No, Lì No

Dopo le lezioni della zia, esposte nei precedenti racconti, vennero gli anni dell'università. Era l'epoca in cui si parlava molto di "rivoluzione sessuale", stavano venendo fuori riviste porno e i primi film porno soft.
Il fatto di vivere lontani da casa, almeno per gli studenti fuori sede, era un buon motivo per sentirsi liberi, soprattutto per le ragazze che, lontane dagli occhi dei genitori, potevano muoversi con una libertà che non avevano a casa.
Nei prossimi racconti vi narrerò un po' delle cose che mi sono successe, od ho visto, in quegli anni. Cominciamo con un'esperienza soddisfacente solo fino ad un certo punto.
Si chiamava Anna e veniva da un paese del sud, non ricordo che cosa studiasse esattamente. Abitava in un piccolo appartamento diviso con altre tre ragazze. Aveva i capelli neri ed un corpo dalle forme abbondanti, non che si potesse definire grassa, il termine giunonica la descrive adeguatamente. In particolare aveva un seno veramente grande, non mi intendo di misure dei reggiseno ma direi che doveva essere almeno una quarta. Era anche piuttosto imbranata, non riusciva ad abituarsi al ritmo della città, girare per gli uffici universitari ecc. In un'occasione venni in suo soccorso accompagnandola in un ufficio che non riusciva a trovare. Da allora diventai uno dei suoi punti di appoggio, si rivolgeva a me ogni volta che era in difficoltà.
Un giorno la incontrai mentre trasportava un grosso pacco, da perfetto gentiluomo (insomma...) mi offrii si aiutarla. Lei fu contentissima, mi diede il pacco e mi fece strada verso la sua abitazione. Mi fece entrare, non c'era nessuno, le tre ragazze con cui divideva l'appartamento erano fuori.
- Accomodati che ti faccio un caffè - Mi disse
Mi fece accomodare nella sua piccola camera ed andò a preparare il caffè. Tornò dopo 10 minuti portando un vassoio con due tazze e la zuccheriera.
Osservandola mi accorsi di una cosa: mentre preparava il caffè si era tolta il reggiseno e ora le sue tette si muovevano libere sotto la camicetta.

Si chinò per darmi il caffè mettendomi il seno proprio sotto il naso.
Naturalmente la cosa non mi lasciò indifferente, le posai la mano sulle tette, lei invece di protestare si sbottonò la camicetta mettendo allo scoperto le sue zinne dalle areole ben sviluppate.
- Ti piacciono - Mi chiese.
Anche se non sono un fanatico dei seni grandi la cosa non poteva lasciarmi indifferente.
- Moltissimo -
Risposi accarezzando quello che mi veniva messo sotto il naso. Presi tra le dita i capezzoli e cominciai a giocarci, stavano diventando duri e gonfi, dalle dita passai alla bocca, la succhiai con molto piacere sia mio che suo.
Naturalmente tra le mie gambe c'era un bel po' di fermento, insomma avevo un'erezione bella forte, tanto che il membro mi faceva male.
Allungai le mani cercando di alzare la gonna di Anna e di metterle le mani tra le sue cosce. Lei si ritrasse di colpo.
- No, lì no!! - esclamò.
Rimasi interdetto, lei allora mi spiegò:
- Sono vergine e debbo rimanerlo sino al matrimonio -
Aveva un fidanzato, scelto dalla sua famiglia, che avrebbe sposato finita l'università, doveva mantenersi vergine per lui. Quando tornava a casa sua madre controllava che fosse ancora vergine...
Per farmi rilassare mi aprì i pantaloni mi fece una sega, dimostrò che se era vergine tra le gambe non lo era di mano, doveva aver fatto già lavoretti simili ad altri ragazzi.
In seguito avemmo occasione di altri incontri, ma sempre limitati alle tette e alle mani, non fui tra l'altro, venni a sapere, l'unico a poter fruire delle sue grazie.
Una cosa mi chiedo ancora oggi: una volta sposata e liberatasi della verginità cosa avrà fatto? Ho il sospetto che la fronte del marito sia stata ornata di numerose protuberanze.

Comments:

No comments!

Please sign up or log in to post a comment!