapazzato"
"Io non sono una bambola da strapazzare però..." dissi
Eric annuì "Lo so, hai ragione, perdonami"
Io feci sì con la testa e mi girai dall'altra parte per continuare a dormire, mentre lui tornò nel suo letto salendo gli scalini. Prima che li terminò girai la testa per poter guardare il suo pene dentro i boxer un'altra volta.
Ero confuso, perché stavo ripensando alla giornata e al fatto accaduto, eccitandomi. Sì, mi stavo eccitando, mi eccitava ripensare a me che venivo sottomesso da quei ragazzi africani fisicati e forti. E sopra di me, in quello stesso momento, c'era Eric, gli avevo appena osservato l'arnese gigante.
Non so cosa mi accadde ma l'eccitazione prese il sopravvento e dissi "Eric, comunque il dito nel sedere mi è piaciuto"
Non ci fu risposta.
Il mio entusiasmo stava per rompersi, quando improvvisamente la sua testa comparve nel buio da sopra il suo letto, a testa in giù come un pipistrello. Mi guardò stranito e mi chiese "Ti hanno infilato un dito nel culo?"
"Ehm, si, nel sedere, già" risposi un po' meno euforicamente io.
Così gli raccontai brevemente cosa mi era accaduto nei bagni quando lui non c'era. Dopo il racconto Eric mi disse sorridendo "Ma quindi in generale quello che ti hanno fatto oggi ti è piaciuto?"
Io chiarii nei dettagli "Mi sono sentito pieno di attenzioni, sembrava cercassero un pretesto, che poi è stato il fallo nella partita, per farmi qualcosa. Quei 4 in particolare mi hanno toccato mille volte il sedere, lo hanno anche denudato. Sembravano eccitati per me, mi è piaciuta la cosa. Certo, non nego un po' di ansia in quel momento, ma adesso che ci ripenso, mi eccita la cosa."
Eric scese ancora dal letto e mi fissò. Si avvicinò e mise la sua mano sotto al mio mento, mentre con il pollice giocava con le mie labbra muovendole. Con l'altra mano si toccava il pisello che sembrava indurirsi sempre di più sotto ai boxer. Avvicinò la bocca al mio orecchio e disse "Vuoi vederlo?".
Io impazzii a quella richiesta e, ormai preso totalmente dai miei ormoni e dall'adrenalina, gli feci sì con la testa e guardandolo con gli occhi di un bimbo che vuole aprire il suo regalo.
Si abbassò i boxer e uscì un serpente lungo almeno 21 cm. I miei occhioni azzurri lo guardarono tutto mentre la mia bocca indicava evidentemente grande stupore per le dimensioni.
Sul mio faccino angelico, Eric diede una carezza alle mie guance arrossate e mi indicò di prenderlo in mano. Lo afferrai con delicatezza e iniziai di istinto a masturbarlo. Abituato al mio, lungo intorno ai 14 cm, mi sembrava veramente ingombrante in mano perché oltre ad essere lungo, era anche abbastanza largo.
Mentre lo segavo, lui mi massaggiava la testa bionda facendomi dei grattini alla nuca. Ad una certa la mano afferrò i miei capelli e spinse la mia testa verso il suo pene. Cambiai posizione per comodità e mi misi a pecorina sul mio letto mentre lui stava in piedi davanti al letto stesso.
Iniziai a muovere il culetto a destra e sinistra come se stessi scodinzolando di felicità. Aprii la mia boccuccia ed Eric iniziò a infilarci la cappella. Era veramente largo, ora con la bocca spalancata me ne rendevo conto, riusciva al pelo a starci dentro. Sempre tenendomi la testa ferma iniziò a fare avanti e indietro nella mia bocca, aggiungendo poco alla volta un po' di pene e di velocità. Iniziai a sentirlo in gola ma non feci molta fatica a non avere conati di vomito. Chissà che forse avevo scoperto una grande capacità, ovvero fare i pompini profondi.
Ogni tanto Eric lo tirava fuori ed io mi impegnavo a leccare cappella e, soprattutto, i grossi testicoli neri. Dopo 15 minuti circa di pompino Eric mi sussurrò "Arriva" (suo modo per dirmi che stava per eiaculare) e in pochi secondi iniziò a spruzzare sperma nella mia bocca e sopra le mie labbra e guance. Era talmente tanto che un po' mi stava colando dal mento, ma fui svelto a prenderlo con le dita per non sporcare le lenzuola. Quello che avevo in bocca lo ingoiai e, visto che non mi fece schifo, leccai anche quello che avevo sulle dita. Terminai leccandomi in modo molto porco lo sperma sulle mie labbra davanti a lui.
Andai in bagno e mi sciaquai almeno le guance. Andai sul gabinetto e in un 10 secondi sborrai copiosamente.
Tornai in camera, diedi la buonanotte ad Eric e tornai a dormire.
Il giorno dopo ripensai a tutto, dal pomeriggio con la gang africana che mi sottometteva, fino al mio primo pompino fatto ad un senegalese più grande di me sia di età che di fisico.
Da lì le cose poterono soltanto andare sempre meglio. In ogni occasione utile, di nascosto in camera, prendevo il suo pene in bocca e lo soddisfavo. Mi sentivo nato per fare quello dal punto di vista sessuale. Percepivo in me una fortissima voglia di soddisfare i ragazzi usando il mio corpo giovane, ma soprattutto molto femminile per via dei peli praticamente assenti e del mio sedere molto apprezzato.
E voi ora vi chiederete: ma il sedere quando te l'ha aperto?
Beh, non ci furono occasioni fino ad un giorno molto particolare.
Facciamo un bel salto temporale fino ad Aprile di quello stesso anno.
Eric mi aveva avvisato e fatto capire cosa sarebbe potuto accadere quel sabato sera.
I suoi amici davano una festa. Si proprio quegli amici, con cui ormai nei mesi mi ero rivisto già altre volte ma senza che accadesse nulla. Quella sera sarebbe stata molto particolare. Eric mi disse "Hanno insistito molto per farti venire alla festa con me" e mi guardò in maniera molto porca. Io mi impegnai ancor più del solito nel mio igiene intimo, in modo da essere perfettamente pronto a qualsiasi evenienza. Non cercai vestiti troppo scomodi, ma pensai di mettermi i pantaloni della tuta più attillati che avevo e una felpa leggera. Andammo a questa festa, fatta dentro lo spazioso garage di uno degli amici di Eric. Erba ed alcool, i due ingredienti di quella festa, che per me era più che altro uno: i manzi africani. Entrammo nel garage e ci accolsero tutti con molta euforia, fui anche preso in braccio da uno di loro e tirato su in aria come fossi una piuma. La festa degenerò in poco tempo: loro fumarono un po' di erba, ma io mi astenni dal farlo, bensì approvai di bere un po' per lasciarmi andare ancor di più e funzionò... Eccome se funzionò. Iniziai ad entrare nel vivo della festa e con la musica a palla mi feci avanti ballando in vicinanza dei ragazzi presenti. Non ero mai stato a feste, ma quei 2 drink bevuti mi avevano già mandato fuori di testa e mi stavo strusciando su tutti a turno, sculettando sopra i loro arnesi. Non essendo nemmeno loro pienamente lucidi, alcuni iniziarono a toccarmi a fondo il culetto mettendo le mani dentro i miei pantaloni. Li avevo ormai tutti attorno a me, Eric compreso, e sentivo i loro respiri profondi ed eccitati sopra la mia liscia pelle bianca. Mi sfilarono lentamente la felpa lasciandomi a petto nudo, in modo da iniziare a toccarmi i fianchi, il petto, la pancia e i capezzoli. Me li leccarono mentre sentivo tutte le mani ovunque sul mio corpo ed ero in estasi. Sospiravo e ansimavo continuamente, ma il bello doveva ancora venire.
Eric mi sfilò i pantaloni e per togliermeli fui sollevato da due ragazzi. La cosa iniziò a farsi selvaggia, mi strapparono di dosso le mutande e mi misero in ginocchio in mezzo a loro mentre si denudavano tutti circondandomi di piselli giganti sopra la mia testa. Erano in 7, assurdo solo pensarci, chi mai avrebbe pensato che a 16 anni avrei fatto sesso con 7 ragazzi africani tra i 18 e i 20 anni e, soprattutto, con delle mazze da baseball al posto del pene?
Cosa importava ora, alcuni di loro mi stavano già schiaffeggiando la testa con i loro piselli già duri.
Neanche a dirlo, iniziai il giro di pompini passando a turno da un cazzo all'altro mentre quelli liberi cercavo di masturbarli con le mie manine. Sembravo circondato da giganti come nei video hentai (per i più studiati) mentre io avidamente leccavo e succhiavo qualsiasi pene mi venisse messo davanti. Ormai decidevano loro prendendomi la testa e spostandomi al pene da spompinare. Dopo circa 10 minuti di pompini, mi alzarono e mi misero a 90 sopra al divano con la testa che mi sporgeva fuori. Due di loro trafficarono qualcosa in alcuni cassetti e tirarono fuori delle corde molto resistenti. Mi sentii immobilizzato da alcune mani mentre le mie caviglie venivano legate accuratamente. Stessa cosa accadde subito anche per i miei polsi. Ero eccitatissimo, nudo, a 90 ed ora pure legato come un salame, completamente sottomesso e dominato da quella gang africana. Uno di loro si mise subito davanti a me e continuò a farsi succhiare l'uccellone ancora umido della mia bava di prima. Dietro, invece, Eric si prese il permesso di essere lui stesso il primo a mettermelo nel sedere. Lo aprì con le mani, sputò dentro, poi si menò un po' il pisello ma infilò prima un paio di dita nel mio ano.
Io feci un sussulto strozzato dal cazzo nella mia bocca e mi preparai a riceverlo dentro cercando di aprire quanto più potevo il mio culetto. Eric avvicinò la punta e iniziò ad entrare un po' a fatica. Ero molto stretto e stavo perdendo la mia verginità con dei piselli veramente grossi. Eric fu però molto bravo e con pazienza mi allargò il sedere senza farmi sentire neppure fin troppo male. Avevo un pochino le lacrime agli occhi ma ero contento ed eccitato del mio sedere finalmente aperto. Soprattutto perché ormai era per me diventato un sogno usarlo invece che stupirmi ogni volta della sua bellezza allo specchio e basta. Lo stavo usando ora, ed ero pronto ed eccitato a riceverne ben 7 diversi a turno. Eric mi cavalcò sempre più forte mentre mi teneva una mano sul fianco e uno sulla mia chiappa destra, mentre io, ogni tanto, tiravo fuori il cazzo di turno dalla mia bocca e ansimavo forte quasi urlando per l'eccitazione e per ancora un pochino di dolore. Adesso fu davvero il momento di essere inculato a turno. Si scambiarono tutti e 7 man mano i ruoli. Uno in bocca, uno nel sedere e gli altri 5 che se lo menavano davanti a me schiaffeggiandolo di tanto in tanto sulla mia schiena. Ad un certo punto fui slegato. Uno di loro mi prese in braccio, mentre un altro teneva le mie gambe aperte e mi ficcava il pisello dentro il sedere. Ero letteralmente sospeso in aria mentre venivo inculato. Passarono tutti a turno anche da quella posizione e fui messo a terra. Mi legarono polsi e caviglie questa volta unite insieme (la posizione hogtie per chi volesse cercarla) e mi misero sul tavolo con la faccia rivolta verso di loro. Iniziarono a segarsi tutti insieme. Due si fecero avanti e iniziarono quasi insieme a sborrarmi sugli occhi e sulla bocca. Con 2 ero già inondato e non ci vedevo più, mi avevano già riempito, ma ne mancavano altri 5. Non posso dirvi quando fu il turno di Eric perché vidi solo altri 2 getti potenti che mi colpirono ancora tutto il viso. Un altro si avvicinò e mi sborrò un po' sui capelli e un po' in bocca direttamente facendomela aprire. Gli ultimi due mi sborrarono direttamente dentro la bocca facendomi ingoiare ciò che riuscivo. Ovviamente era troppo sperma, e parecchio mi colò sul mento gocciolando a terra. Ero veramente imbiancato di sperma in faccia e sui capelli. Venni messo a terra sempre legato a hogtie e nonostante non vedessi praticamente nulla per via dello sperma sugli occhi mi ordinarono "Tommy, piccola troietta, lecca la sborra che hai fatto cadere, non si deve sprecare" Mi limitai a tirare fuori la lingua e la sentii arrivare subito sul pavimento. Tirai su altro sperma e lo ingoiai mentre una mano mi premeva la testa per terra per leccare tutto il possibile.
Mi slegarono e mi fecero lavare.
La festa si concluse così, tutto sommato direi molto bene per quelli che ormai erano i miei gusti e per la mia indole molto affamata di cazzi.
Finisce tutto qua? Certo che no, ci sarà un continuo...

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!